Hotel Roma, Manifestations Meetings Music Sport Theater Exhibitions

Hotel 4 stelle Roma, San Lorenzo, Hotel di Charme
Check -in Nights Rooms Type Rooms Numbers Promotional Code

 

faceBook hotel Rome

Rom hotel Sonderangebote
The Hotel was great! I was impressed by the size of my room. I thought for a second that mine was an executive room and I asked the guy at the reception. He told me that all rooms were more or less th ..by TripAdvisor"




 

La Traviata: complete opera with orchestra, chorus and ballet - Opera in Roma

2015-01-03

Evangelica Valdese

The Opera Academy Orchestra and Danza di Roma will take you through the captivating realty of the most famous Opera in the world, “La Traviata”,  in full version with costumes and scenery, Orchestra choir, singers, soloists and dancers. The innovative introduction with the danced parts, as foreseen by the  original score by G. Verdi, a unique element in this version.

LA TRAVIATA, OPERA IN THREE ACTS.

MUSIC BY GIUSEPPE VERDI
LIBRETTO BY FRANCESCO MARIA PIAVE

Cast

Violetta - soprano - Roberta Polverini
Alfredo Germont -  tenore - Emil Alekperov
Giorgio Germont - baritono  - Maurizio Zanchetti
Annina / Flora Bervoix - soprano -  Maria De Giglio 
Gastone, Visconte de Létorières -  tenore - Domenico Venturini
Il barone Douphol - baritono -  Leo Civati
Il dottor Grenvil / Il marchese d’Obigny - basso - Silvano Arcadi
Un commissionario - basso - Luca Renzetti
Giuseppe, servo di Violetta - tenore - Antonio Ascani
Matador ballerino - Massimo Bartucci, Antonino Agliano’
Zingarella ballerina - Borana Qirjazi. Michela Giada Ventura  
Coro matadori, picadori, zingarelle, gente del popolo

Maestro concertatore e direttore - Americo Caretti
Regia e coreografie - Minea De Mattia
Maestro del coro - Antonio Ascani
Scene e costumi - Opera in Roma


Mottetti Sacri per Cori nello specchio delle culture musicali

2014-10-29

Basilica di San Paolo fuori le Mura


Concerto di Musica Sacra al servizio della carità

2014-10-26

Basilica di San Paolo fuori le Mura


Concerto di musica sacra contemporanea

2014-10-26

Sant'Ignazio di Loyola


Johannes Brahms, Ein deutsches Requiem

2014-10-25

Basilica di San Giovanni in Laterano


Anton Bruckner, Messa in Fa-minore "Te Deum"

2014-10-24

Basilica di Santa Maria Maggiore


XIII Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra

from 2014-10-22 to 2014-10-29


Voices from Renaissance

2014-11-16

Sant'Andrea della Valle


La ChiaraStella. I canti di Natale nelle tradizioni popolari

2015-01-05

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
un progetto originale di
Ambrogio Sparagna
per l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica

con la partecipazione del
Coro popolare
diretto da
Anna Rita Colaianni
Il 5 e il 6 gennaio 2015 in esclusiva per Natale all’Auditorium l’Orchestra Popolare Italiana propone la ChiaraStella, un progetto originale di Ambrogio Sparagna, giunto alla sua ottava edizione, dedicato ai canti natalizi della tradizione italiana eseguiti conservandone lo spirito originario con cui queste antiche preghiere popolari cantate furono composte. Una ventina tra voci e strumentisti provenienti da varie regioni animeranno l’Orchestra caratterizzandone il repertorio. E tra questi spiccano le voci della lombarda Maddalena Scagnelli, il napoletano Gianni Aversano e la siciliana Eleonora Bordonaro, Orlando ed Eliseo Mascia, padre e figlio di Maracalagonis (Cagliari), straordinari interpreti del repertori di launeddas sarde. E ancora le zampogne “melodiche” di Marco Iamele e quelle “giganti” del più bravo maestro costruttore di zampogne, il giovane Marco Tomassi di Cassino (Fr). Il suono degli strumenti a bordone è arricchito dalla presenza delle tante cornamuse tipiche dell’Italia del Nord, affidate a Raffaello Simeoni, pluristrumentista e grande virtuoso di fiati popolari, e dalla ghironda e dalla “torototela” (violino a tromba) di Erasmo Treglia, eclettico pluristrumentista di strumenti popolari. L’Orchestra si arricchisce inoltre della presenza di altri strumentisti fra cui Diego Micheli (contrabbasso), Clara Graziano (organetto) e Cristiano Califano (chitarra e chitarra battente), Riccardo Laganà (tamburelli) e Ottavio Saviano (percussioni). Come consueto questo originale organico strumentale accompagnerà il grande Coro popolare diretto da Anna Rita Colaianni, risultato dei laboratori corali realizzati all’interno delle attività dell’Auditorium Parco della Musica.

Omaggio a Roma

2014-11-04

TramJazz

Con R. Siniscalchi (voce), M. Antonietti (chitarra), S. Indino (fisarmonica).
Le storie dell'anima musicale di Roma: le passioni, l'amore e il piacere, la bellezza e l'effimero della vita nella Città Eterna..

Sweet Diamond - Sade tribute band

2014-10-25

Cotton Club

Con L. Marini (batteria), M. Ghera (basso), D. Splendore (chitarra), D. Baudone (tastiere), M.Coco (sassofono),
D. Italia (voce).
Grazie ad uno studio attento dei brani di Sade, la band è in grado di riprodurre l'impalpabile dolcezza dei suoni della sua musica, realizzando un' interpretazione fedelissima all'atmosfera dello spettacolo originale. Ciliegina sulla torta è la voce di Deborah Italia, cantante professionista che per gestualità, presenza e sopratutto voce somiglia incredibilmente a Sade..

Lino Patruno Jazz Show

2014-11-05

Cotton Club

Con M. Supnick (cornetta, voce), C. Ficini (trombone, voce), G. Sanjust (clarinetto), S. Manco (pianoforte, voce)
L. Patruno (banjo, voce), G. Giacomini (contrabbasso)
R. Colasante (batteria).
Con la nuova stagione, il Cotton Club presenta un nuovo appuntamento fisso con la sua programmazione musicale. Ogni primo mercoledì del mese infatti, il pubblico del ristorante potrà assistere al nuovo spettacolo di un grande amico: ''Lino Patruno Jazz Show''..

Ladyvette

2014-11-28

Cotton Club

Con Pepper, Sugar, Cherry (voce).
''Swing Night in Rome'' al Cotton Club con ''Ladyvette'' una formazione d¬Ņorchestra di 4 elementi con ben 3 voci, come le vere dive anni '50! Una serata tutta a base di swing con il concerto delle Ladyvette. Il gruppo √® formato da Pepper, Sugar e Cherry, un trio swing anni Cinquanta..

Zè Vito Terca Feira

2014-10-28

TramJazz

Con Zè Vito (voce e chitarra).
Cantante e compositore della nuova generazione brasiliana, Zè Vito fa parte della band Abayomi e realizza, con la sua chitarra, una musica molto originale con influenze che vanno da Jorge Benjor a Jimi Hendrix..

Lutte Berg Trio

2014-10-29

TramJazz

Con L. Berg (chitarra), A. Gwis (piano), L. Pirozzi (contrabbasso, basso).
Lutte Berg, chitarrista calabro svedese, ed il il suo fidatissimo trio presentano un concerto/viaggio dove le musiche del grande e sconfinato nord si miscelano con il calore della musica mediterranea..

Klezmer Night

2014-10-30

TramJazz

Con G. Coen, (sax e clarinetto), L. Berg (chitarra), L. Caponi, (batteria), M. Loddo (basso).
Il repertorio popolare ebraico si tinge di jazz attraverso la maestria di Gabriele Coen e del suo quartetto, prima formazione italiana ad essere prodotta dalla Tzadik, prestigiosa etichetta newyorchese diretta da John Zorn..

Jazz meet the world

2014-11-01

TramJazz

Con G. Coen (sax e clarinetto), L. Berg (chitarra), M. Loddo (contrabbasso), P. Lussu (piano).
Un viaggio musicale a 360 gradi attraverso la grande tradizione afroamericana, le nuove tendenze del jazz europeo, la musica ebraico-mediterranea, quella turca e quella balcanica..

Terzo Tempo Ligabue Tribute

2014-10-25

Stazione Birra

Una banda, per usare termini ''ligabuiani'', che con amore, passione e convinzione rende omaggio al rocker di Correggio in un tributo, riproponendo i maggiori successi dal 1990 ad oggi, per celebrare ventitre anni di carriera al top..

Radio Rockabilly + Camarilli Brilli e The Remembers

2014-10-31

Stazione Birra

E' la notte pi√Ļ tenebrosa dell'anno: in pista (rigorosamente in maschera), e sul palco con i Camarilli Brilli e The Remembers , i fantasmi dei mitici anni '50/60 per il party pi√Ļ pazzo della capitale..

Luca Colombo - Masterclass&Live Concert

2014-11-01

Stazione Birra

Con L. Colombo (chitarra).
Luca Colombo ascolta ed emula chitarristi quali Santana, J. Hendrix, R. Blackmore, J. Beck. Si √® avvicinato anche ad artisti del panorama jazz- fusion quali Pat Metheny, J. Scofield, M. Stern, sino ad arrivare a personaggi pi√Ļ ''energici'' quali Scott Henderson, A. Holdsworth, J.Satriani, E. Johnson, E. Van Halen, S. Vai..

Kasabian

2014-10-31

Palalottomatica

Appuntamento con il gruppo musicale britannico formatosi nel 1997 a Leicester, Kasabian che presentano il nuo album 18:13..

Ty Segall

2014-10-31

Init

Iperattivo, genio del garage rock pi√Ļ veloce e rumoroso, Ty Segall non riesce mai a rimanere fermo nella sua San Francisco: nel 2012 ha sfornato tre dischi di qualit√† superiore, fra cui 'Twins' lo vedeva nelle vesti di one-man-band a macinare incessantemente brani che in un paio di minuti ciascuno infilano con perfetta nonchalance garage, psichedelia, lo-fi e noise, imbustati con una sorprendente orecchiabilit√†..

Balmorhea

2014-11-10

Init

Balmorhea (da pronunciare ''balmorei'') è un gruppo rock minimalista originario di Austin (Texas, Stati Uniti), fondato nel 2006 da Rob Lowe e Michael Muller. La band ha prodotto 5 album discografici, il primo dei quali, il ''self-titled'' Balmorhea, è stato pubblicato nell'aprile 2007. Le loro influenze maggiori provengono da Ludovico Einaudi, The Six Parts Seven, Claude Debussy, Ludwig van Beethoven, Rachel's, Gillian Welch, Max Richter..

John Garcia Band

2014-11-21

Init

La voce stoner per eccellenza, ripercorrerà in questo tour il passato ed il presente. Proporrà una scaletta che va dai brani dal periodo Kyuss a quello Slo Burn fino al nuovissimo album omonimo ''John Garcia''..

Massimo Pirone

2014-10-30

Elegance Cafè

Con M. Pirone (trombone basso e tuba).
Massimo Pirone trombone, trombone basso e tuba, fa parte della PMJO (Parco della musica Jazz orchestra)ed e' alla guida del suo quartetto con il quale a registrato un cd con Mark Nightingale ''Sold Out''..

Eleonora Bianchini Bossa 4ET

2014-10-31

Elegance Cafè

Nata a Perugia, Eleonora Bianchini, è una giovane cantante italiana che con le sue melodie riesce a creare un'atmosfera avvolgente e affascinante. Rosa Passos, Caetano Veloso, Eva Ayllon, Djavan e Mayte Martin sono i principali aritsti che l'hanno ispirata, e grazie alla loro arte e alla loro musica, Eleonora ha scoperto di possedere una passione unica e profonda per la musica Latino Americana..

Lady Laura 5 Mr. Max Swing Band 5ET

2014-11-01

Elegance Cafè

LadyLaura, artista multiforme, cantante, attrice, scrittrice, paroliera e dal maestro MaxCiafrei, musicista eclettico, pianista, compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra, la band propone una ricercata selezione di brani swing firmati da autori quali George Gershwin, Irving Berlin, Cole Porter, Duke Ellingtonma la sua peculiarit√† consiste nel repertorio originale: fogli sparsi nel tempo, pensieri lasciati sedimentare e pagine scritte in pochi minuti che prendono forma nell¬Ņalbum dal titolo ''Just a secret''..

Brazilian Trio

2014-10-28

Elegance Cafè

Serata dedicata al sound di uno dei paesi musicalmente pi√Ļ prolifici e affascinanti del mondo: il Brasile, con la sua bossa nova rivisitata in chiave jazz..

Gabriella Curlante

2014-10-29

Elegance Cafè

Con G. Curlante (voce), A. Bochicchio (chitarra, loop), M. Carlini (contrabbasso).
Il trio della vocalist Gabriella Curlante propone un lungo viaggio tra gli standards che hanno reso note le grandi interpreti del soul-jazz d'oltreoceano a partire da Etta James per arrivare alla pi√Ļ vicina Amy Winehouse..

Lee Ranaldo in concerto

2014-10-29

Teatro Chiesa Metodista

Tra tutti i componenti dei Sonic Youth, Lee Ranaldo (chitarra) √® forse quello che ha intrapreso ultimamente il percorso pi√Ļ personale e legato al versante ''popular'' che non a quello dell'avanguardia e delle sperimentazioni..

Heaven ... a progressive mood

2014-10-26

Auditorium del Seraphicum

Musiche di arrangiamenti: F. Volpi, con Umbria Ensemble: A. Cicillini (violino), L. Ranieri (viola), M. C. Berioli (violoncello), G. Brufani (contrabbasso), M. Rossetti (pianoforte).
''Heaven'' è un progetto che si pone ai confini della musica classica e del rock e intende abbattere le barriere accademiche degli stili e delle scuole. E' una rilettura di armonie complesse che, nell'interpretazione di Umbria Ensemble, acquisiscono una loro fisionomia originale attraverso le raffinate sonorità degli archi che ne valorizzano il fascino melodico. Musiche di Nick Cave, Robert Wyatt, Carmel, David Byrne, Willy Deville, Tuxedomoon, Caravan, Hatfield & the North, John Cale, The Troggs, Van der graaf generation, Working week, David Sylvian, Penguin Orchestra, Rem..

Jeremy Pelt

2014-10-24

Gregory's Jazz Club

Jeremy Pelt, senza dubbio uno dei migliori trombettisti attualmente al mondo e protagonista della scena jazz di New York sia nei club che nei festival, suona stabilmente in celebri ensemble come la Roy Hargrove Big Band, la Village Vanguard Orchestra e la Duke Ellington Big Band..

Jules Day - Voce Matteo Bortone - contrabbasso Alessandro Marzi - Batteria

2014-10-25

Gregory's Jazz Club

Con J. Day (voce), M. Bortone (contrabbasso), A. Marzi (batteria).
Cantante e compositrice Jules Day porta la sua originalissima firma sonora al Gregory Jazz Club di Roma per un live show creato su misura per gli appassionati di jazz e bossa nova. Jules Day vi appassionerà con la sua unica e vellutata voce, pronta a far rivivere il meglio dei classici del jazz e regalare le sue canzoni originali..

Sofia Ribeiro e Bartolomeo Barenghi

2014-10-29

Gregory's Jazz Club

Con S.Ribeiro (voce), B. Barenghi (chitarra).
Questo duo rapisce sin dal primo momento per il suo particolare universo sonoro e invita a viaggiare attraverso atmosfere diverse, all'interno di un'estetica intima e raffinata..

Emanuele Urso ''The King of Swing''

2014-10-31

Gregory's Jazz Club

Emanuele Urso - The King of Swing - torna al Gregory's per un'altra vibrante stagione. La swing band è stata rinnovata e portata stabilmente al sestetto che vede oltre alla conferma del principe dello stride piano italiano Adriano Urso, il contrabbasso di Fabrizio Montemarano, il vibrafono di Claudio Piselli, la batteria di Claudio Bellotti e la chitarra di Gino Cardamone..

Screamadelica - Happyness

2014-11-08

Circolo degli Artisti

Il meglio della musica Alternative Rock, Retro, Electro e gli immancabili classici dagli anni 60 ad oggi. A seguire il trio londinese Happyness con il loro indie - rock..

Lipuma, Cordisco , Ferrazza Trio

2014-10-24

Charity Cafe'

Con F. Lipuma (voce), D. Cordisco (chitarra), J. Ferrazza (contrabbasso)
.
Il trio propone brani della tradizione jazzistica, dalla songs americana a brani originali, riarrangiandoli con gusto.
.

Linda Gambino Urban Soul

2014-10-25

Charity Cafe'

Con L. Gambino (voce), L. Capelli (piano), M. Polizzi (basso).
Linda Gambino in versione trio con bravissimi e coinvolgenti musicisti per un repertorio attuale con brani di artisti quali Amy Winehouse, John Legend, Paolo Nutini, Milow, Cee Lo Green, Joss Stone, Train, James Morrison, con contaminazioni a piacere di classici della tradizione soul: Aretha Franklin, Otis Redding..

Halloween in Blues #Orror Night con Blues Corner acoustic Band

2014-10-31

Charity Cafe'

Con L. Vaglica (voce, armonica & chitarra acustica), E. Caivano (chitarra), F. Rametta (basso), A. Albanese (cajon). Special Guest M. Teodori (batteria).

Fade (Acoustic Soul)

2014-10-28

Big Mama

Con D.Petrocchi, F.Torresi.
Désirée Petrocchi e Fabiola Torresi utilizzano anche piccole percussioni e ninnoli vari, per arricchire e colorire il loro sound acustico. Il repertorio è fatto di blues, rock & soul, dai Cranberries a Prince, da Joss Stone a John Legend, dai Beatles a Adele, da Bob Marley a Jeff Buckley, da Sting ai Depeche Mode. Ma le artiste presentano anche alcuni brani originali composti da Désirée, che saranno la colonna portante dell'album che le due musiciste romane stanno registrando..

The Road Connection

2014-10-29

Big Mama

Con E. Caivano (chitarra), A. Oliva (batteria), L. Cortoni (voce e chitarra), F. Rametta (basso), F. Cinanni (voce, cori),
L. Gargiulo (tastiere).
Il sound proposto da The Road Connection √® una fusione tra le ruvidit√† del rock inglese pi√Ļ classico e le ballate melodiche che riecheggiano nei suoni della west coast americana. La Band propone un live set potente ispirato alle radici del rock, soul e blues..

Marco & l'Ape

2014-10-30

Big Mama

Con M. Grisafi.
La formazione capeggiata da Marco proporr√† una serata dalle atmosfere pop, soul, e jazz su cover che evocano tradizioni pi√Ļ e datate della musica americana e del moderno pop ingelse. Brani totalmente riarrangiati, la formazione offrir√† l¬Ņascolto di una versione jazzata di Back to Black (Amy Winehouse), una romanticissima Stars (Simply red), nonch√© New shoes di Paolo Nutini, e Miss you dei Rolling Stones che attraverso le percussioni e il sassofono prendono un sapore pop¬Ņfolk.
Verranno inoltre presentati alcuni pezzi inediti che faranno parte del primo album di Marco, in uscita nel 2015, e attualmente in lavorazione e produzione..

Bianca Blues e i Sette Soul

2014-10-31

Big Mama

Con F.Tomaino (voce), A.Bochicchio (chitarra), M. Cifarei (tastiere), M.Nanni (basso), S. Marazzi (batteria).
In scaletta grandi successi del Soul e Rhythm 'n Blues: da ''Knock on Wood'' a ''My Girl'' e ''Mustang Sally'', tutti intrepretati magistralmente dalla grande voce di Fulvio Tomaino e con l'energia e l'impatto sonoro di una delle migliori sezioni fiati in circolazione..

Break Live & DJ Set

2014-10-24

Brancaleone

Il Brancaleone dà spazio a rapper e gruppi emergenti della zona, Montesacro! Dopo la mezzanotte invece si torna alla classica serata Break tutta da ballare, con i dj della Break Family e qualche nuovo acquisto..

Capone'N'Noreaga - Brutta Gente

2014-10-26

Brancaleone

Capone-N-Noreaga ( aka C-N-N ) è un duo Americano hip hop formato nel 1995, proveniente dal Queens , New York City . Il duo è composto da rapper's della East Coast ''Capone'' e ''Noreaga''..

Shanti! Psychedelic Halloween

2014-10-31

Brancaleone

Una serata per festeggiare Halloween in modo indimenticabile. Sul palco del Brancaleone Shanti! Psychedelic Halloween!.

Raphael & General Good

2014-11-01

Brancaleone

Il Brancaleone presenta una serata con due artisti che negli ultimi anni hanno solcato i palchi di tutta Europa e non solo con la loro musica reggae..

Traditional Jam of BiBop

2014-10-28

Be Bop Jazz & Blues Live Club

Con D. Cordisco (chitarra), G. Rosciglione (contrabbasso), G. Campanella (batteria).
Puntuale ogni Martedì la storica Jam al Bebop Jazz Club in una innovativa jam session attraverso le molteplici forme della musica jazz e swing diretta da Daniele Cordisco (chitarra), Giorgio Rosciglione (contrabbasso) e Giovanni Campanella (batteria)..

Moreno Romagnoli ''Bossa Project''

2014-10-30

Be Bop Jazz & Blues Live Club

Con M.Romagnoli (sax tenore e soprano), R. Silva Joly (voce e chitarra), Colorado (percussioni).
Una rivisitazione della musica Brasiliana e della Bossanova attraverso i suoi migliori successi arrangiati in chiave strumentale e vocale dal Saxofonista Moreno Romagnoli e dalla Cantante/Chitarrista Raquel Silva Joy, con ospiti d¬Ņeccezione..

Max Ionata quartet

2014-10-31

Be Bop Jazz & Blues Live Club

Con M. Ionata (sax), L. Mannutza (piano), L. Fattorini (contrabbasso), A. Nunzi (batteria).
Questa √® la formazione con cui Max Ionata ha conquistato il pubblico del sol levante, infatti √® proprio con questo quartetto che Max ha inciso il fortunato disco giapponese ''Inspiration'' al quale poi √® seguito il progetto pubblicato in Italia dalla Via Veneto Jazz intitolato ''Dieci'' ed √® con quest¬Ņorganico che Max ha deciso di continuare a fare musica. Questa volta accanto a Max ed al suo Sax saliranno sul palco: Luca Mannutza al Piano, Luca Fattorini al Contrabbasso, Andrea Nunzi alla Batteria..

Adika Pongo

2014-10-24

Big Mama

Con A. Merli (batteria), A. Scialò (tastiere), P. Oliver (percussioni), F. Silvy ( voce).
Gli Adika Pongo sono una concreta realtà musicale dal 1994, anno in cui leader e fondatore del gruppo era quel Niccolò Fabi che sarebbe poi divenuto cantautore affermato. Da allora la band, capitanata da Alessandro Benedetti e Costantino Ladisa, non si è mai arrestata. Con una media di un centinaio di date l'anno si sono prefissati il compito di portare in giro in Italia e in Europa, quella che viene chiamata ''Disco Music'' e che era suonata da band numerose come gli Earth Wind & Fire, gli Chic, Barry White, Kool & The Gang e tanti altri..

Just one night

2014-10-25

Big Mama

Con G.Sims (chitarra), M.Brill (basso e voce), M.Magnoni (chitarra, M. Quagliozzi (keyboards), P.Pierantozzi (batteria).
Serata dedicata a Eric Clapton, animata dalla formazione guidata dal bassista Mick Brill: Tulsa Time, After Midnight, Setting Me Up, Cocaine, Wonderful Tonight, Rambling On My Mind sono solo alcune delle canzoni pi√Ļ belle che verranno riproposte stasera, con quel caratteristico British Sound che distingue Clapton da tutti gli altri bluesmen....

The Parov Stelar band

2014-11-22

Atlantico Live

Dopo aver iniziato come dj nei club nella seconda met√† degli anni '90, dal 2004 Marcus F√ľreder ha cominciato a dedicarsi alla produzione sotto lo pseudonimo di Parov Stelar. I brani composti da Parov Stelar sono stati utilizzati per oltre 700 compilation e hanno fatto da colonna sonora a numerose campagne pubblicitarie, tra le quali quelle di Chrysler, Audi, Bacardi e Motorola. Dal 2005, Parov Stelar ha iniziato a esibirsi dal vivo accompagnato da una band completa. Attualmente insieme a lui sul palco ci sono cinque musicisti: Cleo Panther (voce), Max the Sax (sassofono), Jerry Di Monza (tromba), Michael Wittner (basso), Willie Larsson Jr. (batteria)..

Lo stato sociale

2014-11-28

Atlantico Live

Attualmente impegnati con le ultime tappe del tour estivo nei festival open air in Italia, da nord a sud, i cinque di Bologna hanno gi√† registrato oltre 26.000 presenze in 12 date, conferma del forte consenso di pubblico del nuovo disco L'Italia Peggiore che ha subito, da indipendente, scalato le classifiche di iTunes, piazzandosi in ottima posizione anche nella classifica ufficiale dei dischi pi√Ļ venduti in Italia..

Duetti e romanze da opere celebri

2014-10-27

Auditorium C.A.S.C. della Banca d'Italia

Con L. Falcone (soprano), C. Novak (mezzo soprano), F. Puglisi (tenore), A. Roccatani (baritono), dirige H. Sato.
Ingresso libero.

Halloween Night - Burlesque & Swing

2014-10-30

L'Archivio 14

L'Archivio 14 festeggia Halloween con una serata di musica, e Burlesque Show . Dalle 20.00 DJ Set by Coppola Joe con Swing & Rock N Roll Music. Dalle 22.00 Hosting: Coppola Joe. Cofondatore dell'agenzia Les Folies Retro. Il suo punto di forza è il sapere intrattenere e coinvolgere il pubblico di ogni genere ed età con gag comiche e giochi di parole, questo fa di lui anche un eccellente presentatore. Si prosegue con Danilo Ramon Giannini nelle vesti di Dead Sinatra ci delizierà con un repertorio improntato su uno dei maggiori artisti musicali di tutti i tempi Frank Sinatra conosciuto anche come The Voice. Seguirà il Burlesque Show..

Derrin Nauendorf

2014-11-14

L'Archivio 14

Durante l'ultimo decennio , Derrin Nauendorf ha cementato la sua reputazione come uno dei cantanti, chitarristi e compositori di primo ordine . Ad oggi, uno degli artisti acustici pi√Ļ richiesti al mondo. Derrin ha raggiunto suoni incredibili , voce soul e testi incisivi che hanno conquistato migliaia di fan. Inoltre Derrin ha partecipato a programmi radiofonici Bob Harris e Paul Jones BBC Radio 2 in Tros Musik Cafe in Olanda e Triple J Radio in Australia ..

Lucrezio de Seta Quartet intro ''Movin' on''

from 2014-10-28 to 2014-10-29

Alexanderplatz

Con L. de Seta (batteria), E. Carucci (pianoforte), L. De Rose (contrabbasso), P. Recchia (sax alto).
Lucrezio de Seta, musicista versatile dalla lunga esperienza, marted√¨ 28 e mercoled√¨ 29 ottobre presenter√† il suo progetto ''Movin' On'' all¬ŅAlexanderpltaz di Roma. Insieme a lui, a salire su questo palcoscenico consacrato alla Blue Note ci saranno Ettore Carucci al pianoforte, Leo De Rose al contrabbasso e Paolo Recchia al sax alto, in qualit√† di special guest; musicisti che altri non sono se non i compagni di un¬Ņavventura che aprir√† senza dubbio tanti scenari musicali..

Baraonna

from 2014-10-24 to 2014-10-25

Alexanderplatz

I Baraonna sono un quartetto vocale italiano, diventato famoso grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo 1994 con I giardini d'Alhambra, che vinse il Premio della Critica e Premio Miglior Arrangiamento. La musica dei Baraonna ha creato uno stile musicale proprio e riconoscibile, miscelando la mediterraneità della tradizione musicale partenopea con il jazz, il funky e lo swing, in un'apprezzabile centrifuga di polifonie e contrappunti di buon livello tecnico..

Giampaolo Ascolese & Marie Reine Levrat

2015-05-30

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Giampaolo Ascolese vibrafono, batteria
Larry Franco voce
Antonello Vannucchi pianoforte
Michele Ascolese chitarra
Elio Tatti contrabbasso
Giancarlo Sanò archivio fotografico e repertorio storico
Massimo Achilli progetto visivo, montaggio e regia video
Marie Reine Levrat quadri e disegni originali nel progetto visivo

interverranno
Stefano Senardi, Fabrizio Salvatore, Alessandro Guardia, Franco Fasano, Gerardo Iacoucci, Paola Massero, Mauro Zazzarini, Riccardo Biseo, Massimo Moriconi, Dario Lapenna e tanti altri amici di Nicola...




A cinque anni dalla scomparsa di Nicola Arigliano, da tutti considerato il più grande crooner della canzone Italiana in forma di Jazz ma non solo, Giampaolo Ascolese, suo collaboratore per più di 20 anni, e Marie Reine Levrat, pittrice e compagna di Ascolese e grande amica di Nicola, vogliono ricordane la grande figura musicale, ma anche la graffiante autoironia che ha contraddistinto tutta la sua carriera.
Nella serata del 30 Maggio 2015, primo evento in assoluto dedicato a Nicola Arigliano a Roma dopo la sua scomparsa avvenuta il 31 Marzo 2010, saranno invitati molti musicisti che hanno collaborato con lui, oltre al gruppo base che è stato compagno di viaggio di Nicola negli ultimi 10 anni.
In particolare saranno invitati, come ospiti, i musicisti con i quali Arigliano ha vinto il “Premio Tenco” nel 1995 (Riccardo Biseo, Massimo Moriconi) ed il gruppo con il quale Arigliano ha partecipato a numerosissime trasmissioni televisive, festival del Jazz e concerti in tutta Italia, nonché a due edizioni del festival di Sanremo ( 2003 come super ospite e 2005, con il conseguimento del “Premio della Critica”). Il gruppo che costituirà l’ossatura musicale di tutta la serata, sarà costituito da: Giampaolo Ascolese, Antonello Vannucchi, Michele Ascolese, Elio Tatti e sarà completato da colui che forse è l’unico vero erede musicale del grande Arigliano, Larry Franco, cantante-crooner, anche lui pugliese, che è stato anche pianista di Arigliano per circa due anni. Le serata è una prima nazionale assoluta e prevede la proiezione di un progetto visivo curato da Massimo Achilli in sincrono con la musica “live”, con immagini di repertorio ed originali della pittrice Marie Reine Levrat, dedicate ad alcune canzoni tipiche del repertorio di Arigliano. Oltre ai quadri ed ai disegni di Marie Reine Levrat, ci saranno immagini di repertorio appartenenti ad un grande amico di Nicola, Giancarlo Sanò, nativo di Squinzano come Nicola, che gentilmente metterà a disposizione per la serata. Infine saranno invitati numerosissimi ospiti musicali e non, che hanno collaborato con Arigliano, compreso l’autore del brano “Colpevole” , Franco Fasano, con il quale Arigliano si è aggiudicato l’ambìto “Premio della Critica” al festival di Sanremo nel 2005.

Sergio Caputo Show

2015-03-19

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Sergio Caputo chitarra, voce



Sergio Caputo inizia la sua carriera musicale alla fine degli anni 70 al Folk Studio di Roma, ma il grande successo arriva nel 1983 col suo primo album Un Sabato Italiano, tutt'ora un classico della musica italiana.
Seguono altri 11 album più varie compilation da cui vengono estratti una serie di brani memorabili, tra cui L’Astronave Che Arriva, Italiani Mambo, Il Garibaldi Innamorato. Oltre ai successi discografici, la carriera di Sergio è caratterizzata da un’intensa attività live che culmina in tre partecipazioni al Festival di Sanremo.
Lo stile del cantautore romano affonda le radici nel jazz e spazia nei ritmi latini, mentre il suo linguaggio letterario attinge dal quotidiano e dalle nevrosi metropolitane.
Nel 2013, celebra il trentennale di Un Sabato Italiano. Sergio pubblica un album-celebrazione con nuove versioni dei suoi brani più celebri con un sound jazz e i due inediti C’est moi, l’amour e I love the sky in semptember. Inoltre si ripresenta al suo pubblico con Un Sabato Italiano Show 30: due ore di spettacolo durante le quali propone live l'intera track-list dell’album, più i maggiori successi della sua carriera. La formazione è quella tipica della Big Band, composta, oltre che da Sergio alla voce e alla chitarra, da batteria e percussioni, basso, tastiere, e una sezione fiati con tromba, e due sax. Contemporaneamente pubblica il suo romanzo autobiografico Un Sabato Italiano Memories, che racconta l’ambiente e il contesto in cui maturarono i brani dell’album.
Nel 2014, Sergio Caputo, incassato il successo del suo show celebrativo, trova ancora nel teatro il suo ambiente più congeniale e propone il Sergio Caputo Show, con una scaletta che comprende sempre i suoi maggiori successi, ma anche diverse novità e un Sergio Caputo sempre più comunicativo e disponibile al dialogo con il suo pubblico.

Programma d’autore con Fiordaliso

2014-11-15

Museo Napoleonico

Spettacolo nell'ambito della manifestazione "Autunno nei Musei"


Autunno nei Musei - Riccardo Sinigallia in concerto

2014-10-28

Il noto cantautore Riccardo Sinigallia si esibirà con una formazione speciale, ideata ad hoc per questo evento, rivisitando in chiave acustica il suo repertorio ed alcune cover..
Ingresso libero.

Blind Date - Concerto al Buio

2014-11-10

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Con C. Picco, compagnia C.B.M. Italia Onlus.
Una serata benefica a sostegno della campagna di lotta alla cecità infantile ''Apriamo gli occhi''..
Per prevendite Prenotazione obbligatoria, fino a esaurimento posti al numero 06/684000345.
Ingresso libero.

Cinque allegri ragazzi morti - Il Musical LO-FI: episodio 1/L'alternativa

2014-11-07

Teatro del Lido di Ostia


Natale in blues: Melodie della tradizione natalizia in arrangiamenti jazz originali

2014-12-28

Teatro di Villa Torlonia


Amadeus: scusi ma lei √® massone? Mozart, le sue opere ed il legame con le regole massoniche (Le nozze di Figaro ‚Äď Die Zauberflote ‚ÄúFlauto Magico‚ÄĚ)

from 2014-11-30 to 2014-12-01

Teatro di Villa Torlonia


Presentazione del libro "Susanna non vien. Amore e sesso in Mozart"

2014-11-30

Teatro di Villa Torlonia


Neverflowers

2014-10-24

Auditorium del Massimo


Med Free Orkestra

2015-01-31

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Sarah Jane Ceccarelli voce
Lavinia Mancusi voce
Francesco Fiore tromba
Angelo Olivieri tromba
Alessio Guzzon tromba
Ihor Svystun trombone
Gabriele Gagliarini percussioni arabe e mediterranee
Attilio Costa chitarra acustica/elettrica
Vincenzo Vicaro sax e clarinetto
Andrea Merli batteria
Alessandro Severa fisarmonica
Riccardo di Fiandra basso



Nel 2010 nasce la “Med Free Orkestra”. Cinque Paesi, tre continenti e cinque lingue diverse, la Med Free Orkestra è un ensemble multietnica composta da dodici musicisti provenienti da varie aree del sud del mondo, Perù, Grecia, Ucraina, Canada e Sud Italia e rappresenta una delle esperienze più interessanti e originali nell’ambito musicale italiano e del bacino del mediterraneo.
La multietnica e romana Orkestra pone Roma e l’Italia al centro del Mediterraneo in una contaminazione di suoni e sapori scaturita dall’incontro delle tante culture che compongono la straordinaria esperienza umana e musicale della Med Free Orkestra.
La collaborazione attiva con artisti di fama nazionale ed internazionale provenienti anche da altre regioni del mondo, da Andrea Satta a Baba Sissoko, da Paola Turci a Franky HI NGR, da Stefano Di Battista a Yannis Vassilakos, dai Nobraino a Emanuele Dabbono, da Ennio Fantastichini a Corrado Fortuna, da Claudio Fava a Andrea Rivera, da Erri De Luca a Claudio Prima (Banda Adriatica), da Vincenzo Crivello a Gli Scontati, da Vincenzo Ostuni a Raffaele (Lele) Vanolli, da Paolo Briguglia a Alessandro Haber, da Claudio Santamaria a Roy Paci a Mbarka Ben Taleb, contribuisce a rafforzare questo concetto. Insomma, è come partire per un viaggio che dalle strade di Roma arriva ad abbracciare l’intero Mediterraneo in un intreccio di musica, lingue, etnie, culture e orizzonti che va ben oltre i confini del Mare Nostrum. La Med Free Orkestra propone un pop-rock-balcanico-mediterraneo-orientale dando spazio alla musica mediterranea, dalla musica balcanica, klezmer, africana, persiana, turca, greca, reggae e più in generale alla world music.

Superfici sonore - Charles Cohen, Rabih Beaini

2014-10-24

Alla Galleria 3 si esibisce Charles Cohen, jazzista, maestro dell'improvvisazione e punto di riferimento della rassegna, attorno a cui ruoteranno gli altri artisti. Non si parla di talento quando si parla del compositore sperimentale di Philadelphia, ma di magia, di Unicità Sonora, un'avanguardia musicale estremamente ricercata. Ad esibirsi con lui Rabih Beaini, che ha fatto del pluriennale bagaglio in campo musicale lo strumento per raffinare le sue sonorità, conferendo sregolata eleganza alle sue produzioni elettroniche..

Superfici sonore - Donato Dozzy e Neel

2014-10-25

MAXXI Museo nazionale delle Arti del XXI secolo

Con D. Dozzy, Neel.
Seconda serata della rassegna Superfici Sonore si esibiscono Donato Dozzy e Neel, i curatori del progetto, sensibili creatori di atmosfere profonde e durature nel tempo e nello spazio. I due musicisti si spingono a dialogare con nuovi spazi, nuovi significati e sensi dopo aver appena sonorizzato il Ponte della musica in occasione del Centenario del Coni..

Dieci

2014-11-17

Con Guido Tognetti- Fabio Martini - I Totem - Gli Innocenti - Emanuela Tittocchia - Laura Ruocco.

Sebadoh + Lone Horne

2014-10-24

Circolo degli Artisti

I Sebadoh sono un gruppo indie rock statunitense, formatosi nel 1986 a Westfield nel Massachussetts da Eric Gaffney e Lou Barlow. Assieme a band come Pavement e Guided by Voices sono considerati tra i pionieri del lo-fi, sottogenere dell'indie rock, caratterizzato prevalentemente dall'utilizzo di tecniche di registrazione in bassa fedeltà. Segue il concerto dei Lone Horne: i loro live sono un viaggio verso le praterie della mente, tra arrangiamenti studiati ed improvvisazioni selvagge, come hanno dimostrato in club grandi e piccoli del sottobosco romano, aprendo ad artisti come Marnie Stern, o accompagnando i Moon Duo in alcune tappe del loro ultimo tour italiano..

Appunti di viaggio

2014-10-24

Teatro Brancaccio

Di Lina Sastri, con Lina Sastri.
Un viaggio nel teatro, nella musica e nel cinema italiano,
attraverso i racconti di vita vissuta,
di incontri indimenticabili con le eccellenze artistiche del nostro paese,
brani poetici e di drammaturgia di grandi autori e registi,
brani musicali della grande tradizione classica napoletana e internazionale,
tutto liberamente e semplicemente proposto da Lina Sastri,
accompagnata in scena dai suoi valentissimi musicisti
pronti a seguirla ad ogni invito o suggerimento musicale..

Crystal Fighters

2014-10-29

Atlantico Live

Lo stile del gruppo unisce suoni tipici della tradizione dei basca, percussioni tribali, ritmi frenetici tipici dell'indietronica. Altre influenze sono fornite dalla mitologia, dalla musica punk e pop spagnola degli anni ottanta. Fin dagli esordi il gruppo ha puntato molto sulle esibizioni live: i Crystal Fighters si impongono di non fare semplici concerti, ma vere e proprie ''performance artistiche'' oppure ''opere musicali'' attraverso l'utilizzo di oggetti e strumenti non convenzionali, come la txalaparta, strumento tipico basco..

Zac in progress

2014-10-24

Be Bop Jazz & Blues Live Club

Con E. Zaccagnini.
Zac In Progress è un format di spettacolo inusuale, che chiunque voglia fare uno show lo escluderebbe a priori. Immaginatevi una performance sempre diversa nei protagonisti e nei contenuti, il tutto in una struttura precisa, provata e studiata, pronta ad essere cambiata anche 5 minuti prima di andare in scena. Non solo musica (a 360 gradi) ma anche teatro, danza, poesia, comicità, tradizione, ricerca, modernità e talento..

Philippe Petrucciani Trio

from 2014-10-24 to 2014-10-25

Alexanderplatz

Con N. Blanc (voce), P. Petrucciani (chitarra), M. Micheli (basso),
M. Roche (batteria).
Philippe Petrucciani inizia lo studio della chitarra con il padre (Tony Petrucciani, noto chitarrista jazz). Successivamente comincia a suonare Jazz con i suoi due fratelli Louis (contrabbasso) e Michel (pianoforte), sotto la guida del padre e l'ascolto di musicisti come Wes Montgomery, Bill Evans, Tal Farlow. Stasera sarà all'Alexander con il suo trio per una serata eccezionale..

Concerto di Pasquetta - Concerti del Tempietto. Festival Musicale delle Nazioni

2015-04-06

Chiostro di Campitelli


Concerto di Pasqua - Concerti del Tempietto. Festival Musicale delle Nazioni

2015-04-05

Chiostro di Campitelli


Concerto di Capodanno 2015 - Concerti del Tempietto. Festival Musicale delle Nazioni

2015-01-01

Chiostro di Campitelli


Natale... con Liszt - Concerti del Tempietto. Festival Musicale delle Nazioni

2014-12-26

Chiostro di Campitelli


Concerto di Natale - Concerti del Tempietto. Festival Musicale delle Nazioni

2014-12-25

Chiostro di Campitelli


Ecem Alniacik (pianoforte)

2014-11-30

Chiostro di Campitelli


Aldo de Vero - Giuseppe Campisi (pianoforte a quattro mani)

2014-11-29

Chiostro di Campitelli


Margherita Santi (pianoforte)

2014-11-23

Chiostro di Campitelli


Andrea Azzolini (pianoforte)

2014-11-22

Chiostro di Campitelli


Piero Pellecchia (clarinetto) - Rossella Vendemia (pianoforte): Fiori Rossiniani. Opera

2014-11-16

Chiostro di Campitelli


Montale & Chopin. Alessandra Mauro - Enrico Padovani (pianoforte a quattro mani)

2014-11-15

Chiostro di Campitelli


Valentina Valente (chitarra)

2014-11-09

Chiostro di Campitelli


Simone Onnis (chitarra) - Attraverso i secoli

2014-11-08

Chiostro di Campitelli


Emanuele Frenzilli (pianoforte)

2014-11-02

Chiostro di Campitelli


Cristiana Mastrantonio (pianoforte)

2014-11-01

Chiostro di Campitelli


Concerti del Tempietto - Festival musicale delle nazioni

from 2014-11-01 to 2014-11-30

Chiostro di Campitelli


Hammond Band

from 2014-11-08 to 2014-11-09

Museo dell'Ara Pacis

Concerto gratuito a cura di AMI - Associazione Musicisti Italiani

La caratteristica principale che contraddistingue questa band è costituita dall’elemento solista.
Protagonista della serata √® infatti l‚Äôorgano ‚ÄúHammond‚ÄĚ, strumento dalle sonorit√† inconfondibili che ha caratterizzato la musica leggera, R & Blues e Jazz fino agli anni ‚Äô80. Il M¬į Adelmo Musso e la sua band di 9 elementi (organo ‚ÄúHammond‚ÄĚ, sassofoni, tromba, trombone, batteria, basso, chitarra elettrica) eseguono brani R & Blues, Funky e rivisitazioni di successi italiani famosi nel mondo, con arrangiamenti particolari che esaltano tutta la duttilit√†, la brillantezza e la carica sonora dell‚Äôensamble


Musica Live con Daniele Giannetti e Akira Manera

2014-10-24

Antico Caffé Ruschena


UN PONTE DI NOTE - Un viaggio musicale tra due culture: Roma - La Habana

2014-11-15

Centro Culturale Elsa Morante


One Man one Vision - Tribute a Freddie Mercury

from 2014-11-24 to 2014-11-25

Teatro Italia

Riproduzione inedita delle partiture dei Queen con cori polifonici interamente dal vivo.
L intento √® di mettere in luce la poliedricit√† di questo straordinario artista che, nel corso della sua carriera, ha spaziato dal Pop al Rock, dal Balletto al Teatro, dal Cinema all¬ŅOpera Lirica e questo avverr√† attraverso una scelta di brani riuniti in gruppi tematici che renderanno chiari i diversi mondi musicali che Mercury e i Queen hanno frequentato nell arco della loro produzione artistica.
Il progetto intende riprodurre dal vivo effetti musicali, come ad esempio i cori e l effettistica derivata dai sequencers, che gli stessi Queen preferivano riprodurre in playback durante i loro concerti live..

Wonderland

from 2014-10-22 to 2014-10-25

TramJazz

Con J. Elaine Yuille (voce), E. Carucci (piano).
Viaggio nel mondo di Stevie Wonder con le pi√Ļ famose canzoni arrangiate in chiave jazz..

Open Swing Lab

from 2014-10-20 to 2014-10-27

Be Bop Jazz & Blues Live Club

Con G. Cuscito (sax, pianoforte), G. Cardamone (chitarra), G. Talone (contrabbasso).
Novità assoluta!! Ogni lunedì a partire dal 6 ottobre, al Bebop è Open Swing Lab! A sorvegliare la stretta osservanza delle regole di quello che sarà un vero e proprio laboratorio aperto di musica Swing, i nostri agenti federali: i G-men..

Jovanotti 2015 Tour - Jovanotti in concerto

2015-07-12

Stadio Olimpico


The Game

2014-12-05

Atlantico Live


Spasimo

2014-11-28

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Programma
Giovanni Sollima
Medea nuova versione per violoncello e voci
Spasimo

interpreti
Giovanni Sollima violoncello, violoncello elettrico
PMCE Parco della Musica Contemporanea Ensemble
Solisti del coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Tonino Battista direttore




Giovanni Sollima è un vero virtuoso del violoncello. Suonare, per lui, non è un fine ma un mezzo per comunicare con il mondo. Ed è un compositore fuori dal comune che, grazie all'empatia che instaura con lo strumento e con le sue emozioni e sensazioni, comunica attraverso una musica unica nel suo genere, dai ritmi mediterranei, con una vena melodica tipicamente italiana ma che, nel contempo, riesce a includere tutte le epoche e i generi, dal barocco al "metal". Il suo è un pubblico variegato e trasversale: dagli estimatori di musica colta ai giovani "metallari" e appassionati di rock, Giovanni Sollima conquista tutti. Scrive soprattutto per il violoncello e contribuisce in modo determinante alla creazione continua di nuovo repertorio per il suo strumento. Il concerto vede Sollima protagonista assoluto come compositore e come interprete. Apre la musica di scena della “Medea” di Euripide, composta per la rappresentazione di Peter Stein al Teatro Greco di Siracusa nel 2004, qui proposta in una nuova versione dove, insieme alle 12 voci, viene inserita la partecipazione dello stesso Sollima. Segue “Spasimo”, dedicata a uno dei simboli della contraddizione storico-culturale, la storica chiesa sconsacrata in stile gotico-normanno, priva di tetto e riportata in vita dal degrado proprio durante gli anni ’90, linfa vitale di Palermo, sintesi di quanto di meglio ha composto il nostro: pattern che si susseguono e si ripetono citando la musica araba, il pop, la tradizione popolare e la musica d’avanguardia. Un concerto che conduce l’ascoltatore in luoghi privi di appigli: l’unica soluzione è la resa alle emozioni.

FlamenTangoProject

2014-11-02

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Lucio Pozone chitarra flamenco
Massimo De Lorenzi chitarra
Alessandra D'Andrea flauto
Giovanna Famulari violoncello e voce
Alessandro Fischione fisarmonica & bandoneon
Gabriele Gagliarini cajon e percussioni



FlamenTangoProject è un sestetto di musicisti, fortemente voluto dal direttore artistico e chitarrista Lucio Pozone, al cui invito hanno aderito virtuosi di altissimo livello provenienti da diverse esperienze artistiche e specializzati in esecuzione di musica tango e flamenco. Questa peculiarità dà forza al progetto che si propone di spaziare dalla cultura flamenca a quella sudamericana, passando attraverso la canzone napoletana, il jazz arricchito con un “pizzico” di Messico, il blues e... la passione del tango argentino. La magia dei FlamenTangoProject, un "sogno" fusion della migliore musica e danza ispanica, ha già calcato palcoscenici prestigiosi riscuotendo ovunque ampi consensi: il desiderio dell’ensemble è quello di far gustare sia le musiche di autori che hanno lasciato il segno indelebile nella storia, sia le proprie composizioni, coinvolgendo emozionalmente il pubblico in un live intrigante e assolutamente seducente! In questa occasione si presenterà il loro CD, appena pubblicato e si porterà in scena il progetto “8cho de Tango y 12oce de Flamenco”: il numero 8 è il nucleo, il cuore del tango, il passo fondamentale della donna; il numero 12 è il ritmo del flamenco, la scansione del tempo, la forza impetuosa e romantica allo stesso tempo, la voglia di esprimere intensamente il proprio essere in vita. Musiche di Lucio Pozone, Massimo De Lorenzi, Astor Piazzolla, Chick Corea.

Plaza Francia

2014-11-22

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli

Catherine Ringer
Christoph H. Müller
Eduardo Makaroff


I Plaza Francia presentano all’Auditorium Parco della Musica “A New Tango Song Book”, il loro primo album che in Francia ha venduto più di 50.000 copie. Il trio formato, da Catherine Ringer, Christoph H. Müller ed Eduardo Makaroff, rappresenta un autentico fenomeno musicale, capace di fondere la passione del tango, l’internazionalità del pop e la sensualità francese. Da un lato l’argentino Eduardo Makaroff e lo svizzero Christoph H. Müller, due pilastri dei Gotan Project alla ricerca di brani originali capaci di stabilire un ponte tra il tango e la pop music; dall’altro Catherine Ringer, una delle più grandi voci francesi che è riuscita a costruirsi una carriera solista dopo 30 anni trascorsi nei Les Rita Mitsouko, band che ha segnato la storia del rock francese. Il tango non tradizionale dei Plaza Francia abbraccia la pop music con ritmi vicini al passato musicale di Catherine: è qualcosa di più grande del tango, è la Francia che incontra l’Argentina, Piazzolla e Santana insieme. Un viaggio in prima classe verso Buenos Aires nel solo spazio temporale di un album che prende in prestito tanto dal tango ma che mantiene lo spirito e l'animo del rock. I testi sono firmati Makaroff (da Eduardo e suo fratello Sergio) e parlano il linguaggio del tango: crepacuore, dramma, esilio e amore. Con questo album, Catherine Ringer apre le porte verso le Americhe, una strada aperta un secolo prima da un'altra signora francese, Edith Piaf.

Festival pianistico di Roma XIII Edizione

from 2014-10-31 to 2014-11-02

Musei Capitolini

Concerti gratuiti nell'ambito della 13ª edizione del Festival Pianistico di Roma
A cura di Concertistica Romana 

Il Festival Pianistico di Roma giunge quest'anno alla sua tredicesima edizione. Al centro di questa proposta musicale vi √® il pianoforte con il suo illimitato repertorio e possibilit√† espressive. In questo mare di ipotesi musicali sono stati privilegiati i recital pianistici, la musica da camera, i giovani talenti emergenti e negli ultimi anni il jazz.  

Nella tre giorni di Festival Pianistico si esibiranno il:
- 31 ottobre: due giovani promettentissimi talenti Daniele Riscica e Tommaso Carlini;
- 1 novembre: per la musica classica il Maestro Bruno Canino;
- 2 novembre: per il jazz il Maestro Enrico Pieranunzi.


Stefano Carboni Quartet

2014-10-24

Elegance Cafè

Il quartetto propone un repertorio ricco di brani che hanno fatto la storia della musica black, grazie alla penna e all'interpretazione di artisti come Muddy Waters, BB King, Wilson Pickett, Marvin Gaye, Ray Charles e molti altri. I ritmi del blues, boogy woogy, vi faranno rivivere l'autenticità di quegli anni, quando la musica si suonava sul serio, con umiltà e passione..
Ingresso libero.

Stuff Like That Quartet

2014-10-25

Elegance Cafè

Con P.Pizzi (voce), A. Rea (piano), D. Sorrentino (basso), G. Campanella (batteria).
La vocalist Piera Pizzi presenta un repertorio pop, soul, jazz. Nella formazione anche Andrea Rea al piano, Daniele Sorrentino al basso e Giovanni Campanella alla batteria..
Ingresso libero.

Jam Andrea Romanazzo Trio

2014-10-27

Elegance Cafè

Andrea Romanazzo: bassista e contrabbassista eclettico, vanta esperienze musicali nei rami pop, jazz, classica ed etnico, tra gli altri ha suonato con Mike Stern, Danilo Rea, Javier Girotto,Russel Ferrante, Eddy Palermo, Riccardo Biseo, Luca Barbarossa, Kelly Joyce..
Ingresso libero.

Le pi√Ļ belle arie del mondo

2015-03-18

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Suoni, parole, immagini a cento anni dalla prima guerra mondiale

2015-03-11

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Violini virtuosi: Francesca Dego e Domenico Nordio

2015-03-04

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Claudio Monteverdi. Il combattimento di Tancredi e Clorinda

2015-02-25

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Quartetto di Roma

2015-02-18

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Raffaele Mallozzi, Carlo Tamponi, Gianluigi Giglio

2015-02-11

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Ars Trio di Roma

2015-02-04

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Gesualdo Coggi e l'Orchestra Roma Sinfonietta

2015-01-28

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Kalàscima. L’altra notte della taranta

2015-01-21

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Concerto di Natale

2014-12-17

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Incontro/concerto con Francesco Antonioni e Nicola Lagioia

2014-12-10

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Luca Pincini e Gilda Buttà

2014-12-03

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Musica tzigana - Taraf de Metropulitana

2014-11-26

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Dialogo con Beethoven

2014-11-19

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Blues - Luca Velotti Jazz Ensemble

2014-11-12

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Da Clementi a Prokofiev - Gioielli per pianoforte

2014-11-05

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Orchestra da Camera Roma Sinfonietta

2014-10-29

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Roma Sinfonietta Stagione 2014 - 2015

from 2014-10-29 to 2015-03-18

Auditorium Ennio Morricone - Università Tor Vergata


Mark Knopfler and Band

2015-07-19

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Cavea
Mark Knopfler chitarra
Guy Fletcher tastiere
Richard Bennett chitarra
Jim Cox piano
Mick McGoldrick fiati, flauto
John McCusker violino, mandolino
Glenn Worf basso
Ian Thomas batteria



Mark Knopfler è il primo ospite annunciato per Luglio Suona Bene 2015. Il grande musicista ex leader dei Dire Straits sarà ospite della Cavea del Parco della Musica per presentare il nuovo lavoro “Tracker”, registrato nel suo studio British Grove a West London, affiancato da una band di 7 elementi, la maggior parte dei quali lavora con lui da due decenni. Mark Knopfler ha venduto oltre 120 milioni di album, sia durante la sua carriera come cantante leader e compositore dei Dire Straits, che da solista.
“Tracker” è il nono album solista di Knopfler, una serie iniziata nel 1996 con “Golden Heart”. L'album contiene anche interventi di special guest come Ruth Moody, Bruce Molski, Nigel Hitchcock e Phil Cunningham. Plurivincitore di Grammy Awards, Knopfler continua a combinare i suoi testi ironici con la sua abilità chitarristica e ha dato vita a grandi hits come Money For Nothing, Sultans of Swing, Romeo and Juliet, Walk of Life, What It Is e Sailing To Philadelphia. Ha collaborato con molti altri artisti tra cui Bob Dylan, Eric Clapton, Randy Newman, Van Morrison e Emmylou Harris, e ha composto diverse colonne sonore tra cui Cal, Local Hero e Princess Bride.
Mark Knopfler è scozzese di nascita (Glasgow) ma inglese d’adozione (Newcastle, città spesso presente nelle sue canzoni). Impiegato inizialmente come insegnante di scuola, fa ben presto della musica - fino a quel momento il suo principale passatempo - un lavoro a tempo pieno fondando sul finire degli anni ’70 i Dire Straits. La sua carriera solista si sviluppa parallelamente a partire dal 1983, quando scrive la colonna sonora per il film di David Puttnam “Local Hero”. E’ il primo di numerosi lavori cinematografici su commissione che lo vedono lavorare su pellicole come “Comfort and Joy”, “Cal” e The Princess Bride” (“La storia fantastica”), in quest’ultimo caso insieme a Guy Fletcher dei Dire Straits. Di rilievo anche il suo curriculum come produttore discografico: Knopfler lavora al banco di regia per artisti come Bob Dylan ("Infidels"), Randy Newman, Willy DeVille, Aztec Camera e Tina Turner. Nel corso degli anni ’80 non produce molto al di là dei Dire Straits: a fine decennio, in compagnia degli amici Brendan Croker e Steve Phillips, pubblica però un delizioso album in stile “retrò” a nome “Notting Hillbillies”. Messa in stallo la band principale, gli anni ’90 vedono Knopfler diradare di molto i suoi impegni discografici, collaborare con il grande chitarrista Chet Atkins per un album a nome di entrambi e partecipare a diversi progetti di altri artisti, mentre nel 1996 esce il primo vero album solista, “Golden Heart”, con ospiti internazionali e atmosfere sospese tra Irlanda e America. Con il nuovo millennio, dopo un periodo di silenzio interrotto soltanto dal lavoro per altre colonne sonore, l’attività solista dell’ex Dire Straits si intensifica: tre album solisti tra il 2000 e il 2004, “Sailing to Philadelpia”, The Ragpicker’s dream” e “Shangri-La”,
che evidenziano in maniera crescente l’interesse del musicista per la mitologia e le sonorità tradizionali americane. Inclinazione confermata, nel 2006, da “All The Roadrunning”, disco di materiali originali inciso in coppia con Emmylou Harris ma ancora una volta di stampo country-folk. Il 2007 è l’anno in cui il viaggio musicale di Mark Knopfler, riattraversando l’oceano Atlantico, torna nella natia Gran Bretagna. “Kill to get Crimson”, infatti, è caratterizzato da suoni, storie e impressioni che pescano direttamente dalla tradizione musicale di Albione. Su percorsi musicali parzialmente simili, caratterizzati prevalentemente da sonorità folk/celtiche (ma con deviazioni nel rock, nel blues e nella musica anni Trenta, Quaranta e Cinquanta) si sviluppa anche il successivo “Get Lucky”, pubblicato nel corso del 2009. Nel 2012 esce “Privateering”, nello stesso anno sarà impegnato in un tour americano insieme a Bob Dylan e viene premiato con un Lifetime Achievement Award 2012 Ivor Novello Awards (il più alto riconoscimento per il songwriting del Regno Unito).

A distanza di 100 anni: musiche di Beethoven, Brahms

2014-10-27

Studio Keiros

Con Graces Trio: M.T. De Sanio (violino), L. De Romanis (violoncello), S. Pontoriero (pianoforte).
Per informazioni 06.44238026 - teatrokeiros@gmail.com - www.teatrokeiros.it.

Sonate: musiche di Mozart, Schubert, Balestrieri

2014-10-28

Studio Keiros

Con E. Balestrieri, violino - A. Esposito, pianoforte.
Per informazioni 06.44238026 - teatrokeiros@gmail.com - www.teatrokeiros.it.

Oveunqua eranu jullare - Concerto di musica medievale dedicato all'arte dei giullari

2014-10-26

Studio Keiros

Con La Fontegara: A. Mastrantoni (flauti, cromorno, symphonia), P. Sculco (saz, percussioni).
Un tuffo nella musica medievale dove Trovatori, Trovieri e Minnesänger erano gli unici ad eseguire la musica profana, ai quali ben presto si affiancarono, soprattutto nella pratica musicale, due categorie di musici di rango minore: i ''menestrelli'' e i ''giullari''..
Per informazioni 06.44238026 - teatrokeiros@gmail.com - www.teatrokeiros.it.

Tokyo-Roma Global Jazz Session

2014-11-07

Istituto Giapponese di Cultura

Con Makoto Kuriya (piano), Francesco Bruno (chitarra), Marco Siniscalco (contrabbasso/basso elettrico), presentato da Istituto Giapponese di Cultura.
Tre straordinari musicisti in una sessione di jazz acustico, dove stile e background personali si aprono a improvvisazioni e raffinate contaminazioni. Oltre all'atteso concerto, un talk sull'importanza delle collaborazioni artistiche oltre confine..
Per informazioni 06 3224754.
Ingresso libero.

Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra

2014-10-25

San Giovanni a Porta Latina

Con Palatina Klassik Vocal Ensemble, Philharmonischer Chor an der Saar, Coro e Orchestra del Conservatorio Statale di Kazan, S. Bernhard (soprano), V. Haab (basso), dirige L. Krämer.
Per l'appuntamento alla Basilica di San Giovanni in Laterano una delle pagine sacre pi√Ļ famose di Johannes Brahms ''Ein deutsches Requiem''..
Ingresso libero.

Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra

2014-10-28

Con Coro della Cappella Musicale Pontificia ''Sistina'', dirige M. Palombella.
Per questo appuntamento del Festival si eseguono brani di canto gregoriano e capolavori della polifonia sacra di Palestrina, Ludovico da Vittoria, Orlando di Lasso e Gregorio Allegri..
Ingresso libero.

Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra

2014-10-24

Basilica di Santa Maria Maggiore

Con Palatina Klassik Vocal Ensemble, Philharmonischer Chor an der Saar, Coro e Orchestra del Conservatorio Statale di Kazan, S. Bernhard (soprano), S. Schaeffer (contralto), O. de la Torre (tenore), V. Haab (basso), dirige L. Krämer.
Ospita il terzo concerto della manifestazione, con altre due imponenti pagine del repertorio sacro come la Messa n. 3 in fa minore e il Te Deum di Anton Bruckner..
Ingresso libero.

La Befana vien di not(t)e

2015-01-06


Concerti di Natale

from 2014-12-14 to 2014-12-21


Le Percussioni Se volete vincere… dovete batterle

2014-12-04


Che orecchie grandi che ho!

2015-03-22


Musica che gran gioco!

2014-11-23


Che orecchie grandi che ho!

from 2014-11-23 to 2014-11-24


Omaggio a Richard Strauss (1864 - 2014)

2014-12-19

Auditorium Parco della Musica


Mikhail Pletnev in recital

2014-12-05

Auditorium Parco della Musica


Lang Lang in recital

2014-11-21

Auditorium Parco della Musica


Daniil Trifonov in recital

2014-11-14

Auditorium Parco della Musica


The Piano in My Life:

2014-10-24

Studio Keiros

Musiche di Adams, Fedele, Rzewski, con L. Perotti (pianoforte).
Il pianista Lucio Perotti, artista del Parco della Musica Contemporanea Ensemble, esegue brani di Adams, Fedele, Rzewski..
Per informazioni 06.44238026 - teatrokeiros@gmail.com - www.teatrokeiros.it.

Jazz Sweet Songs: viaggio nella canzone d'autore internazionale

2014-10-25

Studio Keiros

Con S. Cannizzo (voce), A. D'Alfonso (sax, flauto), R. Silli (chitarra), F. Redavid (c.basso), L. Latini (batteria).
Un viaggio nella canzone d'autore internazionale, con la scelta di standards raffinati interpretati dalla cantante Sonia Cannizzo..
Per informazioni 06.44238026 teatrokeiros@gmail.com www.teatrokeiros.it.

Lando Fiorini - Una voce una città

2014-10-25

Teatro Il Puff

Spettacolo tratto dall'album del 1995 ''Una voce... una città''..

I Concerti del Bicentenario

2014-10-25

Con Nuovo Ensemble Vocale, F. Vallini (organo), dirige A. Rendina.
Per informazioni 06710401.
Ingresso libero.

Bandabardò

2015-02-28

Atlantico Live


Concerto di Natale 2014 - XXII edizione

2014-12-13

Auditorium Conciliazione


Olen Cesari & International Clandestine Orchestra

2014-11-27

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Olen Cesari violino, direzione
Shama Milan voce
Michael Rodi pianoforte
Gabriel Gagliarini percussioni
Paolo Cozzolino basso, contrabbasso
Raul Scebba batteria



Olen Cesari è uno straordinario artista, virtuoso del violino e compositore eclettico. Lucio Dalla lo considerava uno dei più grandi del mondo. Il suo repertorio spazia dalla musica classica al jazz, dalla etnica alla world music.
Il suo spettacolo è uno straordinario viaggio attraverso il mondo tra i brani più famosi della musica internazionale. A fare da scenografia alle note, suggestive immagini degli oceani e delle meraviglie sommerse. “Ho scelto il mare come cornice dello spettacolo – spiega il Maestro Olen Cesari – non solo perché sono nato a Durazzo ma anche per sensibilizzare gli spettatori al rispetto e all’amore per l’ambiente. Proprio il mare sempre più spesso sta diventando tragicamente la tomba di migliaia di migranti e della loro speranza in un futuro migliore. A queste anime dedichiamo il nostro concerto”.
Accompagnato dalla sua band, International Clandestine Orchestra (ICO), Olen Cesari ha portato la versione live di “Unexpected” in giro per l’Europa con grandi consensi di pubblico e di critica. Il suo è un gruppo multietnico composto da sei musicisti di sei diverse nazionalità provenienti da tre continenti: uno dei più grandi cantanti cubani Shama Milan, membro del Sestetto National de Cuba; al pianoforte ‘mister armonia’ il sudafricano Michael Rodi; alle percussioni ‘il millemani’ peruviano Gabriel Gagliarini; al basso e contrabbasso il napoletano Paolo Cozzolino, uno dei più grandi esperti della musica partenopea; alla batteria l’argentino Raul Sceba, molto noto anche per la sua presenza nell’Orchestra di piazza Vittorio. Il suono della International Clandestine Orchestra è affidato alla grande professionalità di Alessandro Aloisi.

Marina Rei

2014-11-22

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Marina Rei

Scovare un volto umano in una nuvola o nel profilo di una montagna. Trovare i lineamenti di qualcuno o qualcosa nella realtà di tutti i giorni, che forse vorremmo diversa. È la “Pareidolia”, per la scienza un fenomeno subcoscienziale, per Marina Rei il titolo del nuovo disco che presenterà all’Auditorium Parco della Musica. Se per “La conseguenza naturale dell’errore” (2012) Marina aveva collaborato con alcuni dei nomi più interessanti della nuova generazione di songwriter italiani (Pier Paolo Capovilla, Andrea Appino, Paolo Benvegnù, Riccardo Sinigallia), questa volta ha deciso di affidare la produzione del suo nono lavoro in studio a Giulio Ragno Favero (One Dimensional Man, Il Teatro degli Orrori). In “Pareidolia” Favero mette a disposizione la sua esperienza di artigiano e alchimista dei suoni per un disco dall‘indole rock ma con alcune importanti deviazioni sonore. Un lavoro dove le chitarre e il pianoforte hanno ampio spazio accanto alla consueta palpitante presenza della batteria suonata da Marina. Il risultato è un disco nel quale l’artista spoglia di ogni orpello l‘orizzonte emotivo di canzoni frementi e intense. Dove amore, disincanto, speranza e vitalità riecheggiano in liriche spesso dirette che, quando utilizzano immagini e metafore, non lo fanno per celarsi ma per rendere ancora più immediato e pulsante quello che vogliono dire.

Gabriele Ciampi

2014-12-21

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
musiche composte e dirette da
Gabriele Ciampi

CentOrchestra
interpretazione di
Carmela Colaninno
coreografie di
Paola Jorio
testo scritto da
Carmela Colaninno e Alessia Maurodopulos


Racconto autobiografico in cui si ripercorrono le tappe fondamentali e gli avvenimenti che hanno dato vita alla musica del compositore. Dapprima una sola nota, come un'anima in cerca di spazio e di ossigeno. Un'anima costretta in lacci di seta e regole, in balia di un mondo sconosciuto ricco di lingue che si mescolano e confondono, in una babele dove le parole aleggiano aride e prive di significato. Poi l'assolo di un bambino ignaro e sorridente che gioca ad intrecciare i fili in un ricamo perfetto di suoni.
Infine l’orchestra e il concerto. Tutto si fonde nel tentativo di comporre seguendo le regole, per poi stravolgerle, inventarne di nuove e arrivare a sfiorare l'irraggiungibile.
The Minimalist Evolution è il cammino di un uomo. Un cammino fatto di ostacoli, prese di coscienza, passi indietro, atti di coraggio, rinunce, confessioni.
Sul palco l'anima dell'artista che, tassello dopo tassello, compone note “orchestrando” frammenti di vita. Protagoniste indiscusse non le parole, ma "Lei" che vaga sul palco fluttuando senza peso, che percuote i sensi come dita tamburellanti la cui eco persiste, sovrastando persino i ricordi. Nel silenzio il suo sguardo sovrasta e zittisce, accarezzando le nostre paure. Le parole dell'anima si fondono con la musica e con essa volteggiano in una danza dal ritmo incalzante.

Roberto Fabbri

2014-12-27

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Roberto Fabbri Guitar Quartet
Roberto Fabbri
Paolo Bontempi
Leonardo Gallucci
Luigi Sini

Orchestra d’Archi e Coro dell’Accademia “Novamusica” di Roma
diretti da
Luca Proietti


Chitarra! è uno spettacolo in cui la chitarra classica opera una fusione fra tradizione ed attualità. Il “monologo” strumentale dei momenti solistici si alterna a momenti dialettici, con il quartetto di chitarre e con l’orchestra d’archi, in nuovi arrangiamenti dei brani contenuti nei precedenti lavori dell’artista.
Il concerto si aprirà con la visione del video, diretto da Matteo Vicino, di “Don’t Let Me Be Misunderstood”, il celebre brano dei Santa Esmeralda proposto da Roberto Fabbri in una versione inedita. Durante lo spettacolo, inoltre, verranno presentati degli estratti di “Quartieri Spagnoli, Italia”, regia di Fabio Venditti, reportage prodotto da TG2 Dossier con la collaborazione di Actionaid di cui il chitarrista ha curato la colonna sonora e andato in onda su Rai2 e sui quali suonerà live.
L’ultimo album di Fabbri, “Nei tuoi occhi”, è una raccolta di 17 composizioni inedite in cui ognuna narra una storia, un sentimento, un luogo o un avvenimento con l’obiettivo di riportare la chitarra classica al grande pubblico e negli importanti cartelloni concertistici. Il disco comprende “Fantasia sin palabras”, la composizione commissionata a Roberto Fabbri dal XXVI Festival Internacional Andrés Segovia 2012 di Madrid.

EVENTO ANNULLATO Alan Stivell Electric Band

2014-12-04

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Alan Stivell, alfiere della riscoperta della musica bretone, interprete eccelso di ballate e danze celtiche di sapore tradizionale, continua la sua esplorazione musicale originale, che fonde la tradizione dell’arpa celtica alle tradizioni di tutto il mondo e alla musica elettronica. Al pubblico della sala Sinopoli presenterà i brani più noti di 40 anni di carriera artistica, iniziata con il leggendario concerto e album dal vivo Live a l’Olympia nel 1972.
Ad Alan Stivell, nome d’arte in bretone di Alain Cochevelou, si deve la rinascita e il rinnovamento della musica tradizionale bretone, che, a partire dagli anni ‘70, lo ha reso celebre nel mondo. Il suo nome è legato indissolubilmente all’arpa celtica, strumento del quale non solo è un virtuoso, ma che è letteralmente rinato con lui.
Il padre, Jord Cochevelou, legato alla cultura del suo paese di origine, la Bretagna, è anche un valente musicista e liutaio e sogna la ricostruzione, attraverso lo studio di antiche testimonianze e disegni, di un’autentica arpa celtica, mitico strumento oramai dimenticato da secoli. Nel 1953 Jord realizza il sogno e offre la rinata arpa a suo figlio, di soli 9 anni, che già suona l’arpa classica (e il pianoforte) come un vero enfant prodige. Nelle sue mani, l’arpa celtica torna a nuova vita. Nel 1955, all’età di undici anni, è per la prima volta sul palco dell’Olympia e tuttora rimane l’artista più giovane esibitosi nel tempio della canzone francese, un record difficilmente battibile. Oltre ad apprendere la lingua bretone, Alan impara a suonare la bombarda e la cornamusa strumenti utilizzati nella musica tradizionale bretone. I membri di uno dei maggiori ensemble bretoni di musica tradizionale, il Bagad Bleimor, lo invitano a fare parte del gruppo come solista cedendogli praticamente il rango di leader: Alan Stivell ha 14 anni. La sua prima incisione discografica risale al 1959, con un primo 45 giri; seguiranno ventidue album, molti dei quali fanno parte della storia del folk revival mondiale.
La sua caratteristica non è la semplice riproposizione della musica tradizionale, ma il suo utilizzo per una nuova musica bretone. Nel 1971, Alan pubblica l’album Renaissance de la harpe celtique, totalmente strumentale. Accanto all’arpa celtica, compaiono anche le percussioni e la chitarra acustica affidata ad un virtuoso bretone, Dan Ar Braz. Nel 1972 Stivell torna all’Olympia: è il trionfo. Per l’occasione si fa accompagnare da musicisti di assoluto valore come lo stesso Dan Ar Braz, Gabriel Yacoub, futuro leader dei Malicorne e dal batterista còrso Michel Santangeli. L’album dal vivo registrato per l’occasione vende oltre un milione di copie.
Già nel 1973 Alan è considerato l’alfiere della rinata musica bretone (e celtica) e comincia ad essere noto in tutto il mondo. Lo stesso anno, va in tournée negli Stati Uniti, in Canada e in Gran Bretagna, dove la celebre rivista musicale Melody Maker incorona il suo album Chemins de Terre come miglior album dell’anno. Nel 1980 si ha la svolta sinfonica con un album doppio che resta il più famoso: Symphonie Celtique. Con una formazione spiccatamente rock, un insieme di bombarde e cornamuse e un’orchestra sinfonica, Alan si fa accompagnare dalla cantante berbera Djourha e dal sitar del nepalese Narendra Bataju, allievo prediletto del grande Ravi Shankar. Il risultato è un affresco musicale di inusitata bellezza. Seguono altri album e concerti in tutto il mondo. Nel 1995 pubblica Brian Boru (capo guerriero irlandese che sconfisse i Vichinghi): questo album segna il suo deciso ritorno alla musica più tradizionalmente celtica. Nel 1998 è la volta del diciannovesimo album della lunghissima carriera di Alan Stivell, intitolato 1 Douar: nell’album compaiono Youssou N’Dour, il “re del raï” algerino Khaled, Jim Kerr del gruppo scozzese Simple Minds e il grande Paddy Moloney dei Chieftains. Con quest’ultimo album, Alan intende dimostrare che le differenze di cultura e di lingua (bretone, inglese, wolof, arabo) sono le componenti fondamentali dell’umanità. Le ultime uscite includono il doppio cd Best Of (che comprende i brani più noti e la rimasterizzazione dell’album del 1972) e Emerald del 2009 il disco che segna il ritorno alla radici folk dell’ album Chemins de Terre, che esplora canti tradizionali, fondendo le radici bretoni con le influenze di un viaggio intorno al mondo, dall’Africa all’Asia, a segnare un’altra tappa di un lungo originale viaggio musicale che continua.

Franco D'Andrea Piano Trio

2015-05-03

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna


Franco D'Andrea piano



Aldo Mella

Zeno De Rossi


Dopo la Carta Bianca che lo ha visto protagonista della stagione 2013 – 2014 con tre differenti progetti, in solo, in sestetto e in trio con Han Bennink e Dave Douglas e con l’uscita discografica Franco D’Andrea - Sextet Monk and The Time Machine per la Parco della Musica Records, Franco D’Andrea continua la sua collaborazione con la Fondazione Musica per Roma come artista residente. Nell’arco della stagione il pianista e compositore punto di riferimento e caposcuola del jazz italiano proporrà tre differenti progetti in trio con i quali potrà continuare a mostrare al pubblico la sua poliedrica creatività musicale. Franco D’Andrea ha tracciato con i suoi dischi, i suoi concerti e la sua attività didattica un percorso tutto personale nel jazz, portando avanti una ricerca profonda nell’ambito della musica afroamericana, dando vita a progetti ambiziosi che vanno dal solo ai grandi ensemble, sempre mantenendo una cifra estetica e poetica estremamente originale.

Franco D'Andrea Electric Tree

2015-03-27

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna


Franco D'Andrea piano



Dj Rocca

Andrea Ayassot


Dopo la Carta Bianca che lo ha visto protagonista della stagione 2013 – 2014 con tre differenti progetti, in solo, in sestetto e in trio con Han Bennink e Dave Douglas e con l’uscita discografica Franco D’Andrea - Sextet Monk and The Time Machine per la Parco della Musica Records, Franco D’Andrea continua la sua collaborazione con la Fondazione Musica per Roma come artista residente. Nell’arco della stagione il pianista e compositore punto di riferimento e caposcuola del jazz italiano proporrà tre differenti progetti in trio con i quali potrà continuare a mostrare al pubblico la sua poliedrica creatività musicale. Franco D’Andrea ha tracciato con i suoi dischi, i suoi concerti e la sua attività didattica un percorso tutto personale nel jazz, portando avanti una ricerca profonda nell’ambito della musica afroamericana, dando vita a progetti ambiziosi che vanno dal solo ai grandi ensemble, sempre mantenendo una cifra estetica e poetica estremamente originale.

Franco D'Andrea Traditions Today

2014-11-24

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Franco D’Andrea piano
Daniele D’Agaro clarinetto
Mauro Ottolini trombone



Franco D’Andrea è una vera stella del Jazz. Di tutto il Jazz, e non solo di quello italiano: pianista, musicista, compositore, da cinquant’anni porta in tutto il mondo, la sua musica profonda, intensa, di grande respiro, e anche inusuale, nuova, divertente, sempre densa di spunti e di idee. I suoi incontri artistici annoverano nomi come Gato Barbieri, Lee Konitz, Phil Woods, Enrico Rava, Aldo Romano, Dave Liebman e molti altri: non a caso l’anno scorso ha ricevuto il premio alla carriera da parte della rivista “Musica Jazz” ed è stato incoronato musicista europeo dell’anno dall’Académie du jazz de France. Nel concerto che vi proponiamo scoprirete proprio quanto può essere affascinante un trio atipico: pianoforte, clarinetto e trombone. La singolare e affascinante intuizione è l’accostare il suo pianoforte a due soli strumenti a fiato che rappresentano le ance e gli ottoni di una banda musicale: una specie di “band concentrata” che, sfruttando i due timbri opposti di clarinetto e trombone e l’apporto ritmico ed armonico, oltre che melodico, del piano, percorrerà in chiave moderna il Jazz tradizionale, lo swing, l’improvvisazione anche contrappuntistica.

Tuxedomoon

2014-12-12

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Steven Brown tastiere e strumenti vari
Blaine L. Reininger tastiere e violino
Peter Principle basso elettrico, electronics
Luc Van Lieshout tromba
Bruce Gedulding visuals




Nel 2014 i Tuxedomoon, storica band californiana ha saputo riproporre il suo mondo sonoro e la sua poesia. Dal vivo e su disco. Dal suo archivio ha infatti fatto riemergere un vinile con la musica originale scritta con l’istigazione della rassegna cinematografica francese L’Etrange Festival come una nuova soundtrack per “ Pink Narcissus ”, lo scandaloso e cult movie di James Bidgood del 1971. Dagli anni Ottanta a oggi la leggendaria band ha fatto la storia della musica globale.
Tuxedomoon sono da sempre l’intellighenzia della new wave sperimentale statunitense, anche se ormai di casa tra Europa e Sud America. Suoni elettronici ma vivi, rock d’autore, immagini che si rincorrono, come un film che si fa teatro: trent’anni fa erano i figli ribelli della musica colta americana. Oggi sono maestri da venerare. Punti di riferimento indelebili che riempiono la loro cultura musicale con un ampia e sorprendente varietà di stili e influenze. Cantano nelle lingue dei molti paesi che hanno visitato o dove hanno vissuto (greco, italiano, spagnolo…).

Riccardo Sinigallia

2014-12-03

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Riccardo Sinigallia, cantautore romano con alle spalle una intensa carriera, ospite dell’ultima edizione del Festival di Sanremo dove ha presentato “Prima di andare via” e “Una rigenerazione”, recentemente ha realizzato due colonne sonore per i film “La Vita Oscena di Renato De Maria” e “Italy in a day” di Gabriele Salvatores presentati Festival del Cinema di Venezia.
All’Auditorium presenterà i brani del suo ultimo album “Per tutti”, una sorta di capitolo di chiusura di una trilogia discografica che corrisponde idealmente al percorso artistico di Riccardo Sinigallia, soprattutto al suo modo di scrivere musica e di rapportarsi all’ascoltatore. Come recita lo stesso titolo, “Per Tutti” vuol essere un album di “apertura” verso gli altri ma, collegandolo alla realtà contemporanea, anche di speranza nel futuro che ci aspetta. Anche dal punto di vista musicale, “Per Tutti” segna un cambiamento per l’artista: questa volta infatti l’uso dell’elettronica, che ha caratterizzato la maggior parte della sua produzione, diventa marginale a favore di un suono ancora più a servizio dell'immediatezza della scrittura. Universali ma nel contempo anche molto personali i temi su cui si snodano i testi dell’album: Riccardo Sinigallia scrive d’amore (Le ragioni personali e Tu che non conosci) e d’amicizia (Io e Franchino), partendo da se stesso (E invece io e Che non è più come prima) fino ad allargare al mondo intorno a noi (Prima di andare via, Una rigenerazione, Per tutti). Ma tutti i brani sono legati tra loro da un filo rosso: il concetto di tempo, inteso come “convenzione” su cui impostiamo tutta la nostra vita, e che torna in ogni traccia dell’album.
T

Classica Orchestra Afrobeat feat. Bambino, Baba

2014-11-21

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Classica Orchestra Afrobeat

feat.
Sekouba 'Bambino', Baba Sissoko


Dopo il fortunato lavoro dedicato a Fela Kuti e la recente esibizione al festival di Glastonbury (unica band italiana 2013), la Classica Orchestra Afrobeat ha scelto come secondo capitolo della sua produzione discografica un'opera epica risalente all'ultimo impero africano, sopraffatto dal colonialismo francese sul finire del XIX secolo. Il valore storico e culturale dell'operazione fa eco all'originale arrangiamento musicale che coglie la magia dell'incontro tra due musiche antiche, quella tradizionale africana e quella colta europea. L'ensemble da camera emilianoromagnolo, diretto da Marco Zanotti, utilizza strumenti barocchi come il clavicembalo e la viola da gamba a fianco ad una sezione di legni, archi, percussioni e persino un'ocarina. L'antico canto mandingo è affidato alla "voce d'oro della Guinea" Sekouba Bambino, un'autentica leggenda vivente per tutti gli amanti della musica africana. Il narratore dell'opera (in lingua francese sopratitolata in italiano) è invece il maliano Baba Sissoko, anch'egli appartenente alla reale dinastia dei griot, gli antichi cantastorie africani.

Canzoniere Grecanico Salentino

2015-03-01

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi

Mauro Durante voce, percussioni, violino
Maria Mazzotta voce
Silvia Perrone danza
Giulio Bianco zampogna, armonica, flauti e fiati popolari, basso
Massimiliano Morabito organetto
Emanuele Licci voce, chitarra, bouzouki
Giancarlo Paglialunga voce, tamburieddhu

Best Italian World Music Band, MEI 2010
Babel Med Music 2011
globalFEST NY 2012
WOMEX 2012
SXSW 2013
WOMAD 2013




Fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante, il Canzoniere Grecanico Salentino è il più importante gruppo di musica popolare salentina, il primo ad essersi formato in Puglia.
L'affascinante dicotomia tra tradizione e modernità caratterizza la musica del CGS: il gruppo è composto dai principali protagonisti dell'attuale scena pugliese, che reinterpretano in chiave moderna le tradizioni che ruotano attorno alla celebre pizzica tarantata rituale, che aveva il potere di curare attraverso la musica, la trance e la danza il morso della leggendaria Taranta.
Gli spettacoli del CGS sono un'esplosione di energia, passione, ritmo e magia, che trascinano in un viaggio dal passato al presente sul battito del tamburello, cuore pulsante della tradizione salentina.
Guidato dal tamburellista e violinista Mauro Durante, che ha ereditato la leadership dal padre Daniele nel 2007, il CGS continua a innovare e a rappresentare la musica italiana nel mondo, collaborando con artisti del calibro di Ludovico Einaudi, Piers Faccini, Ballake Sissoko, Ibrahim Maalouf, Fanfara Tirana, Stewart Copeland dei Police, e portando la voce di un territorio musicale che con la pizzica ha sempre manifestato la propria identità.
A soli 26 anni Mauro Durante è assistente musicale del maestro concertatore della Notte della Taranta Ludovico Einaudi, lavorando alla creazione e alla produzione artistica dello spettacolo al fianco del celebre maestro.
Il Canzoniere apre il Concertone della Notte della Taranta a Melpignano, esibendosi di fronte ad oltre centomila persone.
Acclamato da pubblico e critica con 17 album e innumerevoli spettacoli tra Stati Uniti, Canada, Europa e Medio Oriente, il gruppo ha fatto la storia della world music italiana, venendo riconosciuto nel 2010 dal MEI come Miglior Gruppo Italiano di Musica Popolare

Chiara Civello

2014-12-14

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
“Volevo cantare alcune delle canzoni italiane che mi hanno segnato nel tempo, senza però fare un album nostalgico. Questo disco ha un sound che strizza l’occhio al passato ma guarda al futuro e ad un’Italia come quella di adesso, piena di promesse. Inoltre Gil, Chico, Eumir, Nicola, Esperanza e Ana rendono omaggio alla musica italiana con una freschezza assolutamente emozionante”.
Così la sofisticata cantautrice jazz Chiara Civello parla del suo nuovo album “ Canzoni ” prodotto artisticamente da Nicola Conte, che la vede – per la prima volta nelle vesti di sola interprete – presentare brani del repertorio italiano come non sono mai stati ascoltati finora, donando una nuova anima a brani che vanno dagli Anni ‘60 fino ai giorni nostri. Al disco hanno partecipato alcuni ospiti d’eccezione: gli artisti di fama mondiale come Gilberto Gil e Chico Buarque, la statunitense Esperanza Spalding e la star del pop brasiliano Ana Carolina.

Sergio Cammariere

2015-01-18

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia

Sergio Cammariere voce, pianoforte




Sergio Cammariere ritorna all’Auditorium Parco della Musica per presentare “Mano nella mano”, il nuovo album di inediti, dove raccoglie l’eredità migliore della grande scuola della Canzone d’autore, con arrangiamenti di alta classe e sonorità di grande atmosfera.
Con la collaborazione di Roberto Kunstler per il testo, il singolo “Mano nella mano” nasce dall’esperienza di un viaggio di Sergio in Andalusia, fino a Tarifa, il luogo dove l’Africa e l’Europa si tengono per mano e l’Oceano e il Mediterraneo si incontrano, mescolando le loro correnti. Composto in tre quarti, nel suo incedere arabo–andaluso, è un omaggio, tra le righe, al grande cantautore catalano Joan Manuel Serrat, in cui il pianoforte di Sergio è sapientemente accompagnato dai fraseggi della fisarmonica di Antonello Salis e dai virtuosismi della chitarra di Roberto Taufic.
Sergio Cammariere, musicista, compositore e interprete di rara e raffinata intensità espressiva, ha nella sua anima l’eco delle note dei grandi maestri del jazz, i ritmi latini e sudamericani, la musica classica e lo stile della grande scuola cantautoriale italiana. E soprattutto, un’innata predisposizione per la composizione musicale. Un artista e compositore completo, sempre sorprendente, carico di umanità, capace ancora di commuoversi. Una figura elegante, quasi d’altri tempi, creativa e in continua evoluzione e ricerca, destinata a lasciare un segno sui binari della grande musica d’autore.

Luca Ciarla Quartet & Chris Jarrett

2014-12-07

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Luca Ciarla violino
Chris Jarrett pianoforte
Vince Abbracciante fisarmonica
Nicola Di Camillo contrabbasso
Francesco Savoretti batteria

guest
KEZIAT video arte



Una delle formazioni più originali del panorama jazzistico italiano degli ultimi anni, il Luca Ciarla Quartet si è esibito quasi ovunque a livello internazionale, dal Montreal Jazz Festival al Melbourne Jazz Festival. Con Vince Abbracciante alla fisarmonica, Nicola di Camillo al contrabbasso e Francesco Savoretti alla batteria, il violinista jazz Luca Ciarla ha sviluppato un sound unico, dando vita a composizioni e arrangiamenti dal fascino irresistibile, risultato della sintesi naturale tra il jazz contemporaneo e le sonorità familiari del bacino del mediterraneo. Il loro ultimo disco, ViolinAir, registrato in gran parte in Thailandia durante un lungo tour in Asia, presenta brani originali e rivisitazioni sorprendenti di classici quali A Night in Tunisia o Caravan. L’incontro con il compositore e pianista americano di fama internazionale Chris Jarrett, musicista imprevedibile dallo straordinario e innato talento, ha generato un’ulteriore linfa compositiva, frutto di una visione condivisa del jazz e della musica a 360 gradi, dando vita ad un ensemble eclettico e travolgente.

Mina. Mi sei scoppiata dentro al cuore

from 2014-10-14 to 2014-11-09

Teatro Stanze segrete

Di O. Garavelli, A. Fontana, regia di E. De Vito, C. Scalera, con A. Fontana, presentato da L'Albero della neve.
Le canzoni. Un'epoca. Una storia. Di Olga Garavelli da un`idea di Alessandro Fontana Con Alessandro Fontana Regia Elisabetta De Vito, Ciro Scalera Un viaggio attraverso le pi√Ļ belle canzoni di Mina, per la prima volta cantate da una voce maschile, per raccontare la carriera di questa grande artista..

Amore 015

from 2014-12-30 to 2015-01-02

Nuova Fiera di Roma


Concerto di chitarra Omaggio ad Alirio Diaz

2014-10-31

Università La Sapienza - Aula Magna


Duo Arbusti Piccotti

2014-11-28

Sant'Agnese in Agone


Riccardo Sinigallia in concerto

2014-10-28

FACTORY Spazio Giovani Roma Capitale


Storie dalla Grande Guerra. Corrado Augias "Histoire du Soldat"

2015-05-07

Teatro Olimpico


Milo, Maya e il giro del mondo

2015-03-24

Teatro Olimpico


Rinaldo Alessandrini. La parola della musica

2015-04-23

Sala Casella


Claudio Ambrosini "A local composer..."

2015-04-09

Sala Casella


Manuela Kerer

2015-03-19

Sala Casella


Roma in Jazz

2015-02-26

Sala Casella


Jazz Brunch - Michael Supnick Dixieland Jazz Band

from 2014-10-12 to 2014-10-26

Cotton Club

Michael Supnick nasce negli USA. Trombonista, trombettista, suonatore di cornetta e cantante jazz. In Italia da oltre vent'anni, è diventato uno dei principali artisti di New Orleans jazz, ma non solo. Guida la Sweetwater Jazz Band, da lui fondata nel 1996..

Dedicato a Bob Mancini - Serata dedicata a Roberto Mancini

2014-10-25

Con Blue Sax, Virtuosi di Piazza Vittorio e altri ospiti.
Sul palco la Blue Sax, la formazione storica con cui Roberto Mancini ha suonato e per cui ha arrangiato
brani originali e standards jazz, e i Virtuosi di Piazza Vittorio seguiti da tanti ospiti..
Ingresso libero.

Il ritorno di Casanova

2015-04-20

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Pinnock Trio

2015-03-05

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Quartetto Ebène

2015-02-19

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Trio Latitude 41

2015-02-12

Teatro Argentina - Teatro di Roma


‚ÄúFortissimo nel mio cuore!‚ÄĚ. Schubert, l‚Äôultimo anno

2015-02-05

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Maria Perrotta

2015-01-29

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Tim Mead

2015-01-22

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Mischa Maisky

2015-01-15

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Concerto Romano. La Giuditta

2014-12-18

Teatro Olimpico


Signum & Signumfive

2014-12-11

Teatro Olimpico


Luca Barbarossa in concerto

2014-11-08

Centro culturale San Basilio "Aldo Fabrizi"


Prova aperta "Archi Accademia Nova"

2014-11-08

Centro culturale San Basilio "Aldo Fabrizi"


Light for Gaza! Stefano Bollani Piano Solo

2014-11-03

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Giorgia in concerto

2014-12-15

Palalottomatica


Francesco De Gregori

2015-03-20

Palalottomatica


Elisa in concerto

2014-12-20

Atlantico Live


Disney Live! L'Avventura Musicale di Topolino

from 2014-12-05 to 2014-12-08

Palalottomatica


Concerto di Natale

2014-12-21

Parrocchia Giovanni Battista de La Salle


Quintetto di fiati

2014-12-11

Parrocchia Giovanni Battista de La Salle


Autunno e Inverno da Le Quattro Stagioni di Vivaldi

2014-11-30

Parrocchia Giovanni Battista de La Salle


Jazz: Backstage Quartet

2014-11-26

Parrocchia Giovanni Battista de La Salle


Primavera e Estate da Le Quattro Stagioni di Vivaldi

2014-11-16

Parrocchia Giovanni Battista de La Salle


Je m'appelle Nelly

from 2014-10-19 to 2014-12-21

Parrocchia Giovanni Battista de La Salle


Dolci…Melodie, un incontro per raccontare la musica

2014-10-25

Centro Culturale "Gabriella Ferri"


Schegge dalla Grande Guerra

2014-10-24

L'Universale


Giovanni Allevi, Orchestra Sinfonica Italiana

2014-12-26

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Giovanni Allevi
Orchestra Sinfonica Italiana



Giovanni Allevi torna a Natale all’Auditorium Parco della Musica insieme all’Orchestra Sinfonica Italiana. Un’occasione speciale per riascoltare i brani più famosi del pianista, compositore e direttore d’orchestra divenuto in poco tempo un fenomeno sociale, entrando nell’immaginario collettivo delle nuove generazioni che affollano i suoi concerti, e con le quali ha instaurato un rapporto privilegiato, e, come lui afferma, “misterioso”. Oltre alle sue composizioni Allevi regalerà al pubblico dell’Auditorium le interpretazioni di alcune tra le più belle musiche tradizionali del Natale come "White Christmas", "Silent night", "Santa Claus is comin’ to town", "Oh Happy Days" e "Jingle Bells" che ha raccolto e pubblicato recentemente nell’album “Christmas for You”.
Le composizioni di Allevi tratteggiano i canoni di una nuova “Musica Classica Contemporanea”, attraverso un linguaggio colto ed emozionale, che prende le distanze dall’esperienza dodecafonica e minimalista, per affermare una nuova intensità ritmica e melodica europea fondata sulle forme della tradizione classica infuse dei suoni del Presente. Per il suo impegno intellettuale Allevi, oltre a sollevare l’entusiasmo del suo pubblico, ha ricevuto attestazioni di stima da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, di Papa Benedetto XVI, Papa Francesco, del Premio Nobel Mikhail Gorbaciov e di molti esponenti del mondo artistico e culturale. Tanti i concerti e le sue tournée internazionali. Tra l’altro: la direzione delle proprie musiche eseguite dalla China Philarmonic Orchestra nel concerto alla Città Proibita di Pechino durante le Olimpiadi 2008; il debutto alla Carnegie Hall di New York ad apertura del tour americano; il concerto di pianoforte solo per il Teatro San Carlo in Piazza del Plebiscito a Napoli di fronte a 11mila persone; il concerto all’Arena di Verona, di fronte ad un pubblico di oltre 12mila persone; il concerto alle Olimpiadi di Londra, dove è stato chiamato per la seconda volta consecutiva a rappresentare la musica italiana; la Première Mondiale alla guida dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice. Allevi è anche scrittore di successo: ha pubblicato nel 2008 “La musica in testa”, e “In viaggio con la Strega” e, nel 2011, il manifesto estetico “Classico ribelle”, intensa riflessione filosofica sul rapporto tra Arte e Vita.

Lena Katina

2014-11-14

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Lena Katina voce
Sven Martin tastiere
Jörg Kohring chitarra
Steve Wilson percussioni
Domen Vajevec basso


Dopo l'ultima esibizione nel febbraio scorso delle t.A.T.u. di fronte ai 40.000 spettatori nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali di Sochi, Lena Katina è tornata a dedicarsi a tempo pieno alla propria attività di solista completando l'attesissimo LP di esordio dall'evocativo titolo This Is Who I Am che presenta in anteprima all' Auditorium Parco della Musica. L'album ci consegna una Lena Katina profondamente diversa da quella di pochi anni fa. Abbandonata infatti l'immagine di adolescente in minigonna e calzettoni che si esibiva sul palco mano nella mano con la sua partner, la rossa Lena - pur mantenendo intatto il proprio fascino etereo - si è trasformata in una cantante elegante e raffinata con un repertorio variegato che va dalla sad ballad di Never Forget (n. 1 in USA nella Club Dance Chart di Billboard) all'uplifting pop di Lift Me Up per giungere poi a rivisitare in chiave nuova il power pop dei successi internazionali delle t.A.T.u. nel suo Who I Am, lead single dell'album. All'Auditorium Lena Katina si esibirà con la sua band, presentando i nuovi brani dell'album, compresa un'inedita featuring con la cantante italiana Noemi Smorra.

Neapolitan Contamination

2014-11-15

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Luigi Carbone piano, hammond, regia e voce narrante
Paolo Cozzolino basso elettrico, contrabbasso, direzione musicale
Giovanni Imparato percussioni, voce, direzione artistica
Carlos Duque Paz voce, quena
Lavinia Mancusi voce, violino
Antonio Carluccio voce
Mats Hedberg chitarra elettrica, chitarra classica
Mario Caporilli tromba
Paolo Petrilli fisarmonica





Avreste mai immaginato un "Surdato 'nnammurato" che canta "Oje vita, oje vita mia" in blues? O una Reginella che si accompagna a delle "chanteuses" della Parigi fin de siècle? O, ancora, che la fascinosa Brigida cui è dedicata “A Tazza 'e cafè” potesse essere giamaicana? Tutto questo accade per effetto della "Neapolitan Contamination": un progetto musicale che propone i classici della canzone napoletana in modo nuovo e particolarissimo. Un viaggio tra i continenti e gli stili musicali, dall’Europa all’Africa fino a tutte le Americhe. Un modo per onorare un glorioso passato guardando al futuro. Il nuovo spettacolo "SYncretismi" associa la direzione artistica e la sonorità travolgente di Giovanni Imparato alla raffinata e del tutto nuova opera di arrangiamento e di direzione musicale di Paolo Cozzolino, per dar forma alle contaminazioni ideate da Luigi Carbone, che è anche regista e voce narrante dello spettacolo. L'esecuzione è affidata a una formazione inedita che rende l'effetto di crossover e di sincretismo ancora più coinvolgente.

Einst√ɬľrzende Neubauten Lament

2014-11-30

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Gli Einstürzende Neubauten sono attualmente in studio, per lavorare su un nuovo, eccezionale progetto. La storica band tedesca sta ultimando un'opera musicale ispirata dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, avvenuta esattamente 100 anni fa, che vedrà la sua anteprima assoluta a Diksmuide, Belgio, il prossimo 8 novembre 2014. Per la realizzazione di queste nuove composizioni la band ha fatto ricorso al proprio ormai riconoscibilissimo approccio, da sempre esplicitamente legato alle tradizioni della “avant-garde”.
Gli Einstürzende Neubauten hanno iniziato una vasta ricerca di registrazioni audio risalenti al periodo 1914-16 dei prigionieri di guerra provenienti da tutto il mondo (registrate in uno dei primi grandi campi di internamento vicino a Berlino), che sono conservate negli archivi sonori della “Humboldt University” di Berlino e all’Archivio di radiodiffusione tedesco. Inoltre è stato utilizzato anche materiale visionato e ascoltato presso il “Militärhistorisches Museo” di Dresda. La forza del concerto sarà l'associazione di due delle più antiche forme musicali, il "lamento" e il "mottetto" (opere di un compositore fiammingo del Rinascimento che fare con la storia biblica del figliol prodigo), le quali verranno incastonate all'interno delle registrazioni audio dei prigionieri di guerra. Inoltre la musica dei leggendari "Harlem Hell Fighters " - il primo battaglione di combattimento formato da truppe afro-americane, che hanno combattuto insieme per la prima volta durante la prima guerra mondiale quando gli americani li "prestarono" ai francesi come rinforzo - il cui valore fu riconosciuto solo postumo. Gli strumenti che utilizzeranno degli Einstürzende Neubauten saranno come sempre molto particolari e innovativi. Principalmente pezzi di acciaio, voce, oggetti recuperati per caso, elettronica, oltre ad un ensemble d'archi. Quello in Sala Santa Cecilia non sarà un concerto sulla Prima Guerra Mondiale, ma piuttosto una composizione, che si cristallizza dai temi correlati: "Erst muss man Platz schaffen, damit etwas Neues entstehen kann" ("Prima bisogna fare spazio, di modo che qualcosa di nuovo possa essere creato") Blixa Bargeld.

Riccardo Tesi & Banditaliana

2014-11-03

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Riccardo Tesi organetto
Maurizio Geri chitarra, voce
Claudio Carboni sax
Gigi Biolcati percussioni, voce

guest
Lucilla Galeazzi voce
Nando Citarella voce, tammorra
Linda Bull violino
Stefano Saletti oud-bouzouki




Il quartetto, fondato nel 1992 da Riccardo Tesi, è ormai uno dei gruppi italiani di world music più noti a livello internazionale. Composizioni originali, virtuosismi strumentali, preziosi incastri ritmici e arrangiamenti raffinati costituiscono la cifra stilistica del gruppo che, con la sua musica fresca e solare, in perfetto equilibrio fra tradizione e innovazione, ha incantato le platee dei più importanti folk and world festival mondiali.
Artefice della riscoperta dell'organetto diatonico in Italia Riccardo Tesi ha rivoluzionato l'immagine e il vocabolario di questo strumento popolare per inserirlo in ambito jazz e cantautorale.
Elementi portanti della band Maurizio Geri, voce solista e chitarrista funambolico il cui stile fonde le tematiche legate alla musica mediterranea con l’improvvisazione swing-manouche, Claudio Carboni, sassofonista dotato di un fraseggio secco e preciso e il percussionista scalzo Gigi “FastFoot” Biolcati.

Piji

2014-11-26

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi

Piji voce e chitarra
Augusto Creni chitarra manouche
Gian Piero Lo Piccolo clarinetto
Ominostanco electronics
Saverio Capo basso
Edoardo Petretti keyboards
Amedeo Ariano batteria



L’Electroswing Project di Piji mescola all’interno delle canzoni del cantautore romano il jazz manouche, lo swing e l’elettronica.
Molto praticato in nord Europa, ma ancora quasi sconosciuto in Italia, l’electroswing, genere legato più che altro al mondo dei dj, entra estremamente di rado nel mondo della canzone e dei cantautori, ma è proprio questo ciò che Piji e i suoi sodali fanno da qualche tempo: vivere nel terreno della canzone d’autore italiana, del pop/jazz, ma vestire ogni brano di elettronica e di swing. Da una parte la sincope, la propulsione tipica dello swing, dall’altra la solidità trascinante dell’elettronica, da un lato il legno, i suoni caldi dello swing, dall’altro la tavolozza infinità dei suoni digitali, di qua il 2014, di là gli anni Trenta e Quaranta del Novecento.
Tutto questo mantenendo al centro le canzoni dai testi ironici, impegnati o poetici e dalle melodie prevalentemente swing, con un approccio live che concede ampi spazi all’improvvisazione e alla teatralità.

Biréli Lagrène & Gipsy Project

2014-11-27

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Biréli Lagrène chitarra acustica
Hono Winterstein chitarra acustica
Diego Imbert contrabbasso
Frank Wolf violino



Esiste una forma particolare di jazz (e di swing) resa celebre dal leggendario chitarrista di origine tzigana Django Reinhardt, che creò la mirabile sintesi tra la musica gitana e il jazz denominata “manouche” o “gipsy jazz”. Biréli Lagrène, anch’egli di origine gitana, ne viene folgorato fin da piccolo, Reinhardt diventa il suo punto di riferimento e a soli dodici anni comincia la sua carriera di concertista in tutta Europa. Biréli si forma però anche ascoltando maestri come Wes Montgomery, George Benson e Jaco Pastorius. Dopo aver suonato jazz moderno decide di tornare alle origini e diventa uno dei più grandi chitarristi manouche europei. Lagrène propone un omaggio a Django Reinhardt nella tipica formazione del Gipsy Jazz: due chitarre acustiche, violino e contrabbasso. Un’occasione assolutamente unica e un’esperienza emozionante.

The Sweet Life Society

2014-11-29

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
The Sweet Life Society







The Sweet Life Society è l’idea brillante balenata ad un quintetto di giovani e creativi musicisti alle prese con lo swing classico degli anni Venti e Trenta ma filtrato, riproposto, ridisegnati attraverso la musica elettronica. Un gruppo che si inserisce a pieno titolo nella modernissima corrente musicale denominata “electroswing”. Passato, presente e futuro che compongono musicalmente un contrasto inusuale, a tratti esaltante, che nel live raggiunge la sua massima espressività. Si, perché questi musicisti il Jazz lo sanno suonare benissimo, ne conoscono a menadito gli stilemi principali e dunque possono permettersi di giocarci divertendosi, il tutto su brani originalissimi, testi ironici, ricchi di inserti di rap e graffianti sonorità futuribili.. Un vero e proprio spettacolo che gioca sui contrasti, curati fin nei minimi particolari, e che si avvale anche di filmati in bianco e nero, dj set, abiti vintage: perché lo swing è anche e soprattutto gioioso e sfrenato divertimento.

Orchestra Operaia

2014-11-30

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Orchestra Operaia
Marta Colombo voce
trombe
Mario Caporilli, Fabio Gelli
tromboni
Stan Adams, Luigino Leonardi, Pierluigi Bastioli
sassofoni e legni
Claudio Giusti, Alex Tomei, Carlo Conti, Duilio Ingrosso
pianoforte
Alessandro Gwiss
chitarra
Gianluca Masetti, Manlio Maresca
basso
Marco Loddo
batteria
Pierpaolo Ferroni
direzione e arrangiamenti
Massimo Nunzi

special guest
Andrea Tofanelli tromba
Bepi D’Amato clarinetto
Andrea Biondi vibrafono







L’Orchestra Operaia prende ispirazione dalle band che si formarono durante la Grande Depressione, in uno scenario alla “U.S.A.” di John Dos Passos , e descritte nelle decadenti atmosfere del Grande Gatsby di F.S.Fitzgerald.
Per reagire al crollo dell’economia e delle speranze nella “Land of Many Opportunities”, Isham Jones creò insieme a molti altri band leader come Glen Grey, le orchestre “cooperative”, che, unendo le forze, poterono rilanciare il mercato musicale con prodotti di grande pregio ed ottenere straordinari risultati commerciali ed artistici, partendo dalla condivisione totale degli oneri e degli onori. Isham Jones creò il terreno per il primo “Woody Herman’s Thundering Herd” e Glen Grey formò la Casaloma, una delle più longeve e rinomate orchestre del secolo scorso. Con questo progetto l’Operaia eseguirà per la prima volta gli arrangiamenti originali (manoscritti) di Glen Grey e della Casaloma, farà ascoltare alcuni rarissimi arrangiamenti originali, scritti per Lionel Hampton, Count Basie, Duke Ellington, Benny Goodman e Chick Webb, nate per la danza e presenterà alcune band meno conosciute dell’epoca, e scopriremo musicisti pressoché sconosciuti come Charlie Barnet. L’altro elemento interessante sarà il vivido rapporto fra la musica ed il ballo con esibizioni di ballerini professionisti, che riprodurranno perfettamente le coreografie dell’epoca, guidati da Vincenzo Fesi e da un gruppo di scuole di Lindy Hop.

Anthony Strong Band

2014-11-28

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Anthony Strong piano, voce
Dave Ohm batteria
Spencer Brown contrabbasso
Graeme Flowers tromba
Alam Nathoo sassofono





Non c’è Jazz e non c’è swing senza crooners! Ovvero, splendidi interpreti canori di canzoni che hanno fatto sognare intere generazioni con le loro voci calde e potenti: basti pensare a Frank Sinatra, o Tony Bennett, o Mel Tormè fino ad arrivare oggi a Kurt Elling, solo per fare qualche nome. Anthony Strong è un crooner inglese in irresistibile ascesa che con il suo LP “Delovely” (ed il video Cheek to cheek) ha conquistato la scena internazionale cantando e suonando il pianoforte esibendosi al Duc Des Lombards a Parigi, allo Stuttgart Jazz Festival e in Spagna: e non sembra affatto volersi fermare. Una voce affascinante, un senso ritmico irresistibile, il piglio ironico,la sua voce, i suoi arrangiamenti originali, il suo grande senso del palcoscenico vi faranno irresistibilmente schioccare le dita a tempo di Jazz ed apprezzare una voce che rievocherà atmosfere affascinanti con uno stile attuale e inconfondibile. Lo swing si canta!

Franco D'Andrea Traditions Today

2014-11-24

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Franco D’Andrea piano
Daniele D’Agaro clarinetto
Mauro Ottolini trombone



Franco D’Andrea è una vera stella del Jazz. Di tutto il Jazz, e non solo di quello italiano: pianista, musicista, compositore, da cinquant’anni porta in tutto il mondo, la sua musica profonda, intensa, di grande respiro, e anche inusuale, nuova, divertente, sempre densa di spunti e di idee. I suoi incontri artistici annoverano nomi come Gato Barbieri, Lee Konitz, Phil Woods, Enrico Rava, Aldo Romano, Dave Liebman e molti altri: non a caso l’anno scorso ha ricevuto il premio alla carriera da parte della rivista “Musica Jazz” ed è stato incoronato musicista europeo dell’anno dall’Académie du jazz de France. Nel concerto che vi proponiamo scoprirete proprio quanto può essere affascinante un trio atipico: pianoforte, clarinetto e trombone. La singolare e affascinante intuizione è l’accostare il suo pianoforte a due soli strumenti a fiato che rappresentano le ance e gli ottoni di una banda musicale: una specie di “band concentrata” che, sfruttando i due timbri opposti di clarinetto e trombone e l’apporto ritmico ed armonico, oltre che melodico, del piano, percorrerà in chiave moderna il Jazz tradizionale, lo swing, l’improvvisazione anche contrappuntistica.

Nathalie

2014-12-14

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Nathalie



Nathalie e la sua band ritornano all’Auditorium Parco della Musica di Roma - dopo il ‘sold-out’ dello scorso anno - con un concerto-evento irripetibile, che vedrà la presenza sul palco al suo fianco di ospiti speciali italiani e internazionali, e ci offrirà una scaletta di canzoni assolutamente inedita, espressamente pensata per l’occasione.
Un modo del tutto originale di ringraziare e augurare ‘Buon Natale’ al suo pubblico e ai suoi fan (lo spettacolo coinciderà con il raduno annuale nazionale del suo fan-club), che l’hanno sempre seguita e supportata negli ultimi quattro anni.
Infatti dalla vittoria – quasi a sorpresa – nell’edizione 2010 del contest televisivo ‘XFactor’, Nathalie - che già aveva impressionato critica e pubblico per l’eleganza di scrittura e d’interpretazione nella sua successiva partecipazione al Festival di Sanremo 2011 – si è lentamente andata affermando come una delle più raffinate cantautrici italiane. Ne è prova il suo ultimo lavoro ‘Anima di Vento’, un album che riesce a spaziare con naturalezza dalla canzone d’autore all’ ‘indie-rock’, e che vede la presenza di illustri ospiti provenienti da diversi mondi musicali: Franco Battiato, Raf, Toni Childs.
Nathalie, che è italo-belga e scrive le sue canzoni in italiano, francese e inglese, ha sempre guardato con interesse e con curiosità alle diverse contaminazioni musicali internazionali. Questo "Special Event" ne è una ulteriore riprova: un concerto imperdibile che vi emozionerà e coinvolgerà dall’inizio alla fine

Halloween. La Storia

2014-10-31

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Kay McCarthy voce, arpa
Fabio de Portu chitarra
Cristiano Brunella violino
Stefano Diotallevi pianoforte, tastiera
Piero Ricciardi bodhran
Susanna Valloni flauto



Oíche Shamhna, la Notte di Samhain è, secondo l'antica tradizione celtica pagana, l'inizio del freddo, della metà oscura dell'anno; è la notte tra il 31 ottobre e 1 novembre; All Hallows’ Eve, per il mondo di lingua inglese, abbreviato come Hallowe'en. Nel calendario celtico, pagano e lunare, segna l'inizio di un nuovo anno e della stagione del freddo e del buio. Il concerto di Halloween sarà un viaggio emozionante tra le luci e le ombre di un’antica tradizione orale e mistica, fatta delle credenze e dei timori di un popolo nordico che teme che il sole possa morire; sarà un viaggio in Irlanda la sera del Capodanno celtico, uno straordinario distillato di “canti e conti”, di parole e suoni che raccontano, con passione e freschezza, gli usi, i costumi e le leggende di Oíche Shamhna, la Notte delle tenebre. Il repertorio spazia tra melodie antiche e brani originali che esprimono una musicalità profonda capace di ammaliarci con toni melanconici e appassionati. Storia raccontata in musica dalla splendida voce di Kay McCarty, nata a Dublino ed italiana d'adozione, da oltre vent'anni portavoce della tradizione musicale irlandese in Europa. Famosa ed apprezzata anche in Italia, trae la sua ispirazione da radicati elementi costitutivi della terra d'origine arricchita di tutte le più aggiornate esperienze di cui è pregno il suo linguaggio, considerato tra i più interessanti nell'attuale panorama della musica irlandese.

Gospel Connection Mass Choir

2014-11-15

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Come anticipazione del Roma Gospel Festival, sabato 15 novembre si esibirà sul palco della Sala Sinopoli il Gospel Connection Mass Choir. Nata nel 2003, la formazione è cresciuta sino a raggiungere un organico di 400 voci ed è ormai un prezioso punto di riferimento per i cori italiani che ogni anno si riuniscono per un attesissimo momento di studio e approfondimento sotto la guida di un team di docenti statunitensi. Un livello di coesione e di eccellenza che, a detta di pubblico e critica, nulla ha da invidiare ai grandi cori statunitensi e che rende questa formazione assolutamente unica e irripetibile nel suo genere. Il Gospel Connection Mass Choir si esibisce una sola volta all'anno al termine del Workshop Gospel Connection, da cui appunto prende nome: una prestigiosa full-immersion di corsi, seminari e incontri dedicata interamente alla musica gospel. Il gruppo si esibisce sia a cappella che con accompagnamento strumentale e con l'intervento dei docenti americani: Pastor Ronald Hubbard; Min. TriniMassie; Pastor Keith Moncrief; Rodney Hubbard; Nikki Porter.

Ludovico Einaudi

2014-12-17

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Ludovico Einaudi piano
Federico Mecozzi violino
Mauro Durante violino, percussioni
Marco Decimo cello
Redi Hasa cello
Alberto Fabris electric bass, live electronics
Riccardo Laganà percussioni
Francesco Arcuri chitarre, kalimba, steel drum





Ritorna all’Auditorium Parco della Musica uno degli artisti più amati della musica contemporanea con il suo progetto In a time lapse. Epico e trascinante come Divenire, sperimentale e avventuroso come Nightbook, In a Time Lapse si spinge ancora oltre, esplorando nuove tessiture sonore e arrangiamenti che fondono mondi musicali diversi in un linguaggio stratificato, coerente e preciso.
«Quando diventi cosciente che il nostro tempo ha un limite, è il momento in cui cerchi di riempire quello spazio vuoto con tutta la tua energia e ricominci a vivere ogni istante della tua vita in modo pieno come quando eri bambino».
Così Ludovico Einaudi presenta “In a Time Lapse”, il progetto che sta portando in tour nelle più prestigiose sale da concerto del mondo dopo il successo di “Nightbook” (750.000 copie vendute nel mondo e un tour che ha toccato le venue più prestigiose del pianeta): «un arco di tempo che non congela l'istante ma al contrario comprende tutta la nostra esperienza, il nostro passato, presente e futuro, le nostre aspettative, i nostri desideri, i nostri limiti, tutto quello che siamo».
“In a Time Lapse” è stato composto in un anno ed è stato registrato nell'ottobre del 2012 nel monastero di Villa S. Fermo, a Lonigo, tra Verona e Vicenza. L'album è composto da quattordici brani, con una strumentazione che comprende pianoforte, archi, percussioni ed elettronica. Come nei precedenti lavori del compositore, si sviluppa come una suite, con un’idea che rimanda alla forma di un romanzo diviso in vari capitoli. Ogni brano ha la sua identità singola ma fa parte di un insieme, come un albero genealogico, in cui ogni ramo ha una relazione con un edificio centrale. «Per vedere l'albero e la foresta. Il dettaglio e l'insieme, tutto contemporaneamente». All'interno del classico mondo di Einaudi e del suo pianoforte che fa da bussola, in questo progetto possiamo percepire echi di musica barocca e pulsazioni di pizzica salentina, tessiture tardo romantiche negli archi, e un'ampia tavolozza di colori che vanno dalle percussioni all'elettronica, che appaiono nel corso di un viaggio che trasporta l'ascoltatore attraverso una profonda riflessione intorno all'idea del tempo.

Unavantaluna Isula Ranni

2014-11-07

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Unavantaluna



Vincitori del Premio Andrea Parodi 2013, nel decennale della formazione, gli Unavantaluna presentano il nuovo lavoro discografico pensato e suonato sulla scorta degli ultimi sette anni di attività concertistica. Una raccolta che ricompone e restituisce il percorso e la maturazione della band siciliana.
"Cumpagnia di musica siciliana", gli Unavantaluna nascono a Roma nel 2004 dall'incontro di quattro musicisti, uniti dalle comuni origini siciliane e dalla passione per le arti e le tradizioni popolari della loro terra. Dalla necessità di unire passato e presente, attraverso la ricerca di un possibile equilibrio fra tradizione e innovazione musicale, nascono tarantelle, contraddanze e canti della tradizione marinara, affiancati da composizioni originali eseguite nello stile tradizionale. Il bisogno di esprimersi nei linguaggi originari incontra una visione quasi mitizzata della Sicilia, quella dei luoghi letterari e del ricordo, sotto l'influenza di Rosa Balistreri, Ignazio Buttitta, Alfio Antico e I Fratelli Mancuso. Costruzioni intime e private, che incontrano un immaginario condiviso da tanti isolani, in Sicilia e in continente.

Paolo Benvegn√ɬĻ Earth Hotel

2014-10-31

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Paolo Benvegnù voce, chitarra
Andrea Franchi batteria
Guglielmo Ridolfo Gagliano chitarra
Luca Baldini basso
Michele Pazzaglia suoni

opening act
Petramante




Paolo Benvegnù presenta il nuovo disco “Earth Hotel” a tre anni e mezzo di distanza dal precedente “Hermann”, accolto con grande favore dalla critica e dal pubblico. Con “Hermann” Benvegnù ha infatti ottenuto diversi riconoscimenti: è stato premiato al MEI come “miglior solista dell’anno” (PIMI premio italiano musica indipendente), ha ricevuto il Premio Radioindie Music Like come artista più trasmesso dal circuito radiofonico indipendente e si è aggiudicato il secondo posto alle Targhe Tenco 2011, nella categoria “miglior disco dell’anno”. Benvegnù è stato il chitarrista-cantante fondatore degli Scisma, imprescindibile gruppo alternative-rock italiano ormai sciolto, con cui ha registrato, prodotto e composto tre dischi. Paolo Benvegnù è uno dei migliori autori del nostro paese, un vero artista della parola suonata. Anche Mina, si è accorta del suo talento e ha reinterpretato una sua canzone “io e Te”; i suoi brani sono stati cantati anche da Irene Grandi (“E’ solo un sogno”), Giusy Ferreri, Marina Rei (“Il mare verticale”).

St. Vincent

2014-11-16

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
St. Vincent

special guest
Coves
Dopo la straordinaria esibizione lo scorso settembre con David Byrne, la cantautrice rock St. Vincent, alias Annie Clark, torna da solista al Parco della Musica per presentare il suo quarto album, “St. Vincent”, accolto dalla stampa internazionale come uno dei lavori più riusciti degli ultimi anni, secondo molti il disco della consacrazione. L’album conferma infatti St. Vincent come una diva del rock, una delle più creative e straordinarie chitarriste della sua generazione. Annie risulta ormai più sicura e avvincente che mai, con chitarre elettriche aggressive ed eterei arrangiamenti vocali che si uniscono ai sintetizzatori che dominano una sezione ritmica contagiosa e irrefrenabile. “Sapevo che il groove era fondamentale per questo disco”, dice Annie Clark dell’album che ha composto e lungamente provato ad Austin prima di andare a registrarlo in studio a Dallas. Per seguire la parte ritmica ha arruolato il batterista dei The Dap-Kings, Homer Steinweiss, e l’assiduo collaboratore McKenzie Smith dei Midlake, mentre per la produzione è tornata a John Congleton, per portare il potenziale sonoro che avevano appena iniziato a sprigionare con ‘Strange Mercy’ in territorio inesplorato. “Volevo fare un party album che si potesse però suonare a un funerale”. Il risultato è il più avvincente lavoro di Annie Clark fino ad ora. Special guest i Coves che hanno debuttato nel Regno Unito nel marzo scorso con l’album “Soft Friday” dopo aver sconvolto le classifiche UK e scalato gli airplays radiofonici dei grandi network inglesi con i singoli “Beatings” e “Cast a shadow”.

Raiz, Fausto Mesolella Dago Red

2014-10-29

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Raiz
Fausto Mesolella

special guest
Rita Marcotulli, Marco D'Amore



Raiz, voce storica della dub band napoletana Almamegretta e Fausto Mesolella, chitarrista e produttore degli Avion Travel insieme per presentare un album autoprodotto di classici della canzone napoletana riletti e contaminati in modo assolutamente eclettico. Un disco funambolico che ruota intorno al gioco delle identità e al cosmopolitismo Dago Red, che potrebbe essere tradotto approssimativamente come "Il vino rosso del terrone", intendendo cioè il vino "rosso" degli immigrati d'origine italiana, perchè Dago era uno dei molti modi in cui, con un certo disprezzo, si potevano chiamare gli italiani d'America, è il titolo di una raccolta di racconti (e di un racconto in particolare) dello scrittore italo-americano John Fante e dovrebbe rendere benissimo l'atmosfera che si respira in questo lavoro.
"Ci piaceva molto l'idea del vino rosso paesano, quello che forse non è amato dai palati raffinati dei sommelier, ma che è forte, sincero ed inebriante. Abbiamo rivisto a nostro modo nove classici della canzone napoletana lasciando lo spazio aperto alla contaminazione con ciò che napoletano non è ma che altrettanto ci appartiene. In questo lavoro la nostra anima rock, soul, blues, reggae fa pace - o ci prova! - con l'altra sua parte, quella che appartiene alla canzone della terra dove siamo nati e cresciuti. Ecco come "a muntagna", la montagna di "Tu ca nun chiagne" diventa "the mountain" che scalano gli Who in "See me, Feel me" o l'emigrante di "Lacreme Napulitane" è lo stesso "Immigrant Punk" dei Gogol Bordello; alla "Carmela" di Sergio Bruni e Salvatore Palomba ad un certo punto parla Leonard Cohen ("I'm Your Man") e la guerra descritta in "O surdato Nnammurato" viene esorcizzata da "Give me Love" di George Harrison. Tutto scorre senza confini musicali, culturali ed ideologici: persino "Maruzzella" fa un bagno nel mediterraneo orientale e si reinventa in ebraico; un viaggio a ritroso in un Sanremo di metà anni 70 ci regala l'opportunità di ricantare Angela Luce e la sua "Ipocrisia". Questo disco è esattamente quello che siamo noi: due artigiani della canzone che propongono una visione della musica (e della vita) senza pregiudizi di nessun tipo". “Questo è un lavoro quasi psicoanalitico: – dicono i due artisti - cerca di guarire la schizofrenia di due musicisti cresciuti con la musica tradizionale napoletana da una parte e il rock, il blues, il reggae angloamericani dall'altra e rimettere insieme due parti altrettanto importanti della loro identità”.
Insieme sul palco per questo concerto speciale ad accompagnare Raiz e Mesolella la pianista e compositrice Rita Marcotulli.
Altra partecipazione molto particolare sarà quella di Marco D’Amore, diretto da Andrea Renzi e Toni Servillo a teatro, cuoco con Fabrizio Bentivoglio in Benvenuti a tavola ed esploso con il personaggio di Ciro in Gomorra-La serie. Durante la serata, dedicata alle contaminazioni e sperimentazioni artistiche, i suoi interventi teatrali si focalizzeranno su alcuni brani del disco.

Raiz e Mesolella lavorano insieme da qualche anno e propongono un excursus eclettico tra canzone napoletana, rock, reggae con qualche suggestione etnica mediterranea. Chi ascolta si ritrova a fare un viaggio senza passaporto attraverso diverse anime musicali che finiscono con il trovare molti punti connessione. Una musica in cui coesistono con pari dignità anime diverse è anche vista dal duo come un'anticipazione dell'unica futura umanita' possibile: quella capace di conservare la differenza per favorire confronto, condivisione e crescita collettiva invece che come arma da brandire contro chi è "diverso".

The Musical Box

2014-11-16

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
The Musical Box





I Genesis “rivivranno” per una sera all’Auditorium Parco della Musica di Roma con The Musical Box. La band canadese infatti, dopo il grande successo di pubblico ottenuto con il precedente tour "The Lamb Lies Down on Broadway", proporrà dal vivo "Selling England by the Pound", uno dei capolavori dei Genesis che li ha resi famosi in tutto il mondo e che celebra il 40° anniversario dalla data di pubblicazione. Nel 1973 i Genesis con la pubblicazione di "Selling England by the Pound" raggiunsero il culmine della propria creatività arrivando al successo globale con il tour del 1974 che li consacrò come veri e propri innovatori delle esibizioni dal vivo.
I The Musical Box hanno recuperato lo show ricreando lo spettacolo così come si presentava al momento della sua prima internazionale nel 1973 e come lo vide il pubblico italiano nel febbraio del 1974. Oggi tutto risulta perfetto, come se ci fossero i Genesis stessi sul palco. I The Musical Box non sono una cover band ma artisti a 360° che si sono uniti per rendere un tributo ai Genesis, riportando alla luce negli ultimi 20 anni gli spettacoli del periodo con Peter Gabriel che va dal 1969 al 1975, il migliore secondo critica e pubblico.

James Taylor

2015-04-19

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
James Taylor voce, chitarra


L'apprezzato cantautore e vincitore di numerosi Grammy Award James Taylor ritorna all’Auditorium Parco della Musica per una tappa del suo tour che tocca anche l’Italia. La musica di Taylor incorpora l'arte della scrittura nelle sue più personali e universali forme, James è un maestro nel descrivere situazioni specifiche in modo che coinvolge le persone ovunque. Taylor ha venduto più di 100 milioni di album in tutto il mondo. Con i suoi dischi e i suoi concerti Taylor per oltre 40 anni ha toccato i sentimenti delle persone grazie alla sua calda voce e il suo distintivo suono di chitarra, stabilendo un precedente a cui infiniti giovani musicisti hanno aspirato.
Nel corso della sua lunga carriera James Taylor ha vinto 5 Grammy award, venduto 100 milioni di album, guadagnandosi 40 dischi d’oro oltre a molteplici dischi di platino e multi – platino per i suoi classici che vanno da Sweet Baby James del 1970 a October Road del 2002. Nel 1998 ha vinto il Century Award il massimo riconoscimento della rivista americana Billboard, nel 2000 è stato insignito nella Rock’n’Roll Hall of Fame e nella prestigiosa Songwriter's Hall of Fame. Il comitato dei Grammy nel 2006 seleziona James Taylor come MusiCares Person of the Year e nel 2008 il suo album “One Man Band” è nominato agli Emmy Award, nel maggio 2010 pubblica “Live at Troubadour” con l’amica di sempre Carole King (il tour che ne consegue è visto da oltre 500.000 persone e risulterà essere il tour più seguito nell’estate 2010 negli Stati Uniti). Nel 2011 la rivista Rolling Stone ha inserito James Tayolor nei 100 migliori Artisti musicali di tutti i tempi “100 greatest singers of time “ e l’11 settembre 2011 è stato uno degli artisti invitati, dal presidente Obama, ad esibirsi durante la cerimonia a Ground Zero per i 10 anni dall’attentato alle Torri Gemelle commovendo tutti con una performance acustica di “You Can Close Your Eyes”, composta nel 1971 . Più recentemente Taylor è stato insignito dell'ordine di Cavaliere delle Arti e delle Lettere dal governo Francese e della National Medal of Arts dal Presidente Obama in una cerimonia alla Casa Bianca. E' stato anche uno dei pochi artisti musicali selezionati per esibirsi alla cerimonia d’insediamento del secondo mandato di Obama.

Suoni di Basilicata In Utro

2014-10-30

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Studio 3
Incontro con i Totarella


Pier Paolo Pasolini, morto tra l’1 e il 2 novembre del 1975, è stato uno dei principali protagonisti della rinascita dell’interesse verso la poesia e il canto popolare. “Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione è il mio amore..” così scrive in una delle sue liriche più famose esprimendo tutta la sua passione per quella cultura popolare contadina che segnò in maniera indelebile ogni azione della sua poetica. L’interesse per i dialetti lo condusse dal friulano verso tutte le lingue popolari italiane, tanto che già nel 1955 documentò nel suo Canzoniere italiano una monumentale raccolta di poesia e canti popolari di tutte le regioni d’Italia. Questa continua e profonda attenzione verso il mondo popolare nel 1964 lo portò in Basilicata, e a Matera in particolare, per ambientare il suo Vangelo secondo Matteo.
Nello spettacolo Io sono una forza del Passato Ambrogio Sparagna traccia un ritratto particolare di Pasolini proponendo alcune sue liriche immerse tra i suoni antichi della Campagna Romana e della Basilicata, luoghi tanto cari al grande poeta friulano. La forza di espressioni come “solo nella tradizione è il mio amore” fanno da sostegno poetico ad alcuni canti popolari della tradizione romana e lucana proposti in maniera originale dall’Orchestra popolare Italiana e dal Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni. Sullo sfondo saranno proiettate alcune delle fotografie scattate sul set del film il Vangelo secondo Matteo dal fotografo di scena Domenico Notarangelo. Le foto sono una selezione di quelle esposte in AuditoriumArte nella mostra Pasolini a Matera.
Lo spettacolo si avvale della presenza di Giorgio Onorato, il più longevo cantante italiano che, dall’alto dei suoi 87 anni, continua la grande storia del canto popolare romanesco e di Aisha Cerami, cantante dalla bellissima voce e attrice di grande valore, una delle protagoniste della riscoperta della tradizione popolare romana.
Gli echi della Basilicata, cuore della civiltà contadina italiana, che Pasolini amò profondamente, sono proposti da Antonio Infantino, originale architetto-compositore di Tricarico, principale protagonista della riscoperta della Taranta già a partire degli Anni Settanta, e da Caterina Pontrandolfo, cantate ed attrice potentina, una delle voci più intense ed originali della riscoperta del canto contadino lucano. Uno spettacolo unico, di grande intensità dedicato a Gianni Borgna.
Il focus sulla Basilicata indagherà anche il particolare rapporto fra Pasolini e la città dei sassi nella quale ambientò il celebre Vangelo Secondo Matteo. A questa esperienza sarà dedicata una mostra fotografica, Pasolini a Matera, ospitata nello spazio AuditoriumArte dal 30 ottobre al 2 novembre. L’Omaggio a Pasolini, produzione originale della Fondazione Musica per Roma, prevede inoltre due appuntamenti musicali, una mostra e un Concerto Breve presso il luogo dove è avvenuto l’omicidio di Pier Paolo Pasolini.

Suoni di Basilicata 055.

2014-10-31

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Studio 3
Incontro con i Lucanìa


Pier Paolo Pasolini, morto tra l’1 e il 2 novembre del 1975, è stato uno dei principali protagonisti della rinascita dell’interesse verso la poesia e il canto popolare. “Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione è il mio amore..” così scrive in una delle sue liriche più famose esprimendo tutta la sua passione per quella cultura popolare contadina che segnò in maniera indelebile ogni azione della sua poetica. L’interesse per i dialetti lo condusse dal friulano verso tutte le lingue popolari italiane, tanto che già nel 1955 documentò nel suo Canzoniere italiano una monumentale raccolta di poesia e canti popolari di tutte le regioni d’Italia. Questa continua e profonda attenzione verso il mondo popolare nel 1964 lo portò in Basilicata, e a Matera in particolare, per ambientare il suo Vangelo secondo Matteo.
Nello spettacolo Io sono una forza del Passato Ambrogio Sparagna traccia un ritratto particolare di Pasolini proponendo alcune sue liriche immerse tra i suoni antichi della Campagna Romana e della Basilicata, luoghi tanto cari al grande poeta friulano. La forza di espressioni come “solo nella tradizione è il mio amore” fanno da sostegno poetico ad alcuni canti popolari della tradizione romana e lucana proposti in maniera originale dall’Orchestra popolare Italiana e dal Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni. Sullo sfondo saranno proiettate alcune delle fotografie scattate sul set del film il Vangelo secondo Matteo dal fotografo di scena Domenico Notarangelo. Le foto sono una selezione di quelle esposte in AuditoriumArte nella mostra Pasolini a Matera.
Lo spettacolo si avvale della presenza di Giorgio Onorato, il più longevo cantante italiano che, dall’alto dei suoi 87 anni, continua la grande storia del canto popolare romanesco e di Aisha Cerami, cantante dalla bellissima voce e attrice di grande valore, una delle protagoniste della riscoperta della tradizione popolare romana.
Gli echi della Basilicata, cuore della civiltà contadina italiana, che Pasolini amò profondamente, sono proposti da Antonio Infantino, originale architetto-compositore di Tricarico, principale protagonista della riscoperta della Taranta già a partire degli Anni Settanta, e da Caterina Pontrandolfo, cantate ed attrice potentina, una delle voci più intense ed originali della riscoperta del canto contadino lucano. Uno spettacolo unico, di grande intensità dedicato a Gianni Borgna.
Il focus sulla Basilicata indagherà anche il particolare rapporto fra Pasolini e la città dei sassi nella quale ambientò il celebre Vangelo Secondo Matteo. A questa esperienza sarà dedicata una mostra fotografica, Pasolini a Matera, ospitata nello spazio AuditoriumArte dal 30 ottobre al 2 novembre. L’Omaggio a Pasolini, produzione originale della Fondazione Musica per Roma, prevede inoltre due appuntamenti musicali, una mostra e un Concerto Breve presso il luogo dove è avvenuto l’omicidio di Pier Paolo Pasolini.

OPI, Ambrogio Sparagna

2014-11-01

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli



di
Ambrogio Sparagna
con
l’Orchestra Popolare Italiana dell'Auditorium Parco della Musica
e il
Coro Popolare
diretto da
Annarita Colaianni

con la partecipazione di
Giorgio Onorato, Aisha Cerami, Antonio Infantino, Caterina Pontrandolfo



Pier Paolo Pasolini, morto tra l’1 e il 2 novembre del 1975, è stato uno dei principali protagonisti della rinascita dell’interesse verso la poesia e il canto popolare. “Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione è il mio amore..” così scrive in una delle sue liriche più famose esprimendo tutta la sua passione per quella cultura popolare contadina che segnò in maniera indelebile ogni azione della sua poetica. L’interesse per i dialetti lo condusse dal friulano verso tutte le lingue popolari italiane, tanto che già nel 1955 documentò nel suo Canzoniere italiano una monumentale raccolta di poesia e canti popolari di tutte le regioni d’Italia. Questa continua e profonda attenzione verso il mondo popolare nel 1964 lo portò in Basilicata, e a Matera in particolare, per ambientare il suo Vangelo secondo Matteo.
Nello spettacolo Io sono una forza del Passato Ambrogio Sparagna traccia un ritratto particolare di Pasolini proponendo alcune sue liriche immerse tra i suoni antichi della Campagna Romana e della Basilicata, luoghi tanto cari al grande poeta friulano. La forza di espressioni come “solo nella tradizione è il mio amore” fanno da sostegno poetico ad alcuni canti popolari della tradizione romana e lucana proposti in maniera originale dall’Orchestra popolare Italiana e dal Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni. Sullo sfondo saranno proiettate alcune delle fotografie scattate sul set del film il Vangelo secondo Matteo dal fotografo di scena Domenico Notarangelo. Le foto sono una selezione di quelle esposte in AuditoriumArte nella mostra Pasolini a Matera.
Lo spettacolo si avvale della presenza di Giorgio Onorato, il più longevo cantante italiano che, dall’alto dei suoi 87 anni, continua la grande storia del canto popolare romanesco e di Aisha Cerami, cantante dalla bellissima voce e attrice di grande valore, una delle protagoniste della riscoperta della tradizione popolare romana.
Gli echi della Basilicata, cuore della civiltà contadina italiana, che Pasolini amò profondamente, sono proposti da Antonio Infantino, originale architetto-compositore di Tricarico, principale protagonista della riscoperta della Taranta già a partire degli Anni Settanta, e da Caterina Pontrandolfo, cantate ed attrice potentina, una delle voci più intense ed originali della riscoperta del canto contadino lucano. Uno spettacolo unico, di grande intensità dedicato a Gianni Borgna.
Il focus sulla Basilicata indagherà anche il particolare rapporto fra Pasolini e la città dei sassi nella quale ambientò il celebre Vangelo Secondo Matteo. A questa esperienza sarà dedicata una mostra fotografica, Pasolini a Matera, ospitata nello spazio AuditoriumArte dal 30 ottobre al 2 novembre. L’Omaggio a Pasolini, produzione originale della Fondazione Musica per Roma, prevede inoltre due appuntamenti musicali, una mostra e un Concerto Breve presso il luogo dove è avvenuto l’omicidio di Pier Paolo Pasolini.

Enrico Zanisi

2014-11-01

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Enrico Zanisi pianoforte



Parliamo di jazz, quello dei nuovi talenti. Cresciuto ascoltando anche gruppi come gli Emerson Lake Palmer, i Genesis e i Led Zeppelin, Enrico Zanisi ha intrapreso un iter di studi completo, diplomandosi con lode in pianoforte classico e laureandosi, sempre con lode, in jazz. La padronanza tecnica dello strumento, quindi, arriva da lontano, da una formazione che gli permette di avventurarsi in ogni territorio con sorprendente sicurezza e consapevolezza. Dopo il successo del precedente Life Variations e il titolo Top Jazz come “miglior nuovo talento” 2012, il giovane pianista stupisce ancora una volta pubblicando l’atteso nuovo album in trio dal titolo Keywords. Keywords sono le parole chiave che Enrico ha riconosciuto nel suo presente. Dopo i cambiamenti inaspettati della vita (Life Variations), ha trovato dei punti fermi che ha racchiuso in dieci parole, dieci brani che coronano un album ispirato e compiuto. A riprova del fatto che con la musica, molto più che con lingua parlata, si possano esprimere concetti ed emozioni forti, Zanisi dimostra di possedere l’arte di racchiudere ed esprimere il complesso nella semplicità.

Dave Holland & Kenny Barron

2014-11-14

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Dave Holland contrabbasso
Kenny Barron pianoforte




Kenny Barron e Dave Holland sono due straordinari musicisti che attraversano il Jazz da più di 50 anni: le loro biografie sono costellate di incontri incredibili, ognuno dei quali divenuto fonte di ulteriore ispirazione creativa. Da John Coltrane, a Dizzy Gillespie, da Charlie Haden a Stan Getz, da Miles Davis a Chick Corea, da Herbie Hancock a Pat Metheny. Le doti innate e il loro formidabile percorso artistico, hanno fatto di Barron e Holland splendidi portatori sani di un Jazz melodico e raffinato, contagioso e avvincente: ascolterete brani originali e standard, improvvisazioni virtuosistiche, ritmi cangianti e scambi audaci. E capirete perché li abbiamo fortemente voluti in questo festival dedicato allo swing!

US Naval Force Europe Jazz Ensemble

2014-11-15

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
US Naval Force Europe Jazz Ensemble








Un tuffo esaltante nello swing tradizionale degli anni 30 e 40, suonato dalla banda ufficiale della Marina degli Stati Uniti in Europa. Vivrete per una serata il Jazz delle grandi orchestre di Duke Ellington, Count Basie, George Gershwin. Questa big band vi svelerà l’impatto potente ed entusiasmante dello swing, un salto nel passato ma anche l’opportunità di ascoltare e godere degli effetti benefici del jazz. Alla fine di questo concerto avrete, la sensazione di svegliarvi da un sogno rigenerante, la cui atmosfera rimarrà con voi a lungo, persistente e ritemprante come il vero swing sa essere.

Sound Prints

2014-11-18

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Joe Lovano sassofoni
Dave Douglas tromba
Lawrence Fields piano
Linda Oh contrabbasso
Joey Baron batteria



Joe Lovano e Dave Douglas sono due fuoriclasse mondiali rispettivamente del sax e della tromba. Due artisti dalle personalità molto spiccate, che ad ogni loro incontro danno vita a una musica energica, elegante, contraddistinta da virtuosismi felicemente finalizzati alla piena espressività, con una modalità esecutiva nuova e allo stesso tempo carica di profondi legami con tutto il Jazz della tradizione precedente. Un duo stellare dunque, che presenterà un entusiasmante e affascinante tributo a Wayne Shorter: grande compositore, genio indiscusso del sassofono. Lovano e Douglas porteranno sul palco sue composizioni appositamente arrangiate per questo progetto ma anche brani originali. Il risultato è una meraviglia di suoni in equilibrio tra passato, presente e futuro, un Jazz che vi stupirà per la sua estroversa complessità, raffinata ma di grande, diretto impatto emotivo.

Fabrizio Bosso Quartet & Paolo Silvestri Ensemble Swinging Duke

2014-11-19

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Fabrizio Bosso tromba
Julian Oliver Mazzariello pianoforte
Luca Alemanno contrabbasso
Nicola Angelucci batteria
Claudio Corvini tromba
Fernando Brusco tromba
Mario Corvini trombone
Gianni Oddi sax alto
Michele Polga sax tenore
Marco Guidolotti sax baritono
arrangiamenti e direzione
Paolo Sivestri




Gli ingredienti del concerto dedicato a Duke Ellington sono eccezionali. Un grande trombettista italiano, vera e propria eccellenza del Jazz riconosciuto a livello internazionale, Fabrizio Bosso: ha appena 40 anni, e ha realizzato progetti live e discografici inanellando una serie infinita di successi per le sue straordinarie capacità espressive, una tecnica a dir poco prodigiosa. Bosso ha scelto di suonare in quartetto con un tre musicisti strepitosi, affiancato da un quartetto d’ archi, il BIM, diretto dall’eclettico compositore, pianista e autore di colonne sonore, Paolo Silvestri, che ha scritto arrangiamenti nuovi del repertorio Ellingtoniano adattandoli appositamente per questo evento. Il risultato finale di questo mix è un concerto unico per l’armonico intrecciarsi di due quartetti dai timbri contrastanti, quello jazzistico e quello classico, che vi sveleranno un mondo sonoro affascinante ed inaspettato attraverso i successi immortali di un genio della musica, Duke Ellington.

Enrico Rava, PMJL Parco della Musica Jazz Lab

2014-11-20

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Enrico Rava tromba, flicorno
Mauro Ottolini trombone
Dan Kinzelman sax tenore
Daniele Tittarelli sax alto
Marcello Giannini chitarra elettrica
Giovanni Guidi pianoforte
Stefano Senni contrabbasso
Zeno De Rossi batteria



Enrico Rava, con la sua tromba ha girato il mondo, suonando con musicisti i cui nomi sono la storia del Jazz: Don Cherry, Steve Lacy, Cecil Taylor, Charlie Haden, ma potremmo continuare un elenco impressionante di collaborazioni, concerti, registrazioni, incontri, aneddoti, che di un jazzista sono l’indispensabile nutrimento. Rava ha alle spalle, al suo fianco e anche davanti a se tanta di quella musica che per lui soffiare nel proprio strumento significa rievocare e raccontare centinaia di storie. Qui all’Auditorium prenderà e lo reinterpreterà il suo vasto repertorio insieme a giovani e talentuosissimi musicisti, dei quali è stato il primo mentore: come ogni grande musicista ha insegnato loro molto e da loro impara, suonandovi insieme. Enrico Rava li ha scelti per farvi ascoltare brani che, siamo sicuri, sono quelli che vi hanno fatto innamorare di questa musica meravigliosa che è il Jazz.

Dee Dee Bridgewater

2014-11-25

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Dee Dee Bridgewater voce
Theo Croker tromba
Irwin Hall flauto, sassofoni
Sullivan Fortner pianoforte
Eric Wheeler contrabbasso
Kassa Overall batteria



Dee Dee Bridgewater, americana di Memphis, comincia la sua carriera quasi in sordina fino a che, trasferitasi in Francia, esplode con la sua voce potente e personalissima. Definire “cantante” Dee Dee Bridgewater non rende giustizia ad una interprete eclettica, comunicativa, che fa del suo strepitoso timbro vocale una tavolozza ricca mille colori, ed in grado di affrontare ogni genere musicale. In questo concerto sarà affiancata da musicisti eccellenti che ne conoscono ogni sfumatura vocale, ogni guizzo creativo e la sua capacità di divertirsi e giocare con il pubblico. Uno spettacolo vero e proprio che si prospetta pieno di sorprese, tanto più che Dee Dee non seguirà un concept, come nei numerosi “tributi” avvenuti in passato, ma canterà brani diversi spaziando tra il Jazz, il Soul, la canzone d’autore, il Rythm and Blues: e se lo può permettere, perché negli anni si è creata un repertorio quasi infinito anche dal punto di vista stilistico. Siate emotivamente pronti, dunque, ad un vero e proprio viaggio nella musica e nella vocalità afroamericane e allo swing incontenibile, irresistibile ed avvincente di una delle più grandi interpreti dei nostri giorni.

Francesco Renga Tempo Reale Tour

2014-10-30

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Francesco Renga

opening act
Irene Fornaciari


Dopo il sold out di maggio scorso Francesco Renga torna all’Auditorium Parco della Musica sull’onda del successo di “Tempo Reale” e del nuovo singolo “Il mio giorno più bello nel mondo”, brano tra i più trasmessi dalle radio e ai primi posti della classifica di ITunes. Del nuovo album fanno parte anche “A un isolato da te” (scritta da Roberto Casalino) e “Vivendo adesso” (firmata da Elisa), le due canzoni che Renga ha presentato alla 64esima Edizione del Festival di Sanremo. Per il cantante un grande ritorno nel segno della più assoluta novità: nuova casa discografica, nuovo produttore (Michele Canova), nuovi autori che hanno dato la possibilità di utilizzare anche la sua voce in maniera diversa, legando il suo canto a una contemporaneità che lo vede esplorare differenti territori, registri e timbri che non aveva mai usato in passato.

Jack Savoretti Before the Storm

2014-11-08

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Jack Savoretti chitarra e voce
Pedro Viera De Souza chitarra elettrica
Jean Berthon basso
Jesper Lind batteria

special guest
Enrico Giaretta piano e voce

opening act
Mardi Gras
Claudia Loddo voce
Fabrizio Fontanelli chitarra acustica


Per la prima volta all’Auditorium Parco della Musica Jack Savoretti presenterà le canzoni del suo ultimo album Before The Storm. Un album pieno di energie e di delicatezze inaspettate registrato con il gruppo che lo accompagna nei concerti, i Dirty Romances, rifinito negli storici studi di Abbey Road, a Londra. Un disco immediato, urgente, ma anche con una lunga storia alle spalle, in cui il musicista si e√Ć¬Ä allontanato da strade obbligate che potevano diventare vicoli ciechi. Con la sua voce ruvida, appassionata e struggente, Savoretti ammalia e rapisce incarnando alla perfezione la fisionomia del giovane cantautore.
Il senso del viaggio e√Ć¬Ä la costante di “Before The Storm”, che sia sentimentale o intimo (Crazy Fool, Lifetime), solare o cupo (Knock Knock, For The Last Time). Sostenuto da un tappeto sonoro ammaliante, fatto di chitarre elettriche e acustiche, di tastiere retroattive, di armoniche quasi evanescenti, finisce per raccontare una serie di storie memorabili, legate inestricabilmente tra di loro. Una narrazione con il ritmo del rock’n’roll e con il magnetismo della poesia, per superare qualsiasi tempesta.

Arisa

2014-12-09

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Gran finale per il "Se Vedo Te Tour" di Arisa che dopo un'estate piena di concerti in tutta Italia da nord a sud, torna All’Auditorium Parco della Musica per una tappa conclusiva della tournée. Pronta ad incontrare il pubblico con la sua capacità unica di emozionare con la sua voce anche gli ascoltatori più raffinati, Arisa sarà in concerto in sala Sinopoli accompagnata sul palco da Giuseppe Barbera (pianoforte/tastiere), Raffaele Rosati (basso), Giulio Proietti (batteria) e Francesco Bruni (chitarre) - e dagli GnuQuartet (Francesca Rapetti, Stefano Cabrera, Roberto Izzo e Raffaele Rebaudengo), per regalare nuove suggestioni alla ricca scaletta che spazierà tra i brani più amati dal pubblico, le hit dall'ultimo disco "Se Vedo Te", e tante altre imperdibili sorprese.

Fiorella Mannoia

2014-12-27

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Fiorella Mannoia torna arriva all’Auditorium Parco della Musica per due concerti speciali a due mesi dall’uscita del disco “Fiorella”, un’antologia musicale cui hanno preso parte numerosi amici e colleghi di Fiorella, che hanno voluto dare il loro contributo a un progetto che celebra in modo speciale i 60 anni dell’artista e i suoi 46 anni di carriera.
Ancora una volta l’artista incanterà il pubblico con le mille sfumature della sua voce e canzoni senza tempo, scritte per lei dai più grandi autori italiani. Fiorella Mannoia è una delle voci più amate della canzone d’autore italiana; camaleontica e appassionata, tra le pochissime artiste ad essere riuscite a combinare il fascino della discrezione e della misura con un’intensità interpretativa coraggiosa e policroma. Romana di nascita ma milanese d’adozione, Fiorella Mannoia ha saputo costruirsi dalla metà degli anni Ottanta la necessaria credibilità per diventare la voce e il controcanto femminile di una canzone d'autore storicamente declinata al maschile. Erede della grande tradizione delle interpreti, ha realizzato la sua carriera cambiando pelle a ogni nuovo disco, traendo sempre nuovi stimoli dalle collaborazioni più disparate, da quella storica con Ivano Fossati a quella più recente con Frankie Hi-NRG.

Renzo Arbore

2014-12-31

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Renzo Arbore



Un evento speciale per il capodanno 2015. Il 31 dicembre si esibirà in sala Santa Cecilia uno dei protagonisti più amati della musica italiana, Renzo Arbore. Insieme a lui salirà sul palco ad accompagnarlo L'Orchestra italiana, gruppo fondato da Arbore stesso nel 1991 per rilanciare la musica napoletana nel mondo, riproponendola in modo innovativo e utilizzando contaminazioni provenienti da differenti culture e da vari generi come il jazz, lo swing, il blues. La formazione è stata concepita come un "orchestra da serenata", dove il musicista che non suona si presta per cantare. Nel concerto verranno eseguiti e interpretati brani della tradizione napoletana, in particolare canzoni del repertorio di artisti importanti come Roberto Murolo e Renato Carosone e della musica italiana melodica in genere.

Concerto "Il suono dell'immagine"

2014-10-24

Casa dell'Architettura all'Acquario Romano


Tramjazz - Programma Ottobre 2014

from 2014-10-01 to 2014-10-31


I Remember Frank

2014-11-27

Teatro Parioli Peppino De Filippo

Con Gerardo Di Lella Big Band.

Le Quattro Stagioni

from 2014-10-05 to 2014-10-26

San Paolo entro le mura


Maria Perrotta, pianoforte

2014-10-26

Palazzo del Quirinale


Autunno in Musica

from 2014-10-16 to 2014-10-30

Accademia di Francia - Villa Medici, Accademia Filarmonica Romana


Ramin Bahrami in recital

2014-10-31

Auditorium Parco della Musica


Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Stagione da Camera 2014-2015

from 2014-10-31 to 2015-05-13

Auditorium Parco della Musica


E lucean le stelle

2014-10-26

Teatro di Villa Torlonia


Deep Purple

2015-11-06

Palalottomatica


Gabin Dabiré in concerto

2014-10-24

Institut Français Centre Saint-Louis de France


Orfeo ed Euridice

2014-11-17

Teatro Orione


Musiche del XXI secolo, tra cinema e sale da concerto

2014-12-18

Teatro Palladium


Musiche francesi tra Otto e Novecento, parte terza

2014-11-10

Teatro Palladium


Il quartetto d’archi e il pianoforte

2014-11-13

Teatro Palladium


La musica per violino e pianoforte di Johannes Brahms

2014-11-03

Teatro Palladium


Ludwig van Beethoven oggi. L’eredità delle sonate per pianoforte

2014-12-15

Università Roma Tre - Aula Magna di Lettere


Il pianoforte italiano nell'Ottocento: percorsi, autori, influenze

2014-12-01

Università Roma Tre - Aula Magna di Lettere


Il trio con pianoforte nel tardo Ottocento

2014-11-26

Università Roma Tre - Aula Magna di Lettere


La sonata per pianoforte tra Mozart e Skrjabin

2014-11-19

Università Roma Tre - Aula Magna di Lettere


Classicismo alla tastiera: la prima scuola di Vienna

2014-11-17

Università Roma Tre - Aula Magna di Lettere


Lo studio pianistico da concerto

2014-10-30

Università Roma Tre - Aula Magna di Lettere


Roma Tre Orchestra 2005-2015 Dieci anni di musica insieme

from 2014-10-06 to 2014-12-18


L'organo di Sant'Antonio dei Portoghesi. Dicembre 2014

from 2014-12-07 to 2014-12-14

S. Antonio dei Portoghesi


L'organo di Sant'Antonio dei Portoghesi. Novembre 2014

from 2014-11-01 to 2014-11-30

S. Antonio dei Portoghesi


L'organo di Sant'Antonio dei Portoghesi. Ottobre 2014

from 2014-10-05 to 2014-10-26

S. Antonio dei Portoghesi


Vestito a ponti d’oro e a cento corde in seno

2014-10-29

Santa Maria sopra Minerva


Quam Dilecta

2014-10-26

SS. XII Apostoli


Gravicembali Duettanti

2014-10-25

Santa Maria sopra Minerva


VII Festival Internazionale de L’Architasto: il clavicembalo

from 2014-10-05 to 2014-10-29


Roman Vlad, il suono della memoria

2014-11-30

Sala Casella


Blandine Rannou: Focus Rameau

2014-10-30

Sala Casella


Sol Gabetta

2014-11-27

Teatro Argentina - Teatro di Roma


Nel segno di Bach

2015-06-21

Sala dell'Immacolata


MelisMandolin Quartet

2015-06-07

Sala dell'Immacolata


...e il naufragar m’è dolce in questo mare

2015-05-24

Sala dell'Immacolata


Tour

2015-05-10

Sala dell'Immacolata


Duo Leonardo

2015-04-26

Sala dell'Immacolata


Narrar con parole

2015-04-12

Sala dell'Immacolata


Via Crucis

2015-03-29

Sala dell'Immacolata


Arie da camera dell’800 italiano

2015-03-15

Sala dell'Immacolata


Cantar fra l’Austria e Francia

2015-03-08

Sala dell'Immacolata


Minimalismo, mon amour

2015-02-22

Sala dell'Immacolata


A doppio Piano

2015-02-08

Sala dell'Immacolata


Le notti bianche

2015-01-25

Sala dell'Immacolata


Figaro è di scena!

2015-01-11

Sala dell'Immacolata


Aspettando Natale

2014-12-14

Sala dell'Immacolata


La Vierge

2014-12-07

Sala dell'Immacolata


Liricamente

2014-11-23

Sala dell'Immacolata


Violoncello francese

2014-11-16

Sala dell'Immacolata


Pagine dal mondo

2014-10-26

Sala dell'Immacolata


Behzod Abduraimov

2014-11-20

Teatro Olimpico


I Turchini - La Santissima Trinità

2014-11-13

Teatro Olimpico


Mendelssohn: Concerto per violino

from 2015-01-17 to 2015-01-20

Auditorium Parco della Musica


Rossini: Stabat Mater

from 2015-01-10 to 2015-01-13

Auditorium Parco della Musica


ńĆajkovskij: Romeo e Giulietta

from 2015-01-04 to 2015-01-06

Auditorium Parco della Musica


Antonio Pappano / Anna Netrebko

from 2014-12-20 to 2014-12-22

Auditorium Parco della Musica


Festival Prokofiev

from 2014-12-13 to 2014-12-15

Auditorium Parco della Musica


Festival Prokofiev

2014-12-12

Auditorium Parco della Musica


Festival Prokofiev

2014-12-11

Auditorium Parco della Musica


Sergej Krylov - Lithuanian Chamber Orchestra

2014-11-06

Teatro Olimpico


Stagione musicale 2014 - 2015 dell'Accademia Filarmonica Romana

from 2014-10-23 to 2015-05-17


Festival Prokofiev

2014-12-10

Auditorium Parco della Musica


Romantiche Ossessioni

from 2014-12-06 to 2014-12-09

Auditorium Parco della Musica


Il Mandarino miracoloso

from 2014-11-29 to 2014-12-02

Auditorium Parco della Musica


Omaggio a Richard Strauss

from 2014-11-22 to 2014-11-24

Auditorium Parco della Musica


Vivaldi il Prete Rosso

from 2014-11-02 to 2014-11-04

Auditorium Parco della Musica


Inaugurazione Stagione Sinfonica

from 2014-10-25 to 2014-10-28

Auditorium Parco della Musica


Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Stagione SInfonica 2014-2015

from 2014-10-06 to 2015-06-23

Auditorium Parco della Musica


Integrale delle Suite per Pianoforte 1952 - 1956

from 2014-11-08 to 2014-11-09

Istituto Svizzero


Ben Frost in concerto

2014-11-07


Winx Club Musical Show

from 2014-12-27 to 2014-12-28

Auditorium Conciliazione


Chica Vampiro - VAMPItour

2014-12-26

Auditorium Conciliazione


XXIV Concorso Pianistico Internazionale - Concerto dei Vincitori

2015-10-25

Auditorium Conciliazione


OPI, Ambrogio Sparagna

2014-11-01

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Uno spettacolo di Ambrogio Sparagna con l' Orchestra Popolare Italiana dell'Auditorium Parco della Musica
e il Coro Popolare diretto da Annarita Colaianni
e la partecipazione di
Giorgio Onorato, Aisha Cerami, Antonio Infantino, Caterina Pontrandolfo

Pier Paolo Pasolini, morto tra l'1 e il 2 novembre del 1975, √ɬ® stato uno dei principali protagonisti della rinascita dell'interesse verso la poesia e il canto popolare. "Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione √ɬ® il mio amore.." cos√ɬ¨ scrive in una delle sue liriche pi√ɬĻ famose esprimendo tutta la sua passione per quella cultura popolare contadina che segn√ɬ≤ in maniera indelebile ogni azione della sua poetica. L'interesse per i dialetti lo condusse dal friulano verso tutte le lingue popolari italiane, tanto che gi√ɬ† nel 1955 document√ɬ≤ nel suo Canzoniere italiano una monumentale raccolta di poesia e canti popolari di tutte le regioni d'Italia. Questa continua e profonda attenzione verso il mondo popolare nel 1964 lo port√ɬ≤ in Basilicata, e a Matera in particolare, per ambientare il suo Vangelo secondo Matteo.
Nello spettacolo Io sono una forza del Passato Ambrogio Sparagna traccia un ritratto particolare di Pasolini proponendo alcune sue liriche immerse tra i suoni antichi della Campagna Romana e della Basilicata, luoghi tanto cari al grande poeta friulano. La forza di espressioni come "solo nella tradizione √ɬ® il mio amore" fanno da sostegno poetico ad alcuni canti popolari della tradizione romana e lucana proposti in maniera originale dall'Orchestra popolare Italiana e dal Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni. Sullo sfondo di proiezioni di immagini, tratte dal Vangelo secondo Matteo, si sviluppa tutto lo spettacolo che si avvale anche della presenza di Giorgio Onorato, il pi√ɬĻ longevo cantante italiano che, dall'alto dei suoi 87 anni, continua la grande storia del canto popolare romanesco e di Aisha Cerami, cantante dalla bellissima voce e attrice di grande valore, una delle protagoniste della riscoperta della tradizione popolare romana.
Gli echi della Basilicata, cuore della civilt√ɬ† contadina italiana, che Pasolini am√ɬ≤ profondamente, sono proposti da Antonio Infantino, originale architetto-compositore di Tricarico, principale protagonista della riscoperta della Taranta gi√ɬ† a partire degli Anni Settanta, e da Caterina Pontrandolfo, cantate ed attrice potentina, una delle voci pi√ɬĻ intense ed originali della riscoperta del canto contadino lucano. Uno spettacolo unico, di grande intensit√ɬ† dedicato a Gianni Borgna.
Prima e dopo l'appuntamento con l'Ottobrata, l'Omaggio a Pasolini, produzione originale della Fondazione Musica per Roma, prevede altri importanti eventi in ricordo del grande intellettuale: due appuntamenti musicali, una mostra e un Concerto Breve presso il luogo dove è avvenuto l'omicidio di Pier Paolo Pasolini.

I Virtuosi dell'Opera di Roma: Enchanting Opera Arias by candlelight

from 2014-09-27 to 2014-11-29

San Paolo entro le mura

Enchanting opera arias by candlelight
Ensemble and Singers in period costumes

An intense journey inside the most famous and acclaimed Operas by Verdi, Puccini, Rossini Donizetti and Mozart. Ensemble and singers in period costumes of I Virtuosi dell’opera di Roma introducing public in the fascinating world of lyrical opera. In the majestic Church of St Paul within the Walls they will perform in an intimate setting by candle light.


John Legend - An Evening with John Legend

2014-11-11

Teatro Sistina

Al Sistina il talento e la classe di uno degli artisti pi√Ļ importanti della nuova scena musicale black in Italia ....

Many more voices

2014-11-22

La Pelanda - Centro di produzione culturale

La voce si fa teatro in ‚ÄúMany more voices‚ÄĚ, la performance di David Moss e Tempo Reale: un gioco sonoro dove convergono la musica di ogni tempo, dal rock al pop fino alla classica e alla contemporanea, che si aggiungono alle vibrazioni del mondo che ci circonda. Compositore, percussionista, ma soprattutto interprete che usa la voce in modo spericolato e innovativo, Moss arriva da studi accademici ma la sua personalit√† fermenta nell‚Äôambiente dell‚Äôavanguardia statunitense, sempre attenta ai pi√Ļ diversi influssi musicali.
Nell'ambito del RomaEuropaFestival, 22 novembre ore 21.00. Biglietti da ‚ā¨ 15,00
Acquisto on line


Orchestra of Samples - Addictive TV con Frank Sent Us

2014-11-30

La Pelanda - Centro di produzione culturale

Musica per i miei occhi. Potrebbe essere questo il motto di Addictive Tv, il duo formato da Graham Daniels e Mark Vidler impostosi all’attenzione internazionale per la capacità di elaborare e far suonare in tempo reale immagini video.
Nell'ambito del RomaEuropaFestival, 30 novembre ore 21.00. Biglietti da ‚ā¨ 15,00
Acquisto on line


Afropolitan: Fawda Trio and Swamimillion

2014-10-31

La Pelanda - Centro di produzione culturale

Melting pot sonoro in cui si rintracciano gnawa, jazz, hip hop e tutte le sfumature della musica elettronica e dance. Il loro live è il risultato di questo viaggio, un work in progress per tracciare tutti i punti di contatto tra l’elettronica odierna e i suoni della musica africana
Nell'ambito del RomaEuropaFestival, 31 ottobre ore 21.00. Biglietti ‚ā¨ 15,00.
Acquisto on line


Afropolitan: Oy

2014-11-01

La Pelanda - Centro di produzione culturale

Duo formato dalla vocalist svizzero-ghanese Joy Frempong e dal batterista e produttore Lleluja-Ha, nella terza e ultima serata di Afropolitan.
Nell'ambito del RomaEuropaFestival, 1 novembre ore 21.00. Biglietti ‚ā¨ 15,00.
Acquisto on line


Afropolitan: Baloji

2014-10-30

La Pelanda - Centro di produzione culturale

Storie di partenze e ritorni, giovani metropolitani nati in Africa e cresciuti nel mondo, paesaggi sonori che si incontrano, scontrano, si riconciliano per plasmare un altro luogo dell’ascolto: quello di un nuovo rinascimento africano che, pur non rinnegando le sue radici, si proietta verso il futuro e fa della naturale commistione e ibridazione culturale la propria bandiera. Ad aprire Afropolitan, la rassegna musicale realizzata da Romaeuropa in colaborazione con Afrodisia, è Baloji, artista belga/congolese
Nell'ambito del RomaEuropaFestival, 30 ottobre ore 21.00. Biglietti ‚ā¨ 15,00.
Acquisto on line


Paolo Benvegn√ɬĻ Earth Hotel

2014-10-31

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Paolo Benvegn√ɬĻ voce, chitarra
Andrea Franchi batteria
Guglielmo Ridolfo Gagliano chitarra
Luca Baldini basso
Michele Pazzaglia suoni



Paolo Benvegn√ɬĻ presenta il nuovo disco "Earth Hotel" a tre anni e mezzo di distanza dal precedente "Hermann", accolto con grande favore dalla critica e dal pubblico. Con "Hermann" Benvegn√ɬĻ ha infatti ottenuto diversi riconoscimenti: √ɬ® stato premiato al MEI come "miglior solista dell'anno" (PIMI premio italiano musica indipendente), ha ricevuto il Premio Radioindie Music Like come artista pi√ɬĻ trasmesso dal circuito radiofonico indipendente e si √ɬ® aggiudicato il secondo posto alle Targhe Tenco 2011, nella categoria "miglior disco dell'anno". Benvegn√ɬĻ √ɬ® stato il chitarrista-cantante fondatore degli Scisma, imprescindibile gruppo alternative-rock italiano ormai sciolto, con cui ha registrato, prodotto e composto tre dischi. Paolo Benvegn√ɬĻ √ɬ® uno dei migliori autori del nostro paese, un vero artista della parola suonata. Anche Mina, si √ɬ® accorta del suo talento e ha reinterpretato una sua canzone "io e Te"; i suoi brani sono stati cantati anche da Irene Grandi ("E' solo un sogno"), Giusy Ferreri, Marina Rei ("Il mare verticale").

Halloween La Storia

2014-10-31

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Kay McCarthy voce, arpa
Fabio de Portu chitarra
Cristiano Brunella violino
Stefano Diotallevi pianoforte, tastiera
Piero Ricciardi bodhran
Susanna Valloni flauto



O√ɬ≠che Shamhna, la Notte di Samhain √ɬ®, secondo l'antica tradizione celtica pagana, l'inizio del freddo, della met√ɬ† oscura dell'anno; √ɬ® la notte tra il 31 ottobre e 1 novembre; All Hallows' Eve, per il mondo di lingua inglese, abbreviato come Hallowe'en. Nel calendario celtico, pagano e lunare, segna l'inizio di un nuovo anno e della stagione del freddo e del buio. Il concerto di Halloween sar√ɬ† un viaggio emozionante tra le luci e le ombre di un'antica tradizione orale e mistica, fatta delle credenze e dei timori di un popolo nordico che teme che il sole possa morire; sar√ɬ† un viaggio in Irlanda la sera del Capodanno celtico, uno straordinario distillato di "canti e conti", di parole e suoni che raccontano, con passione e freschezza, gli usi, i costumi e le leggende di O√ɬ≠che Shamhna, la Notte delle tenebre. Il repertorio spazia tra melodie antiche e brani originali che esprimono una musicalit√ɬ† profonda capace di ammaliarci con toni melanconici e appassionati. Storia raccontata in musica dalla splendida voce di Kay McCarty, nata a Dublino ed italiana d'adozione, da oltre vent'anni portavoce della tradizione musicale irlandese in Europa. Famosa ed apprezzata anche in Italia, trae la sua ispirazione da radicati elementi costitutivi della terra d'origine arricchita di tutte le pi√ɬĻ aggiornate esperienze di cui √ɬ® pregno il suo linguaggio, considerato tra i pi√ɬĻ interessanti nell'attuale panorama della musica irlandese.

Kevin Robert Orr

2014-11-14

Sant'Agnese in Agone


Brunella Domenichello

2014-11-07

Sant'Agnese in Agone


Duo Matarrese Aventaggiato

2014-10-31

Sant'Agnese in Agone


Duo Calcaglile Spinosa

2014-10-24

Sant'Agnese in Agone


Chamber Music Experience 2014 - VIII festival pianistico internazionale

from 2014-09-12 to 2014-12-05

Sant'Agnese in Agone


Accademia d'Opera Italiana: Le quattro stagioni

from 2014-09-13 to 2014-10-29

Anglicana All Saints


Violetta Live 2015

from 2015-02-06 to 2015-02-07

Palalottomatica


Opera sulle punte

from 2014-09-09 to 2014-12-16

Valdese

Soprano, Tenore, Baritono e due ballerini, accompagnati dalla melodia di un Ensemble da camera con pianoforte, guidano il pubblico alla scoperta della Grande Epoca dell'Opera lirica e del balletto..

Peppe Barra "Vurria addeventare"

2015-05-26

Università La Sapienza - Aula Magna


Ensemble di Fiati della London Symphony Orchestra

2015-05-09

Università La Sapienza - Aula Magna


Viktoria Mullova - Ottavio Dantone - Accademia Bizantina

2015-04-28

Università La Sapienza - Aula Magna


Nicolas Hodges

2015-04-14

Università La Sapienza - Aula Magna


Ensemble Ars Ludi

2015-04-11

Università La Sapienza - Aula Magna


Quartetto Prometeo

2015-03-31

Università La Sapienza - Aula Magna


Avi Avital - Gilad Harel - David Greilsammer

2015-03-28

Università La Sapienza - Aula Magna


Igudesman & Joo

2015-03-21

Università La Sapienza - Aula Magna


Ensemble Les Paladins

2015-03-14

Università La Sapienza - Aula Magna


Yundi Li: il debutto a Roma

2015-03-10

Università La Sapienza - Aula Magna


Rachel Kolly d’Alba e Christian Chamorel: il debutto a Roma

2015-02-28

Università La Sapienza - Aula Magna


Zhi Chao Julian Jia, pianoforte

2015-02-21

Università La Sapienza - Aula Magna


Nove colori in nove movimenti

2015-02-17

Università La Sapienza - Aula Magna


Fazil Say, pianoforte

2015-02-07

Università La Sapienza - Aula Magna


Narek Hakhnazaryan - Oxana Shevchenko

2015-02-03

Università La Sapienza - Aula Magna


Ensemble Berlin: I Solisti dei Berliner Philharmoniker

2015-01-26

Università La Sapienza - Aula Magna


Quartetto di Cremona: Esplorando Beethoven

2015-01-24

Università La Sapienza - Aula Magna


Giovanni Sollima - Monika Leskovar - Giuseppe Andaloro - Ilya Rashkovsky

2015-01-17

Università La Sapienza - Aula Magna


Andrea Lucchesini, pianoforte

2015-01-13

Università La Sapienza - Aula Magna


Tallis Scholars

2014-12-16

Università La Sapienza - Aula Magna


Balanescu Quartet

2014-12-13

Università La Sapienza - Aula Magna


Musica Pourparler: Orchestra Giovanile del Conservatorio Santa Cecilia

2014-12-10

Università La Sapienza - Aula Magna


Les Percussions de Strasbourg

2014-12-02

Università La Sapienza - Aula Magna


Hilliard Ensemble: L’addio alle scene

2014-11-29

Università La Sapienza - Aula Magna


100 anni di Charlot: proiezione di film con musica dal vivo

from 2014-11-22 to 2014-11-23

Università La Sapienza - Aula Magna


Orquesta Sinfónica de Guanajuato

2014-11-18

Università La Sapienza - Aula Magna


David Krakauer’s Ancestral Groove

2014-11-11

Università La Sapienza - Aula Magna


Quartetto di Cremona: Esplorando Beethoven

2014-11-08

Università La Sapienza - Aula Magna


Lynn Harrell - Julian Rachlin - Zhang Zuo

2014-10-28

Università La Sapienza - Aula Magna


Musica Pourparler: 200 anni a suon di Sax

2014-10-25

Università La Sapienza - Aula Magna


Gabriele Carcano, pianoforte

2014-10-25

Università La Sapienza - Aula Magna


Stagione 2014-2015 della Iuc - Istituzione Universitaria dei Concerti presso l'Aula Magna della Sapienza

from 2014-10-14 to 2015-05-26

Università La Sapienza - Aula Magna


Biréli Lagrène & Gipsy Project

2014-11-27

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Biréli Lagrène chitarra acustica
Hono Winterstein chitarra acustica
Diego Imbert contrabbasso
Frank Wolf violino




Esiste una forma particolare di Jazz (e di swing) resa celebre dal leggendario chitarrista di origine tzigana Django Reinhardt, che cre√ɬ≤ la mirabile sintesi tra la musica gitana ed il jazz denominata "Manouche" o "Gipsy Jazz". Bireli Lagrene, anch'egli di origine gitana, ne viene folgorato fin da piccolo, Reinhardt diventa il punto di riferimento fondamentale per la sua formazione, a soli dodici anni, comincia la sua carriera di concertista in tutta Europa. Bireli si forma per√ɬ≤ anche ascoltando maestri come Wes Montgomery, George Benson, e anche Jaco Pastorius. Dopo aver suonato Jazz moderno decide di tornare alle origini e diventa uno dei pi√ɬĻ grandi chitarristi manouche europei. Lagrene presenta in questo concerto, un omaggio a Django Reinhardt, nella tipica formazione del Gipsy Jazz: due chitarre acustiche, violino e contrabbasso. Ascoltare uno dei pi√ɬĻ grandi interpreti contemporanei del genere √ɬ® un'occasione assolutamente unica e un' esperienza emozionante e a tratti persino commovente.

US Naval Force Europe Jazz Ensemble

2014-11-15

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
US Naval Force Europe Jazz Ensemble








Un tuffo esaltante nello swing tradizionale degli anni 30 e 40, suonato dalla banda ufficiale della Marina degli Stati Uniti in Europa. Vivrete per una serata il Jazz delle grandi orchestre di Duke Ellington, Count Basie, George Gershwin. Questa big band vi svelerà l'impatto potente ed entusiasmante dello swing, un salto nel passato ma anche l'opportunità di ascoltare e godere degli effetti benefici del jazz. Alla fine di questo concerto avrete, la sensazione di svegliarvi da un sogno rigenerante, la cui atmosfera rimarrà con voi a lungo, persistente e ritemprante come il vero swing sa essere.

Franco D'Andrea Three

2014-11-24

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Franco D'Andrea piano
Daniele D'Agaro clarinetto
Mauro Ottolini trombone




Franco D'Andrea è una vera stella del Jazz. Di tutto il Jazz, e non solo di quello italiano: pianista, musicista, compositore, da cinquant'anni porta in tutto il mondo, la sua musica profonda, intensa, di grande respiro, e anche inusuale, nuova, divertente, sempre densa di spunti e di idee. I suoi incontri artistici annoverano nomi come Gato Barbieri, Lee Konitz, Phil Woods, Enrico Rava, Aldo Romano, Dave Liebman e molti altri: non a caso l'anno scorso ha ricevuto il premio alla carriera da parte della rivista "Musica Jazz" ed è stato incoronato musicista europeo dell'anno dall'Académie du jazz de France. Nel concerto che vi proponiamo scoprirete proprio quanto può essere affascinante un trio atipico: pianoforte, clarinetto e trombone. La singolare e affascinante intuizione è l'accostare il suo pianoforte a due soli strumenti a fiato che rappresentano le ance e gli ottoni di una banda musicale: una specie di "band concentrata" che, sfruttando i due timbri opposti di clarinetto e trombone e l'apporto ritmico ed armonico, oltre che melodico, del piano, percorrerà in chiave moderna il Jazz tradizionale, lo swing, l'improvvisazione anche contrappuntistica.

3 Cohens Sextet

2014-11-16

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Anat Cohen clarinetto, sax tenore
Yuval Cohen sax soprano
Avishai Cohen tromba
Yonathan Avishai pianoforte
Reuben Rogers contrabbasso
Jonathan Blake batteria

Lo swing è anche e soprattutto improvvisazione, quel particolare modo di fare musica che dona al Jazz la positiva tensione creata dal comporre estemporaneamente: il musicista volteggia acrobaticamente su un filo, sottile ma di robustissimo acciaio, fatto di strutture armoniche delineate da cui partire, brani affascinanti da stravolgere e una perfetta conoscenza tecnica ed espressiva del proprio strumento. I fratelli Anat, Avishai e Yuval improvvisano sincronicamente, a tre voci, definendosi come improvvisatori "a cappella". Questi tre strepitosi musicisti, presentano un programma di brani del Jazz classico, ritmi latini, e accattivanti composizioni originali. I fratelli Cohen danno prova di un eccezionale interplay, condizione necessaria perché nasca lo swing. Un concerto di grande fascino che siamo orgogliosissimi di presentare al nostro Festival.

Jason Moran & Robert Glasper

2014-11-17

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Jason Moran pianoforte
Robert Glasper pianoforte

Jason Moran e Robert Glasper sono due straordinari talenti del nuovo pianismo jazzistico americano, che si presentano in un eccezionale concerto in duo, dopo il grande successo ottenuto a New York. Forti di una solida preparazione tecnica ed accademica, entrambi hanno assorbito profondamente non solo il linguaggio jazzistico ma anche la cultura sonora nella quale sono cresciuti. Due giovani prodigio che stanno avendo, a ragione, una carriera artistica a dir poco sfolgorante, e che rappresentano quella nuova generazione di jazzisti statunitensi portatrice di una creatività dirompente, legata saldamente ad ogni ispirazione musicale che si mostri vitale e feconda di potenziali novità. Diversissimi tra loro eppure in completa sintonia, sul palco daranno vita ad un concerto irresistibile, dal sound fresco, nuovo e dall'andamento melodico-armonico travolgente.

Sound Prints

2014-11-18

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Joe Lovano sassofoni
Dave Douglas tromba
Lawrence Fields piano
Linda Oh contrabbasso
Joey Baron batteria


Joe Lovano e Dave Douglas sono due fuoriclasse mondiali rispettivamente del sax e della tromba. Due artisti dalle personalità molto spiccate, che ad ogni loro incontro danno vita a una musica energica, elegante, contraddistinta da virtuosismi felicemente finalizzati alla piena espressività, con una modalità esecutiva nuova e allo stesso tempo carica di profondi legami con tutto il Jazz della tradizione precedente. Un duo stellare dunque, che presenterà un entusiasmante e affascinante tributo a Wayne Shorter: grande compositore, genio indiscusso del sassofono. Lovano e Douglas porteranno sul palco sue composizioni appositamente arrangiate per questo progetto ma anche brani originali. Il risultato è una meraviglia di suoni in equilibrio tra passato, presente e futuro, un Jazz che vi stupirà per la sua estroversa complessità, raffinata ma di grande, diretto impatto emotivo.

Anthony Strong

2014-11-28

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Anthony Strong piano, voce
Dave Ohm batteria
Spencer Brown contrabbasso
Graeme Flowers tromba
Alam Nathoo sassofono






Non c'è Jazz e non c'è swing senza crooners! Ovvero, splendidi interpreti canori di canzoni che hanno fatto sognare intere generazioni con le loro voci calde e potenti: basti pensare a Frank Sinatra, o Tony Bennett, o Mel Tormè fino ad arrivare oggi a Kurt Elling, solo per fare qualche nome. Anthony Strong è un crooner inglese in irresistibile ascesa che con il suo LP "Delovely" (ed il video Cheek to cheek) ha conquistato la scena internazionale cantando e suonando il pianoforte esibendosi al Duc Des Lombards a Parigi, allo Stuttgart Jazz Festival e in Spagna: e non sembra affatto volersi fermare. Una voce affascinante, un senso ritmico irresistibile, il piglio ironico,la sua voce, i suoi arrangiamenti originali, il suo grande senso del palcoscenico vi faranno irresistibilmente schioccare le dita a tempo di Jazz ed apprezzare una voce che rievocherà atmosfere affascinanti con uno stile attuale e inconfondibile. Lo swing si canta!

The Sweet Life Society

2014-11-29

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
The Sweet Life Society








The Sweet Life Society è l'idea brillante balenata ad un quintetto di giovani e creativi musicisti alle prese con lo swing classico degli anni Venti e Trenta ma filtrato, riproposto, ridisegnati attraverso la musica elettronica. Un gruppo che si inserisce a pieno titolo nella modernissima corrente musicale denominata "electroswing". Passato, presente e futuro che compongono musicalmente un contrasto inusuale, a tratti esaltante, che nel live raggiunge la sua massima espressività. Si, perché questi musicisti il Jazz lo sanno suonare benissimo, ne conoscono a menadito gli stilemi principali e dunque possono permettersi di giocarci divertendosi, il tutto su brani originalissimi, testi ironici, ricchi di inserti di rap e graffianti sonorità futuribili.. Un vero e proprio spettacolo che gioca sui contrasti, curati fin nei minimi particolari, e che si avvale anche di filmati in bianco e nero, dj set, abiti vintage: perché lo swing è anche e soprattutto gioioso e sfrenato divertimento.

Dave Holland & Kenny Barron

2014-11-14

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Dave Holland contrabbasso
Kenny Barron pianoforte




Kenny Barron e Dave Holland sono due straordinari musicisti che attraversano il Jazz da pi√ɬĻ di 50 anni: le loro biografie sono costellate di incontri incredibili, ognuno dei quali divenuto fonte di ulteriore ispirazione creativa. Da John Coltrane, a Dizzy Gillespie, da Charlie Haden a Stan Getz, da Miles Davis a Chick Corea, da Herbie Hancock a Pat Metheny. Le doti innate e il loro formidabile percorso artistico, hanno fatto di Barron e Holland splendidi portatori sani di un Jazz melodico e raffinato, contagioso e avvincente: ascolterete brani originali e standard, improvvisazioni virtuosistiche, ritmi cangianti e scambi audaci. E capirete perch√ɬ© li abbiamo fortemente voluti in questo festival dedicato allo swing!

Piji Quintet & Guests

2014-11-26

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Piji Siciliano voce e chitarra
Augusto Creni chitarra manouche
Gian Piero Lo Piccolo clarinetto
Ominostanco electronics
Saverio Capo basso
+ guests


Non tutti sanno che anche il pop pu√ɬ≤ essere molto, molto swing e lo swing pu√ɬ≤ divenire molto, molto pop: un aspetto accattivante di questa corrente musicale cos√ɬ¨ viva e longeva che non potevamo non mostrarvi nel nostro festival, che ne vuole svelare tutti i pi√ɬĻ disparati aspetti. Piji √ɬ® un cantautore oramai ben pi√ɬĻ che emergente, che molti di voi avranno sentito pi√ɬĻ volte passare anche in radio, e che percorre con crescente successo la corrente dell'electroswing, gi√ɬ† vivacissima in Europa, attraverso composizioni originali, naturalmente, e riletture jazzate di brani pop. Uno di essi, "C'√ɬ® chi dice no" √ɬ® stato pubblicamente apprezzato dallo stesso autore, l'icona del pop rock italiano Vasco Rossi. Ascolterete uno swing moderno, fatto di una divertente e contagiosa rilettura della tradizione jazzistica gipsy-manouche, del Jazz da ballo, della canzone d'autore, e godrete di testi intelligenti, poetici, ironici e di una musica allegra ed energica fatta di un fascinoso bilanciamento tra acustico ed elettrico: tutte caratteristiche che hanno valso a PiJi la partecipazione a ben due Premi Tenco e l'ottenimento di numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Lunezia ed il Premio Bindi

Orchestra Operaia

2014-11-30

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
voce
Marta Colombo
trombe
Mario Caporilli, Mirko Rubegni, Fabio Gelli
tromboni
Stan Adams, Pierluigi Bastioli, Gianluca Lanza
saxes
Claudio Giusti, Alex Tomei, Carlo Conti, Duilio Ingrosso, Roberto Bottalico, Giuseppe Ricciardo
keyboards
Alessandro Gwiss
chitarra
Gianluca Masetti, Manlio Maresca
basso
Lorenzo Feliciati
batteria
Emanuele Smimmo
direzione e arrangiamenti
Massimo Nunzi






L'"Orchestra Operaia" √ɬ® stata fortemente voluta dal trombettista, arrangiatore, compositore Massimo Nunzi ed √ɬ® una delle realt√ɬ† pi√ɬĻ vivaci ed attive del panorama jazzistico italiano. L'idea nasce ispirandosi alle orchestre cooperative che in America nacquero in conseguenza alla grande crisi di Wall Street degli anni 20: una straordinaria possibilit√ɬ† di aggregare musicisti, idee, talenti, produzione di musica di altissimo profilo. Proprio ci√ɬ≤ che accade in questo progetto di Nunzi, nel quale verranno eseguiti arrangiamenti dell'epoca, pregiati e ancora in parte non conosciuti, provenienti dagli archivi dell'Universit√ɬ† di Newark. Alcuni di questi sono rarissimi, come quello che Dizzy Gillespie scrisse per Woody Hermann, e tutti percorrono lo swing dagli esordi a quello "progressive" di Stan Kenton, grande direttore d' orchestra che ne ha ridisegnato completamente lo stile. Con l'Orchestra Operaia, assisterete alle evoluzioni acrobatiche e swinganti dei ballerini di Lindy Hop, e a preziosi filmati d' epoca, mentre la voce narrante di un attore vi far√ɬ† da guida in questo vero e proprio viaggio nell'et√ɬ† dell'oro del Jazz.

Enrico Rava

2014-11-20

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Enrico Rava tromba, flicorno
Mauro Ottolini trombone
Dan Kinzelman sax tenore
Daniele Tittarelli sax alto
Marcello Giannini chitarra elettrica
Giovanni Guidi pianoforte
Stefano Senni contrabbasso
Zeno De Rossi batteria




Enrico Rava, con la sua tromba ha girato il mondo, suonando con musicisti i cui nomi sono la storia del Jazz: Don Cherry, Steve Lacy, Cecil Taylor, Charlie Haden, ma potremmo continuare un elenco impressionante di collaborazioni, concerti, registrazioni, incontri, aneddoti, che di un jazzista sono l'indispensabile nutrimento. Rava ha alle spalle, al suo fianco e anche davanti a se tanta di quella musica che per lui soffiare nel proprio strumento significa rievocare e raccontare centinaia di storie. Qui all'Auditorium prenderà e lo reinterpreterà il suo vasto repertorio insieme a giovani e talentuosissimi musicisti, dei quali è stato il primo mentore: come ogni grande musicista ha insegnato loro molto e da loro impara, suonandovi insieme. Enrico Rava li ha scelti per farvi ascoltare brani che, siamo sicuri, sono quelli che vi hanno fatto innamorare di questa musica meravigliosa che è il Jazz.

Fabrizio Bosso Quartet & Paolo Silvestri Ensemble Swinging Duke

2014-11-19

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Fabrizio Bosso tromba
Julian Oliver Mazzariello pianoforte
Luca Alemanno contrabbasso
Nicola Angelucci batteria
e con
Claudio Corvini tromba
Fernando Brusco tromba
Mario Corvini trombone
Gianni Oddi sax alto
Michele Polga sax tenore
Marco Guidolotti sax baritono
arrangiamenti di
Paolo Sivestri




Gli ingredienti del concerto dedicato a Duke Ellington sono eccezionali. Un grande trombettista italiano, vera e propria eccellenza del Jazz riconosciuto a livello internazionale, Fabrizio Bosso: ha appena 40 anni, e ha realizzato progetti live e discografici inanellando una serie infinita di successi per le sue straordinarie capacità espressive, una tecnica a dir poco prodigiosa. Bosso ha scelto di suonare in quartetto con un tre musicisti strepitosi, affiancato da un quartetto d' archi, il BIM, diretto dall'eclettico compositore, pianista e autore di colonne sonore, Paolo Silvestri, che ha scritto arrangiamenti nuovi del repertorio Ellingtoniano adattandoli appositamente per questo evento. Il risultato finale di questo mix è un concerto unico per l'armonico intrecciarsi di due quartetti dai timbri contrastanti, quello jazzistico e quello classico, che vi sveleranno un mondo sonoro affascinante ed inaspettato attraverso i successi immortali di un genio della musica, Duke Ellington.

Dee Dee Bridgewater

2014-11-25

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Dee Dee Bridgewater voce
Theo Croker tromba
Irwin Hall flauto, sassofoni
Sullivan Fortner pianoforte
Eric Wheeler contrabbasso
Kassa Overall batteria




Dee Dee Bridgewater, americana di Memphis, comincia la sua carriera quasi in sordina fino a che, trasferitasi in Francia, esplode con la sua voce potente e personalissima. Definire "cantante" Dee Dee Bridgewater non rende giustizia ad una interprete eclettica, comunicativa, che fa del suo strepitoso timbro vocale una tavolozza ricca mille colori, ed in grado di affrontare ogni genere musicale. In questo concerto sar√ɬ† affiancata da musicisti eccellenti che ne conoscono ogni sfumatura vocale, ogni guizzo creativo e la sua capacit√ɬ† di divertirsi e giocare con il pubblico. Uno spettacolo vero e proprio che si prospetta pieno di sorprese, tanto pi√ɬĻ che Dee Dee non seguir√ɬ† un concept, come nei numerosi "tributi" avvenuti in passato, ma canter√ɬ† brani diversi spaziando tra il Jazz, il Soul, la canzone d'autore, il Rythm and Blues: e se lo pu√ɬ≤ permettere, perch√ɬ© negli anni si √ɬ® creata un repertorio quasi infinito anche dal punto di vista stilistico. Siate emotivamente pronti, dunque, ad un vero e proprio viaggio nella musica e nella vocalit√ɬ† afroamericane e allo swing incontenibile, irresistibile ed avvincente di una delle pi√ɬĻ grandi interpreti dei nostri giorni.

Fabiana Biasini piano recital

2014-11-02

Chiesa Metodista di Ponte Sant'Angelo


Schumann Dichterliebe

2014-11-01

Chiesa Metodista di Ponte Sant'Angelo


SixteenStrings Cello Quartet

2014-10-25

Chiesa Metodista di Ponte Sant'Angelo


I Concerti dell'Angelo (Settembre - Novembre 2014)

from 2014-09-20 to 2014-11-02

Chiesa Metodista di Ponte Sant'Angelo


Raf

2014-12-13

Atlantico Live


Emma 3.0. - Emma in concerto

2014-11-14

Palalottomatica


Claudio Baglioni

from 2014-11-28 to 2014-11-30

Palalottomatica


Biagio Antonacci

from 2014-11-08 to 2014-11-12

Palalottomatica


Ritorno al presente

from 2015-04-21 to 2015-05-17

Teatro Golden

Di A. Fornari, T. Fornari, A. Maia, V. Sinopoli, regia di A. Fornari, con L. Angeletti, E. Di Cioccio, A. Fornari, N. Vaporidis.

Da Balla a Dalla - Storia di un'imitazione vissuta

from 2015-01-20 to 2015-01-25

Teatro Sala Umberto

Regia di M. Licinio, con D. Ballantini, Band, dirige S. Cenci (e arrangiamenti).

Renzo Arbore

2014-12-31

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Renzo Arbore



Un evento speciale per il capodanno 2015. Il 31 dicembre si esibir√ɬ† in sala Santa Cecilia uno dei protagonisti pi√ɬĻ amati della musica italiana, Renzo Arbore. Insieme a lui salir√ɬ† sul palco ad accompagnarlo L'Orchestra italiana, gruppo fondato da Arbore stesso nel 1991 per rilanciare la musica napoletana nel mondo, riproponendola in modo innovativo e utilizzando contaminazioni provenienti da differenti culture e da vari generi come il jazz, lo swing, il blues. La formazione √ɬ® stata concepita come un "orchestra da serenata", dove il musicista che non suona si presta per cantare. Nel concerto verranno eseguiti e interpretati brani della tradizione napoletana, in particolare canzoni del repertorio di artisti importanti come Roberto Murolo e Renato Carosone e della musica italiana melodica in genere.

Giovanni Allevi, Orchestra Sinfonica Italiana

2014-12-26

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Giovanni Allevi
Orchestra Sinfonica Italiana
Giovanni Allevi torna a Natale all'Auditorium Parco della Musica insieme all'Orchestra Sinfonica Italiana. Un'occasione speciale per riascoltare i brani pi√ɬĻ famosi del pianista, compositore e direttore d'orchestra divenuto in poco tempo un fenomeno sociale, entrando nell'immaginario collettivo delle nuove generazioni che affollano i suoi concerti, e con le quali ha instaurato un rapporto privilegiato, e, come lui afferma, "misterioso". Oltre alle sue composizioni Allevi regaler√ɬ† al pubblico dell'Auditorium le interpretazioni di alcune tra le pi√ɬĻ belle musiche tradizionali del Natale come "White Christmas", "Silent night", "Santa Claus is comin' to town", "Oh Happy Days" e "Jingle Bells" che ha raccolto e pubblicato recentemente nell'album "Christmas for You".
Le composizioni di Allevi tratteggiano i canoni di una nuova "Musica Classica Contemporanea", attraverso un linguaggio colto ed emozionale, che prende le distanze dall'esperienza dodecafonica e minimalista, per affermare una nuova intensità ritmica e melodica europea fondata sulle forme della tradizione classica infuse dei suoni del Presente. Per il suo impegno intellettuale Allevi, oltre a sollevare l'entusiasmo del suo pubblico, ha ricevuto attestazioni di stima da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, di Papa Benedetto XVI, Papa Francesco, del Premio Nobel Mikhail Gorbaciov e di molti esponenti del mondo artistico e culturale. Tanti i concerti e le sue tournée internazionali. Tra l'altro: la direzione delle proprie musiche eseguite dalla China Philarmonic Orchestra nel concerto alla Città Proibita di Pechino durante le Olimpiadi 2008; il debutto alla Carnegie Hall di New York ad apertura del tour americano; il concerto di pianoforte solo per il Teatro San Carlo in Piazza del Plebiscito a Napoli di fronte a 11mila persone; il concerto all'Arena di Verona, di fronte ad un pubblico di oltre 12mila persone; il concerto alle Olimpiadi di Londra, dove è stato chiamato per la seconda volta consecutiva a rappresentare la musica italiana; la Première Mondiale alla guida dell'Orchestra del Teatro Carlo Felice. Allevi è anche scrittore di successo: ha pubblicato nel 2008 "La musica in testa", e "In viaggio con la Strega" e, nel 2011, il manifesto estetico "Classico ribelle", intensa riflessione filosofica sul rapporto tra Arte e Vita.

Mvula Sungani Company e Marlene Kuntz Live - Il Vestito di Marlene

from 2015-04-01 to 2015-04-02

Teatro Olimpico


Mummenschanz

from 2015-05-08 to 2015-05-17

Teatro Olimpico

Compagnia Mummenschanz.
Torna a Roma il celebre complesso dei Mummenschanz. Il nome deriva dalla fusione di due parole, ''mummen'' che è il nome della maschera indossata nel Medioevo da chi giocava a carte o a dadi per soldi e ''schanz'', sorte, fortuna. Un nome che rimanda al gioco del travestimento e del caso, ritagliato su misura per i loro spettacoli..

Francesco Renga Tempo Reale Tour

2014-10-30

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Francesco Renga



Dopo il sold out di maggio scorso Francesco Renga torna all'Auditorium Parco della Musica sull'onda del successo di "Tempo Reale" e del nuovo singolo "Il mio giorno pi√ɬĻ bello nel mondo", brano tra i pi√ɬĻ trasmessi dalle radio e ai primi posti della classifica di ITunes. Del nuovo album fanno parte anche "A un isolato da te" (scritta da Roberto Casalino) e "Vivendo adesso" (firmata da Elisa), le due canzoni che Renga ha presentato alla 64esima Edizione del Festival di Sanremo. Per il cantante un grande ritorno nel segno della pi√ɬĻ assoluta novit√ɬ†: nuova casa discografica, nuovo produttore (Michele Canova), nuovi autori che hanno dato la possibilit√ɬ† di utilizzare anche la sua voce in maniera diversa, legando il suo canto a una contemporaneit√ɬ† che lo vede esplorare differenti territori, registri e timbri che non aveva mai usato in passato.

Volare - Concerto a Domenico Modugno

from 2015-02-17 to 2015-03-08

Teatro della Cometa

Regia di M. Mete, con G. Cannavacciuolo, Trio Bugatti (musiche dal vivo).

Cetra una volta

from 2015-01-14 to 2015-01-25

Teatro Tirso de Molina

Di T. Fornari, regia di A. Fornari, con I Favete Linguis.
Lo spettacolo è un omaggio al celebre quartetto che nell'ultimo anno, dopo la scomparsa di Lucia Mannucci, chiude la meravigliosa parentesi di un gruppo che ha fatto veramente la storia della televisione e del teatro italiano..

Buon Compleanno

from 2015-02-18 to 2015-03-08

Teatro Tirso de Molina

Di P.F. Pingitore, regia di P.F. Pingitore, con S. Masciarelli , M. Villa.

Banda Osiris - Fuori Tempo

from 2014-10-23 to 2014-11-02

Teatro Vittoria

Con S. Berti (mandolino, violino, trobone), G. Carlone (voce, sax), R. Carlone (voce, pianoforte), G. Macrì (percussioni, batteria, bassotuba), S. Berti (mandolino, violino, trobone), G. Carlone (voce, sax), R. Carlone (voce, pianoforte), G. Macrì (percussioni, batteria, bassotuba).
La Banda Osiris porta sulla scena una calibrata e perfetta mescolanza tra tecnica e improvvisazione...

Nathalie

2014-12-14

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Nathalie



Nathalie e la sua band ritornano all'Auditorium Parco della Musica di Roma - dopo il 'sold-out' dello scorso anno - con un concerto-evento irripetibile, che vedrà la presenza sul palco al suo fianco di ospiti speciali italiani e internazionali, e ci offrirà una scaletta di canzoni assolutamente inedita, espressamente pensata per l'occasione.
Un modo del tutto originale di ringraziare e augurare 'Buon Natale' al suo pubblico e ai suoi fan (lo spettacolo coinciderà con il raduno annuale nazionale del suo fan-club), che l'hanno sempre seguita e supportata negli ultimi quattro anni.
Infatti dalla vittoria - quasi a sorpresa - nell'edizione 2010 del contest televisivo 'XFactor', Nathalie - che gi√ɬ† aveva impressionato critica e pubblico per l'eleganza di scrittura e d'interpretazione nella sua successiva partecipazione al Festival di Sanremo 2011 - si √ɬ® lentamente andata affermando come una delle pi√ɬĻ raffinate cantautrici italiane. Ne √ɬ® prova il suo ultimo lavoro 'Anima di Vento', un album che riesce a spaziare con naturalezza dalla canzone d'autore all' 'indie-rock', e che vede la presenza di illustri ospiti provenienti da diversi mondi musicali: Franco Battiato, Raf, Toni Childs.
Nathalie, che è italo-belga e scrive le sue canzoni in italiano, francese e inglese, ha sempre guardato con interesse e con curiosità alle diverse contaminazioni musicali internazionali. Questo "Special Event" ne è una ulteriore riprova: un concerto imperdibile che vi emozionerà e coinvolgerà dall'inizio alla fine

Ora è venuta l'ora

from 2015-06-08 to 2015-06-09

Teatro Argentina - Teatro di Roma

Con Quartetto vocale di Giovanna Marini.

Three Tenors: Napul’è arie d’opera e balletto - Opera in Roma

from 2014-08-05 to 2014-12-09

San Paolo entro le mura

Three Tenors

CAST
Tenors - Cladio Minardi, Marco Bianchi, Giuseppe Macagno
Piano - Catia Capua
Mandolin - Antonio Boienzo 
Dancers - Jennifer Giurioli, Micol Girasole e Beatrice De Santis
Artistic Direction- Minea De Mattia

Program:

1° Act

Enrico Cannio O’ SURDATO ‘NNAMURATO (con balletto)
Bixio Cherubini MAMMA
Luigi Denza FUNICULÌ FUNICULÀ (con balletto)
Salvatore Cardillo CORE 'NGRATO
Salvatore Gambardella COMME FACETTE MAMMETA (con balletto)
Ernesto De Curtis TU CA NUN CHIAGNE
Giuseppe Verdi LA TRAVIATA Dei miei bollenti spiriti
Antonio De Curtis MALAFEMMENA (con balletto)
Guido Maria Ferilli UN AMORE COSÌ GRANDE 
Giuseppe Verdi LA TRAVIATA Libiam, ne’ lieti calici (con balletto) 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

2° Act

Pietro Mascagni MATTINATA Romanza (con balletto)
Giuseppe Verdi IL TROVATORE Di Quella Pira
Ernesto De Curtis TORNA A SURRIENTO (con balletto)
Giuseppe Verdi IL RIGOLETTO La donna è mobile
Domenico Modugno NEL BLU DIPINTO DI BLU
Ruggiero Leoncavallo I PAGLIACCI Vesti la giubba
Renato Rascel ARRIVEDERCI ROMA (con balletto)
Giacomo Puccini TURANDOT Nessun dorma
Eduardo Di Capua ‘O SOLE MIO (con balletto) 


Lezioni di Arte

from 2015-01-25 to 2015-05-24

Auditorium Parco della Musica

A Roma le meraviglie dei luoghi svelano un universo di stili unico al mondo; passeggiare per le sue vie e le sue piazze è come sfogliare il più ricco manuale della storia dell'arte occidentale: archi e scalinate, colonne e obelischi, ville e giardini, palazzi e chiese, fontane e monumenti, riflessi della gloria di imperatori, principi e papi, testimoni del genio di artisti raccontano in filigrana storie e avventure di una capitale. Sarebbe troppo pretendere così di imprigionare la città eterna in un unico ritratto, per esauriente e acuto che sia, se non in un insieme di segni che offrono sempre nuove possibilità di lettura. Dopo il lusinghiero favore del ciclo di lezioni delle scorse stagioni si è deciso di riproporre un'altra serie di percorsi di approfondimento, attraverso un ventaglio di incontri con alcuni dei medesimi studiosi della prima edizione, che volentieri ritornano all'Auditorium a parlare di nuovi argomenti, e altri intellettuali italiani importanti, noti in ambito internazionale e impegnati in diversi campi della ricerca. Per arricchire di nuove tessere uno straordinario mosaico di cultura, perché i cittadini siano messi nella condizione di aspirare alla bellezza, invitati ancora al piacere della scoperta, alla dolcezza del vivere, le lezioni di questo ciclo sono dedicate alle meravigliose Piazze di Roma e a ciò che esse rappresentano nella sistemazione urbanistica della città ma anche nell’arte e nell’architettura italiana. Le piazze di Roma sono esempi di quella complessità storico-artistica e stratificazione architettonica, che seppur consuete nella “città eterna” sono al contempo uniche nel loro genere e ne hanno determinato i mutamenti e le trasformazioni nei secoli.

Quidam - Cirque du Soleil

from 2014-10-22 to 2014-10-26

Palalottomatica

Il Cirque du Soleil presenta in Italia Quidam..

The Musical Box

2014-11-16

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
The Musical Box



I Genesis "rivivranno" per una sera all'Auditorium Parco della Musica di Roma con The Musical Box. La band canadese infatti, dopo il grande successo di pubblico ottenuto con il precedente tour "The Lamb Lies Down on Broadway", proporr√ɬ† dal vivo "Selling England by the Pound", uno dei capolavori dei Genesis che li ha resi famosi in tutto il mondo e che celebra il 40√ā¬į anniversario dalla data di pubblicazione. Nel 1973 i Genesis con la pubblicazione di "Selling England by the Pound" raggiunsero il culmine della propria creativit√ɬ† arrivando al successo globale con il tour del 1974 che li consacr√ɬ≤ come veri e propri innovatori delle esibizioni dal vivo.
I The Musical Box hanno recuperato lo show ricreando lo spettacolo cos√ɬ¨ come si presentava al momento della sua prima internazionale nel 1973 e come lo vide il pubblico italiano nel febbraio del 1974. Oggi tutto risulta perfetto, come se ci fossero i Genesis stessi sul palco. I The Musical Box non sono una cover band ma artisti a 360√ā¬į che si sono uniti per rendere un tributo ai Genesis, riportando alla luce negli ultimi 20 anni gli spettacoli del periodo con Peter Gabriel che va dal 1969 al 1975, il migliore secondo critica e pubblico.

Alan Stivell Electric Band

2014-12-04

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Alan Stivell, alfiere della riscoperta della musica bretone, interprete eccelso di ballate e danze celtiche di sapore tradizionale, continua la sua esplorazione musicale originale, che fonde la tradizione dell'arpa celtica alle tradizioni di tutto il mondo e alla musica elettronica. Al pubblico della sala Sinopoli presenter√ɬ† i brani pi√ɬĻ noti di 40 anni di carriera artistica, iniziata con il leggendario concerto e album dal vivo Live a l'Olympia nel 1972.
Ad Alan Stivell, nome d'arte in bretone di Alain Cochevelou, si deve la rinascita e il rinnovamento della musica tradizionale bretone, che, a partire dagli anni '70, lo ha reso celebre nel mondo. Il suo nome è legato indissolubilmente all'arpa celtica, strumento del quale non solo è un virtuoso, ma che è letteralmente rinato con lui.
Il padre, Jord Cochevelou, legato alla cultura del suo paese di origine, la Bretagna, √ɬ® anche un valente musicista e liutaio e sogna la ricostruzione, attraverso lo studio di antiche testimonianze e disegni, di un'autentica arpa celtica, mitico strumento oramai dimenticato da secoli. Nel 1953 Jord realizza il sogno e offre la rinata arpa a suo figlio, di soli 9 anni, che gi√ɬ† suona l'arpa classica (e il pianoforte) come un vero enfant prodige. Nelle sue mani, l'arpa celtica torna a nuova vita. Nel 1955, all'et√ɬ† di undici anni, √ɬ® per la prima volta sul palco dell'Olympia e tuttora rimane l'artista pi√ɬĻ giovane esibitosi nel tempio della canzone francese, un record difficilmente battibile. Oltre ad apprendere la lingua bretone, Alan impara a suonare la bombarda e la cornamusa strumenti utilizzati nella musica tradizionale bretone. I membri di uno dei maggiori ensemble bretoni di musica tradizionale, il Bagad Bleimor, lo invitano a fare parte del gruppo come solista cedendogli praticamente il rango di leader: Alan Stivell ha 14 anni. La sua prima incisione discografica risale al 1959, con un primo 45 giri; seguiranno ventidue album, molti dei quali fanno parte della storia del folk revival mondiale.
La sua caratteristica non è la semplice riproposizione della musica tradizionale, ma il suo utilizzo per una nuova musica bretone. Nel 1971, Alan pubblica l'album Renaissance de la harpe celtique, totalmente strumentale. Accanto all'arpa celtica, compaiono anche le percussioni e la chitarra acustica affidata ad un virtuoso bretone, Dan Ar Braz. Nel 1972 Stivell torna all'Olympia: è il trionfo. Per l'occasione si fa accompagnare da musicisti di assoluto valore come lo stesso Dan Ar Braz, Gabriel Yacoub, futuro leader dei Malicorne e dal batterista còrso Michel Santangeli. L'album dal vivo registrato per l'occasione vende oltre un milione di copie.
Gi√ɬ† nel 1973 Alan √ɬ® considerato l'alfiere della rinata musica bretone (e celtica) e comincia ad essere noto in tutto il mondo. Lo stesso anno, va in tourn√ɬ©e negli Stati Uniti, in Canada e in Gran Bretagna, dove la celebre rivista musicale Melody Maker incorona il suo album Chemins de Terre come miglior album dell'anno. Nel 1980 si ha la svolta sinfonica con un album doppio che resta il pi√ɬĻ famoso: Symphonie Celtique. Con una formazione spiccatamente rock, un insieme di bombarde e cornamuse e un'orchestra sinfonica, Alan si fa accompagnare dalla cantante berbera Djourha e dal sitar del nepalese Narendra Bataju, allievo prediletto del grande Ravi Shankar. Il risultato √ɬ® un affresco musicale di inusitata bellezza. Seguono altri album e concerti in tutto il mondo. Nel 1995 pubblica Brian Boru (capo guerriero irlandese che sconfisse i Vichinghi): questo album segna il suo deciso ritorno alla musica pi√ɬĻ tradizionalmente celtica. Nel 1998 √ɬ® la volta del diciannovesimo album della lunghissima carriera di Alan Stivell, intitolato 1 Douar: nell'album compaiono Youssou N'Dour, il "re del ra√ɬĮ" algerino Khaled, Jim Kerr del gruppo scozzese Simple Minds e il grande Paddy Moloney dei Chieftains. Con quest'ultimo album, Alan intende dimostrare che le differenze di cultura e di lingua (bretone, inglese, wolof, arabo) sono le componenti fondamentali dell'umanit√ɬ†. Le ultime uscite includono il doppio cd Best Of (che comprende i brani pi√ɬĻ noti e la rimasterizzazione dell'album del 1972) e Emerald del 2009 il disco che segna il ritorno alla radici folk dell' album Chemins de Terre, che esplora canti tradizionali, fondendo le radici bretoni con le influenze di un viaggio intorno al mondo, dall'Africa all'Asia, a segnare un'altra tappa di un lungo originale viaggio musicale che continua.

St. Vincent

2014-11-16

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
St. Vincent

special guest
TBA

Dopo la straordinaria esibizione dello scorso anno insieme a David Byrne nella Sala Santa Cecilia, la cantautrice rock St. Vincent, alias Annie Clark, torna da solista all'Auditorium Parco della Musica per presentare il suo quarto album "ST. VINCENT" uscito a febbraio ed acclamato dalla stampa di tutto il mondo come uno dei lavori pi√ɬĻ riusciti ed interessanti degli ultimi anni, secondo molti il disco della consacrazione che la conferma come una diva del rock. Il nuovo album mostra Annie Clark pi√ɬĻ sicura e avvincente che mai, con chitarre elettriche aggressive ed eterei arrangiamenti vocali che si uniscono ai sintetizzatori che dominano una sezione ritmica contagiosa e irrefrenabile.
"Sapevo che il groove era fondamentale per questo disco", dice Annie Clark dell'album che ha composto e lungamente provato ad Austin prima di andare a registrarlo in studio a Dallas. Per seguire la parte ritmica ha arruolato il batterista dei The Dap-Kings, Homer Steinweiss, e l'assiduo collaboratore McKenzie Smith dei Midlake, mentre per la produzione è tornata a John Congleton, per portare il potenziale sonoro che avevano appena iniziato a sprigionare con 'Strange Mercy' in territorio inesplorato. "Volevo fare un party album che si potesse però suonare a un funerale".
Il risultato √ɬ® il pi√ɬĻ avvincente lavoro di Annie Clark fino ad ora. "Bring Me Your Loves" √ɬ® una follia delirante, ma anche brani meno frenetici come "Severed Crossed Fingers" portano la sua inconfondibile firma, una miscela di bello e surreale. Al centro di tutta la sua musica, per√ɬ≤, si trovano grandi domande su ci√ɬ≤ che significa essere umani e il modo in cui cerchiamo di trovare un significato nelle nostre vite. "Regret" la cattura in un momento di grande vulnerabilit√ɬ†, mentre "I Prefer Your Love" potrebbe essere la pi√ɬĻ pura espressione di affetto che abbia mai scritto. "Digital Witness" affronta l'identit√ɬ† nell'era di Instagram, con Annie Clark che canta: "Se non posso mostrarlo / Se non riesci a vedermi / Qual √ɬ® il punto di fare qualcosa?" L'album segue l'ultima pubblicazione solista, 'Strange Mercy' del 2011, indicata come "uno degli album migliori dell'anno" dal New York Times e "un disco da ammirare" da Pitchfork. Il nuovo album "St. Vincent" consolida Annie Clark come una delle pi√ɬĻ creative e straordinarie chitarriste della sua generazione, dopo l'acclamata collaborazine del 2012 con David Byrne per il bellissimo album "Love This Giant".

Einst√ɬľrzende Neubauten Lament

2014-11-30

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Gli Einst√ɬľrzende Neubauten sono attualmente in studio, per lavorare su un nuovo, eccezionale progetto. La storica band tedesca sta ultimando un'opera musicale ispirata dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, avvenuta esattamente 100 anni fa, che vedr√ɬ† la sua anteprima assoluta a Diksmuide, Belgio, il prossimo 8 novembre 2014. Per la realizzazione di queste nuove composizioni la band ha fatto ricorso al proprio ormai riconoscibilissimo approccio, da sempre esplicitamente legato alle tradizioni della "avant-garde".
Gli Einst√ɬľrzende Neubauten hanno iniziato una vasta ricerca di registrazioni audio risalenti al periodo 1914-16 dei prigionieri di guerra provenienti da tutto il mondo (registrate in uno dei primi grandi campi di internamento vicino a Berlino), che sono conservate negli archivi sonori della "Humboldt University" di Berlino e all'Archivio di radiodiffusione tedesco. Inoltre √ɬ® stato utilizzato anche materiale visionato e ascoltato presso il "Milit√ɬ§rhistorisches Museo" di Dresda. La forza del concerto sar√ɬ† l'associazione di due delle pi√ɬĻ antiche forme musicali, il "lamento" e il "mottetto" (opere di un compositore fiammingo del Rinascimento che fare con la storia biblica del figliol prodigo), le quali verranno incastonate all'interno delle registrazioni audio dei prigionieri di guerra. Inoltre la musica dei leggendari "Harlem Hell Fighters " - il primo battaglione di combattimento formato da truppe afro-americane, che hanno combattuto insieme per la prima volta durante la prima guerra mondiale quando gli americani li "prestarono" ai francesi come rinforzo - il cui valore fu riconosciuto solo postumo. Gli strumenti che utilizzeranno degli Einst√ɬľrzende Neubauten saranno come sempre molto particolari e innovativi. Principalmente pezzi di acciaio, voce, oggetti recuperati per caso, elettronica, oltre ad un ensemble d'archi. Quello in Sala Santa Cecilia non sar√ɬ† un concerto sulla Prima Guerra Mondiale, ma piuttosto una composizione, che si cristallizza dai temi correlati: "Erst muss man Platz schaffen, damit etwas Neues entstehen kann" ("Prima bisogna fare spazio, di modo che qualcosa di nuovo possa essere creato") Blixa Bargeld.

Jack Savoretti Before the Storm

2014-11-08

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio
Jack Savoretti
Dirty Romances
Per la prima volta all'Auditorium Parco della Musica Jack Savoretti presenter√ɬ† le canzoni del suo ultimo album Before The Storm . Un album pieno di energie e di delicatezze inaspettate registrato con il gruppo che lo accompagna nei concerti, i Dirty Romances, rifinito negli storici studi di Abbey Road, a Londra. Un disco immediato, urgente, ma anche con una lunga storia alle spalle, in cui il musicista si e√Ć¬Ä allontanato da strade obbligate che potevano diventare vicoli ciechi. Con la sua voce ruvida, appassionata e struggente, Savoretti ammalia e rapisce incarnando alla perfezione la fisionomia del giovane cantautore. Con quest'album, il percorso artistico di Jack Savoretti ha trovato la libert√ɬ† da riferimenti troppo stretti, come per esempio quelli a Bob Dylan o a Damien Rice. Ora la sua voce e la sua attitudine parlano finalmente per loro stesse, svincolandosi dalle costrizioni del pop a ogni costo e dai clich√ɬ© di un genere prefissato. Le forme di canzoni come Not Worthy, Take Me Home o Vagabond sono tanto girovaghe quanto dirette, precise. Da un lato, disegnano l'appartenenza di Savoretti a un folk-rock del tutto personale, che cerca il suo equilibrio pi√ɬĻ intimo nella ballata e in un canto ruvido e tenerissimo, all'occorrenza; dall'altro, non si negano l'attenzione per il blues, per il soul, per una melodia che riesca a tenere il ritmo di un brano senza cedimenti. Il senso del viaggio e√Ć¬Ä la costante di "Before The Storm", che sia sentimentale o intimo (Crazy Fool, Lifetime), solare o cupo (Knock Knock, For The Last Time). Sostenuto da un tappeto sonoro ammaliante, fatto di chitarre elettriche e acustiche, di tastiere retroattive, di armoniche quasi evanescenti, finisce per raccontare una serie di storie memorabili, legate inestricabilmente tra di loro. Una narrazione con il ritmo del rock'n'roll e con il magnetismo della poesia, per superare qualsiasi tempesta. L'album √ɬ® arrivato nel 2013 al primo posto nella classifica degli album indie in UK cos√ɬ¨ come i
singoli Knock Knock e Not Worthy sono entrati rispettivamente nelle prime posizioni della classifica dei singoli indie in UK. L'album ottiene un forte successo dalla critica inglese guadagnandosi 4 stelle dai critici del Daily Express e The Independent.

Jack Savoretti Before the Storm

2014-11-08

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
Jack Savoretti
Dirty Romances
Per la prima volta all'Auditorium Parco della Musica Jack Savoretti presenter√ɬ† le canzoni del suo ultimo album Before The Storm . Un album pieno di energie e di delicatezze inaspettate registrato con il gruppo che lo accompagna nei concerti, i Dirty Romances, rifinito negli storici studi di Abbey Road, a Londra. Un disco immediato, urgente, ma anche con una lunga storia alle spalle, in cui il musicista si e√Ć¬Ä allontanato da strade obbligate che potevano diventare vicoli ciechi. Con la sua voce ruvida, appassionata e struggente, Savoretti ammalia e rapisce incarnando alla perfezione la fisionomia del giovane cantautore. Con quest'album, il percorso artistico di Jack Savoretti ha trovato la libert√ɬ† da riferimenti troppo stretti, come per esempio quelli a Bob Dylan o a Damien Rice. Ora la sua voce e la sua attitudine parlano finalmente per loro stesse, svincolandosi dalle costrizioni del pop a ogni costo e dai clich√ɬ© di un genere prefissato. Le forme di canzoni come Not Worthy, Take Me Home o Vagabond sono tanto girovaghe quanto dirette, precise. Da un lato, disegnano l'appartenenza di Savoretti a un folk-rock del tutto personale, che cerca il suo equilibrio pi√ɬĻ intimo nella ballata e in un canto ruvido e tenerissimo, all'occorrenza; dall'altro, non si negano l'attenzione per il blues, per il soul, per una melodia che riesca a tenere il ritmo di un brano senza cedimenti. Il senso del viaggio e√Ć¬Ä la costante di "Before The Storm", che sia sentimentale o intimo (Crazy Fool, Lifetime), solare o cupo (Knock Knock, For The Last Time). Sostenuto da un tappeto sonoro ammaliante, fatto di chitarre elettriche e acustiche, di tastiere retroattive, di armoniche quasi evanescenti, finisce per raccontare una serie di storie memorabili, legate inestricabilmente tra di loro. Una narrazione con il ritmo del rock'n'roll e con il magnetismo della poesia, per superare qualsiasi tempesta. L'album √ɬ® arrivato nel 2013 al primo posto nella classifica degli album indie in UK cos√ɬ¨ come i
singoli Knock Knock e Not Worthy sono entrati rispettivamente nelle prime posizioni della classifica dei singoli indie in UK. L'album ottiene un forte successo dalla critica inglese guadagnandosi 4 stelle dai critici del Daily Express e The Independent.

Anastacia

2014-10-29

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
Anastacia

opening act
FYRE!



Anastacia torna all’Auditorium Parco della Musica per presentare il suo sesto disco “Resurrection”. Il mondo è pieno di cantanti che sanno farsi ascoltare, scrivere una canzone godibile e proporre un sound accattivante. Ma sono davvero pochissimi gli artisti che possiedono un timbro assolutamente inconfondibile, una voce che ti cattura, che ti fa venire i brividi: piena di anima, vibrante, la voce che solo le vere star possiedono. Questa è Anastacia: una superstar che non si è mai arresa alla malattia e che ha saputo reagire con forza e determinazione. Resurrection è un titolo perfetto per questo album semplicemente spettacolare. Un viaggio pieno di melodia e cuore, emozionante ma anche denso di energia positiva. E’ la dichiarazione di una vera guerriera, che lotta per mandare un messaggio di coraggio a tutto il mondo. Questo nuovo disco sa muoversi su territori molto diversi fra loro. Da brani più allegri, contagiosi, divertenti e pop che fanno saltare in piedi per ballare a quelli che ti stringono il cuore e creano un nodo in gola fino alle lacrime. A partire da “Lifeline”, una storia di sopravvivenza che parla dell’uccidere un “amico” (ovvero il cancro) fino all’incantevole “Evolution” che testimonia come ognuno di noi cresca e si trasformi, “Resurrection” è un album che ci insegna quanto preziosa sia la capacità di prendere la negatività e trasformarla in qualcosa di buono.

Lodovica Comello World Tour

2015-02-01

Auditorium Conciliazione


Gilberto Gil in concerto

2014-10-24

Auditorium Conciliazione


Pure a Natale Semo o nun Semo

from 2014-12-18 to 2015-01-06

Teatro Ambra Jovinelli - Piccolo Jovinelli

Di Nicola Piovani, musiche di Ensamble Aracoeli, con P.Ingrosso, D. Pandimiglio, C.Proietti, R.Siniscalchi, M.Wertmuller, Compagnia della Luna.
Per informazioni 06 83082620-06 83082884.

Penso che un sogno così

from 2015-01-22 to 2015-02-01

Teatro Ambra Jovinelli - Piccolo Jovinelli

Di Giuseppe Fiorello e Vittorio Moroni, regia di Giampiero Solari, con Giuseppe Fiorello, compagnia Nuovo Teatro e IBLA film.
Per informazioni 06 83082620-06 83082884.

Fabi - Silvestri - Gazzè

2014-11-18

Palalottomatica


Cesare Cremonini

2014-11-11

Palalottomatica


Nino D'Angelo in concerto - Anni 80 e non solo...

2014-11-08

Auditorium Conciliazione


Il Barbiere di Siviglia - i Virtuosi dell'Opera di Roma

from 2014-09-05 to 2014-12-07

Teatro Salone Margherita


La Traviata - i Virtuosi dell'Opera di Roma

from 2014-09-01 to 2014-12-06

Teatro Salone Margherita


Stromae

2014-12-17

Palalottomatica


Kasabian

2014-10-31

Palalottomatica


Rococò a Versailles

2014-11-22

Museo di Roma - Palazzo Braschi

Dopo la lusinghiera messe di consensi riscossa lo scorso anno, la rassegna concertistica Museicalmente rinnova il suo intento di avvicinare un largo strato di pubblico alla musica di qualità.

La rassegna si svolge in quattro dei pi√Ļ suggestivi musei capitolini: il Museo Napoleonico, la Galleria di Arte Moderna, il Museo di Roma in Trastevere e il Museo di Roma-Palazzo Braschi aprono le loro porte ad una collaborazione volta a promuovere una sinestesia tra ci√≤ che si vede (le opere conservate nei diversi musei) e quello che si sente (i programmi proposti dagli artisti invitati) attraverso un percorso di concerti pensati espressamente in sintonia con i musei ospitanti.

Rococò a Versailles
Ensemble Labirinto Armonico

Altri concerti al Museo di Roma nell'ambito della rassegna Museicalmente 2014:

-   5 dicembre ore 18.00:    La voce √® una cosa meravigliosa
- 14 dicembre ore 18.00:    Tra Classicismo e Romanticismo


La voce è una cosa meravigliosa

2014-12-05

Museo di Roma - Palazzo Braschi

Dopo la lusinghiera messe di consensi riscossa lo scorso anno, la rassegna concertistica Museicalmente rinnova il suo intento di avvicinare un largo strato di pubblico alla musica di qualità.

La rassegna si svolge in quattro dei pi√Ļ suggestivi musei capitolini: il Museo Napoleonico, la Galleria di Arte Moderna, il Museo di Roma in Trastevere e il Museo di Roma-Palazzo Braschi aprono le loro porte ad una collaborazione volta a promuovere una sinestesia tra ci√≤ che si vede (le opere conservate nei diversi musei) e quello che si sente (i programmi proposti dagli artisti invitati) attraverso un percorso di concerti pensati espressamente in sintonia con i musei ospitanti.

La voce è una cosa meravigliosa
Natalia Valli Miklachevskaia - soprano

Altri concerti al Museo di Roma nell'ambito della rassegna Museicalmente 2014:

- 14 dicembre ore 18.00:    Tra Classicismo e Romanticismo


Tra Classicismo e Romanticismo

2014-12-14

Museo di Roma - Palazzo Braschi

Dopo la lusinghiera messe di consensi riscossa lo scorso anno, la rassegna concertistica Museicalmente rinnova il suo intento di avvicinare un largo strato di pubblico alla musica di qualità.

La rassegna si svolge in quattro dei pi√Ļ suggestivi musei capitolini: il Museo Napoleonico, la Galleria di Arte Moderna, il Museo di Roma in Trastevere e il Museo di Roma-Palazzo Braschi aprono le loro porte ad una collaborazione volta a promuovere una sinestesia tra ci√≤ che si vede (le opere conservate nei diversi musei) e quello che si sente (i programmi proposti dagli artisti invitati) attraverso un percorso di concerti pensati espressamente in sintonia con i musei ospitanti.

Tra Classicismo e Romanticismo
Europe Trio - flauto, violoncello, pianoforte


Quanto sei bella Roma

2014-11-15

Museo di Roma - Palazzo Braschi

Dopo la lusinghiera messe di consensi riscossa lo scorso anno, la rassegna concertistica Museicalmente rinnova il suo intento di avvicinare un largo strato di pubblico alla musica di qualità.

La rassegna si svolge in quattro dei pi√Ļ suggestivi musei capitolini: il Museo Napoleonico, la Galleria di Arte Moderna, il Museo di Roma in Trastevere e il Museo di Roma-Palazzo Braschi aprono le loro porte ad una collaborazione volta a promuovere una sinestesia tra ci√≤ che si vede (le opere conservate nei diversi musei) e quello che si sente (i programmi proposti dagli artisti invitati) attraverso un percorso di concerti pensati espressamente in sintonia con i musei ospitanti.

Quanto sei bella Roma
Romabarocca Ensemble

Altri concerti al Museo di Roma nell'ambito della rassegna Museicalmente 2014:

- 22 novembre ore 18.00:    Rococ√≤ a Versailles
-   5 dicembre ore 18.00:    La voce √® una cosa meravigliosa
- 14 dicembre ore 18.00:    Tra Classicismo e Romanticismo


New Year Concert Great opera meets Ballet in Rome - Opera in Roma

from 2014-12-31 to 2015-01-01

Evangelica Valdese


Baroque and Ballet: The four seasons by Antonio Vivaldi - Opera in Roma

from 2014-10-05 to 2014-11-30

Evangelica Valdese

In the Waldensian Evangelical Church the Orchestra “Opera in Roma” creates a special atmosphere and gives the impression of an authentic concert of the baroque era. Music is the backdrop to the dancers who perform in magnificent historical costumes.

ANTONIO VIVALDI
Concerto in do maggiore per oboe, archi e continuo RV 450.

ALESSANDRO MARCELLO
Concerto in re minore per oboe, archi e continuo

ANTONIO VIVALDI
THE FOUR SEASONS Op. 8

CAST
Oboe Soloist : Marco Corsini
Violino soloist: Elvin Dhimitri
Dancers: Borana Qirjazi, Antonio Agliano
Choreography  Minea De Mattia
Orchestra “ Opera in Roma” .


Opera and Ballet: The great opera en pointe - Opera in Roma

from 2014-08-02 to 2014-12-16

Evangelica Valdese

Great Opera singers, two ballet dancers and a prestigious quartet. The most suggestive Opera Arias by  Verdi, Puccini and other renowned composers, performed by masterful soprano, tenor and baritone voices, are enriched by charming choreographies featuring dancers from Rome’s Opera and Ballet Academy. The melodies of a Chamber Ensemble, consisting of oboe, strings and piano, will delight the public with the magic of Opera and Ballet.

Program A  ( every Tuesday)

La Traviata, Preludio Atto I, Follie!...follie!... Sempre libera degg’io, Cabaletta Oh mio rimorso!... Oh infamia, Giuseppe Verdi.
Le Nozze di Figaro, Non più andrai, farfallone amoroso, Wolfang Amadeus Mozart.
La Bohème, O soave fanciulla, Che Penna Infame, Giacomo Puccini.
La Gioconda, Danza delle Ore, Amilcare Ponchielli.
Madama Butterfly, Un bel di vedremo, Giacomo Puccini.
Il Barbiere di Siviglia, Largo al factotum della città, Giacomo Rossini.
Lo Schiaccianoci, Valzer dei fiori, Pëtr II’ińć ńĆajkovskij
Rigoletto, La donna è immobile, Sì, Vendetta, Tremenda Vendetta!, Giuseppe Verdi.
Norma, Casta Diva, Vincenzo Bellini
L’elisir D’amore, Una furtiva lagrima, Gaetano Donizetti.
Carmen, Entreact IV Atto, L’Amour est un oiseau rebelle… Habanera, Votre toast,je peux vous-le rendre…Toreador, George Bizet.

Program B  ( every Saturday)
La Bella Addormentata, Valzer, Pëtr II’ińć ńĆajkovskij.
L’elisir D’amore, Quanto amore ed io spietata, Gaetano Donizetti.
Il Trovatore, Di quella pira, Giuseppe verdi.
Giselle, Paesani, Adolphe-Charles Adam.
Don Giovanni, Madamina il catalogo è questo, Wolfang Amadeus Mozart.
Tosca, Vissi d’arte, E lucean le stelle, Giacomo Puccini.
Rigoletto, Figlia! Mio padre!, Giuseppe Verdi.
Il lago dei cigni, La morte del cigno, Pëtr II’ińć ńĆajkovskij.
La Traviata, Dei miei bollenti spiriti, Giuseppe Verdi.
La Bohème, Quando men vò, Giacomo Puccini.
Don Quixote, Il matrimonio, Léon Minkus.
Don Pasquale, Bella siccome un angelo, Gaetano Donizetti.
Aida, Celeste Aida, Balletto dei piccoli schiavi mori, Giuseppe Verdi.
Il Barbiere di Siviglia, Ah,qual colpo inaspettato…zitti…zitti…, Gioacchino Rossini.

Cast
Soprano,  Roberta Polverini
 Tenor, Emil Alekperov
 Baritone, Maurizio Zanchetti
 Dancers, Borana Qirjazsi, Michaela Giada Ventura, Antonino Agliano`, Massimo Bartucci.
 Choreography, Minea De Mattia.


La Traviata: complete opera with orchestra, chorus and ballet - Opera in Roma

from 2014-03-07 to 2014-12-30

Evangelica Valdese

The Opera Academy Orchestra and Danza di Roma will take you through the captivating realty of the most famous Opera in the world, “La Traviata”,  in full version with costumes and scenery, Orchestra choir, singers, soloists and dancers. The innovative introduction with the danced parts, as foreseen by the  original score by G. Verdi, a unique element in this version.

LA TRAVIATA, OPERA IN THREE ACTS.

MUSIC BY GIUSEPPE VERDI
LIBRETTO BY FRANCESCO MARIA PIAVE

Cast

Violetta - soprano - Roberta Polverini
Alfredo Germont -  tenore - Emil Alekperov
Giorgio Germont - baritono  - Maurizio Zanchetti
Annina / Flora Bervoix - soprano -  Maria De Giglio 
Gastone, Visconte de Létorières -  tenore - Domenico Venturini
Il barone Douphol - baritono -  Leo Civati
Il dottor Grenvil / Il marchese d’Obigny - basso - Silvano Arcadi
Un commissionario - basso - Luca Renzetti
Giuseppe, servo di Violetta - tenore - Antonio Ascani
Matador ballerino - Massimo Bartucci, Antonino Agliano’
Zingarella ballerina - Borana Qirjazi. Michela Giada Ventura  
Coro matadori, picadori, zingarelle, gente del popolo

Maestro concertatore e direttore - Americo Caretti
Regia e coreografie - Minea De Mattia
Maestro del coro - Antonio Ascani
Scene e costumi - Opera in Roma


I Concerti al Quirinale nella Cappella Paolina 2014

from 2014-01-12 to 2014-12-31

Palazzo del Quirinale


hotel san lorenzo roma


free wifi hotel termini
Hotel di Charme Roma
centro hotel roma

HŰtel 4 ťtoiles Rome: Ateneo Garden Palace ™ Hotel Address:Via dei Salentini,  1/3 - 00185 ROMA (RM)
 Tel +39 06/4440042 Fax +39 06/4453621 City Zone of Rome : City Center Termini University La Sapienza San Lorenzo