Hotel Roma, Manifestations Meetings Music Sport Theater Exhibitions

Hotel 4 stelle Roma, San Lorenzo, Hotel di Charme
Check -in Nights Rooms Type Rooms Numbers Promotional Code

Rome hotel special offers
Third time in Rome. This is by far the best hotel. Big and comfortable rooms, lovely courtyard , great terrace where to have breakfast, lovely and helpful staff. And the owner Ms. Anna ... such a love ..by TripAdvisor"




Tributo A Jerome Robbins

2015-03-08

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
a cura di
Daniele Cipriani

danzano New York City Ballet Stars
Ashley Bouder
Joaquin De Luz
Gonzalo Garcia
Emilie Gerrity
Joseph Gordon
Georgina Pazcoguin
Amar Ramasar
Andrew Veyette
Sebastiani Villarini-Velez
Indiana Woodward

coreografie di Jerome Robbins messe in scena con l’autorizzazione del The Robbins Rights Trust
Il New York City Ballet (NYCB), la più prestigiosa compagnia di balletto americana, deve la sua fama all’eccellenza dei suoi ballerini e a due giganti della coreografia del Novecento: George Balanchine e Jerome Robbins. Se il primo portò oltre Atlantico il bagaglio della danza imperiale russa, Robbins, più di qualsiasi altro coreografo, ha incarnato la danza statunitense, la sua energia giovane, multietnica e moderna, rivestendola tuttavia dell’eleganza e del rigore del balletto classico. Ora il pubblico italiano avrà la possibilità di apprezzare le New York City Ballet Stars in un omaggio all’immenso Robbins che, se ha legato il suo nome alle coreografie di celeberrimi musical (tra i tanti, West Side Story del cui film fu co-regista, vincendo l’Oscar nel 1962), nella cui matrice jazz – pur sulle punte – si inserisce Interplay, uno dei tre balletti in programma, ha scritto pagine indimenticabili di balletto su musiche di Chopin (suo compositore d’elezione) come In the Night e Other Dances che completano questo preziosissimo Tributo a Jerome Robbins.

Italia Tropici

from 2015-02-06 to 2015-02-07

Angelo Mai - Altrove

Con C. Rizzo, I. Zuffi, H. d¿Eau, presentato da M. Di Stefano.
Al via il terzo appuntamento con Angelo Mai Italia Tropici, all¿Angelo Mai, uno dei luoghi più importanti per la produzione artistica e la fruizione culturale romana. Una due giorni ricca di performance, danza e proiezioni, dove cruciale è l¿incontro tra il pubblico e gli artisti, in grado di generare situazioni inedite e sperimentali, fuori dai canoni consueti..

Dibattito su Danza e Tecnologia + “Nuovi Mondi Sensibili” + Spellbound Contemporary Ballet + Blind

2015-02-18

Lanificio


Isabel Valverde: workshop "Senses Places" +Three minutes ago

2015-02-17

Lanificio


Raffaele Rivieccio e Giacomo Ravesi: Il gesto tecnologico

2015-02-19

Lanificio


Passiontango

from 2015-01-31 to 2015-02-01

Teatro del Lido di Ostia

Regia di e coregrafia: L. Padovani, musiche di Piazzolla, Di Sarli, De Angelis, Pugliese, Stampon, con T. Bert y L. De Brasi, M. Ballonzo y E. Garis, Trio Lumière de tango, Compagnia Naturalis Labor.
PassionTango è un gioco di seduzione velato di nostalgia, intreccio di sguardi e tocchi leggeri, tra languidi abbandoni e scatti repentini il tutto coniugato in coreografie di tango che sanno esaltare e appassionare il pubblico..

Anteprima italiana di Human Loops

2015-02-28


Hi>Dance Festival 1.0 Dance & Tecnology

from 2015-02-17 to 2015-02-22

Lanificio


Shall we dance - Laboratori coreografici

from 2015-01-06 to 2015-02-15


Cristiana Morganti

2015-02-24

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio
di e con
Cristiana Morganti
collaborazione artistica
Gloria Paris

Produzione Il Funaro - Pistoia



Cristiana Morganti, storica danzatrice del Tantheater Wuppertal, recentemente insignita del Premio Danza&Danza 2014 come migliore Interprete/Coreografa, presenta un solo che la pone allo specchio. “Lei vuole che io danzi, oppure vuole che io parli?” Dietro questa domanda, rivolta da Cristiana Morganti a uno spettatore, si cela una delle chiavi di lettura di JESSICA AND ME. In questo suo nuovo spettacolo, la storica danzatrice del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, giunta a un momento importante del suo percorso, si ferma a riflettere su se stessa: sul rapporto con il proprio corpo e con la danza, sul significato dello stare in scena, sul senso dell’“altro da sé“ che implica il fare teatro. Ne risulta una sorta di autoritratto idealmente a due voci (Jessica and Me) di efficace e spiazzante ironia, dove Cristiana rivela ciò che accade nel backstage del suo percorso professionale. Un puzzle di gesti, ombre, muscoli, tenacia, spavalderia, timidezza, ricordi e progetti.

Sylvie Guillem

2015-04-02

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia
coreografie di
Mats Ek
William Forsythe
Akram Khan
Russell Maliphant

Una Sadler's Wells Production
in co-produzione con
Les Nuits de Fourvière
e Missno Productions


Dopo 35 anni di impareggiabile carriera nel balletto e nella danza contemporanea, Sylvie Guillem presenta il suo ultimo spettacolo. Danzatrice di fama mondiale, con una carriera impressionante che l’ha vista étoile al Ballet de l’Opéra de Paris, nonché Principal Guest Artist al Royal Ballet e al Tokyo Ballet, Guillem ha interpretato ruoli emblematici nei balletti di Kenneth MacMillan, Maurice Béjart, Frederick Ashton, William Forsythe e Mats Ek. Artista Associata del Sadler’s Wells dal 2006, si è diversificata nella sua arte forgiandosi un’incontestabile reputazione di danzatrice di prim’ordine nel panorama contemporaneo. Per questo programma davvero speciale, dal titolo “Life in Progress”, interpreterà due nuovi lavori. Il primo è un assolo accompagnato da musica dal vivo, firmato da Akram Khan. Il secondo sarà un pas de deux con la danzatrice italiana del Teatro alla Scala Emanuela Montanari, realizzato da Russell Maliphant, già creatore insieme a Guillem del pluripremiato “PUSH”. Quest’ultima occasione di vederla sulle scene prevede anche il toccante e coinvolgente “Bye” di Mats Ek, creato appositamente per lei e parte del programma 6000 Miles Away, e il Duo di William Forsythe, danzato da Brigel Gjoka e Riley Watts.

Gregory Maqoma / Roberto Olivan

2015-02-26

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
creato e interpretato da
Gregory Maqoma e Roberto Olivan

coproduzione
Grec Festival de Barcelona
e Mercat de Les Flors de Barcelona


Gregory Maqoma e Roberto Olivan si conoscono al P.A.R.T.S. di Bruxelles nel 1996, entrambi studenti di Anne Teresa De Keersmaeker. Le loro strade si dividono: Roberto danza con ROSAS e inizia presto a mettere in scena i propri lavori mentre insegna e si dedica a collaborazioni a livello internazionale; Gregory è impegnato attivamente con la comunità di danza in Sud Africa oltre a presentare regolarmente i suoi lavori in vari teatri quali il Théâtre de la Ville (Parigi), di cui oggi è artista associato. Dotati di forte personalità, Maqoma e Olivan sono accomunati da un contatto profondo con le proprie tradizioni e culture di appartenenza e da uno stretto legame con i paesaggi e gli abitanti delle rispettive terre d’origine, che ognuno esprime con le emozioni e i modi che gli sono propri. Entrambi vivono nel sud: nel sud dell’Europa l’uno e nel sud dell’Africa l’altro. Per questo progetto hanno invitato il compositore belga Laurent Delforge a portare il suo personale universo sonoro in una pièce di danza fisica, emozionale, ben radicata, popolare e contemporanea. LONELY TOGHETER racconta una conversazione, un dialogo tra sud e sud, un viaggio di due esseri umani apparentemente lontani, che dalle proprie radici così diverse fanno emergere una visione comune.

DV8 Physical Theatre /Lloyd Newson

2015-02-13

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
ideato e diretto da
Lloyd Newson
creative associate
Hannes Langolf

danzatori
Taylor Benjamin, Lee Boggess, Gabriel Castillo, Ian Garside, Ermira Goro, Garth Johnson, Hannes Langolf, Vivien Wood, Andi Xhuma



Il coreografo australiano Lloyd Newson e il suo collettivo DV8 Physical Theatre presentano a Roma JOHN, avvincente spettacolo che segna un ulteriore sviluppo di quel verbatim dance–theatre di cui Newson è esponente di punta. Un teatro-danza in cui la parola ha acquistato peso accanto al corpo e al movimento, con uno stile documentaristico e un uso raffinato della tecnologia. Imperniato su tematiche socio-politiche, il teatro-danza di DV8 spinge gli spettatori fuori dalla loro “comfort zone”. “JOHN” è un progetto esplosivo interpretato in modo magnifico. Newson ha intervistato più di 50 uomini, iniziando con domande a bruciapelo sull’amore e sul sesso. John è il nome di uno degli intervistati. È venuta alla luce una storia incredibile e commovente insieme. Anni di crimini, abuso di stupefacenti e lotta alla sopravvivenza portano John a una ricerca in cui la sua vita converge con altre vite in un luogo inaspettato, per lo più sconosciuto. “JOHN” rappresenta in modo autentico storie di vita vera, in cui il movimento e la parola parlata si combinano per creare un’esperienza teatrale intensa, toccante e coinvolgente.

Premio Equilibrio Roma 2015

2015-02-07

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
L’Auditorium ospita l’VIII edizione del Premio Equilibrio Roma per la danza contemporanea.
Aperto ad artisti emergenti operanti in Italia, il Premio invita a proporre progetti originali destinati a evolversi in spettacoli di danza. I gruppi finalisti presentano altrettanti studi di fronte al pubblico e a una giuria internazionale. Il vincitore otterrà un contributo per la produzione dello spettacolo e l’invito a presentarlo all’interno del Festival Equilibrio 2016. Si conferma anche il Premio Speciale Equilibrio Roma per l’interprete a sostegno delle capacità interpretative dei danzatori italiani finalisti del Premio Equilibrio Roma 2015, permettendo loro una esperienza di lavoro con coreografi internazionali. Il premio consisterà in un contributo all’interprete vincitore il quale dovrà scegliere un coreografo internazionale a cui commissionare la creazione di un “a solo”.

Sabato 7
Teatro Studio Borgna ore 18
Biglietto 5 euro


Tiziana Bolfe
“La quiete apparente”
Antonino Ceresia
“Ne bouge pas”
Elisabetta Lauro
“zero”

Domenica 8
Teatro Studio Borgna ore 18
Biglietto 5 euro

Stellario Di Blasi
“La medesima ossessione: il corpo”
Piergiorgio Milano
“Pesadilla”
Mattia Russo, Antonio De Rosa
“Yellow Place”

GIURIA
Eddie Nixon Direttore The Place Londra per le attività di teatro e sviluppo artisti, UK
Marc Olivé Lopez Programmatore e sviluppo artisti Mercat de les Flors, Barcellona, Spagna
Benjamin Perchet Vice Direttore della Programmazione Maison de la Danse, Lione, Francia
Luca Silvestrini Coreografo e Direttore Artistico di Protein, UK
Nicolas Six Critico di danza e fotografo, Francia

Via Katlehong Dance

2015-02-08

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
regia e coreografia
Via Katlehong Dance, Hlengiwe Lushaba
con
Nomathamsanqa Baba danzatrice, cantante, attrice
Thembinkosi Hlophe narratore, attore, danzatore e musicista
e con
Steven Faleni, Vusumuzi Mdoyi, Madlenkosi Fanie, Vuyani Feni, Tshepo Nchabeleng, Lemi Fudumele, Mpho Malotana



La compagnia Via Katlehong Dance è ormai entrata nel panorama coreografico internazionale, moltiplicando tournée e successi. Prende il nome dalla township di Katlehong nell’East Rand (Johannesburg), uno dei sobborghi in cui affonda le radici la cultura di protesta pantsula, un vero e proprio stile di vita che abbraccia il modo di parlare e di vestire, la musica e la danza. Negli anni novanta la compagnia continua la protesta a favore dei giovani dei quartieri poveri con spettacoli e performance che uniscono danza pantsula, tip-tap, step e gumboot, una danza di minatori che si percuotono con le mani gli stivali e le cosce, dando vita a uno stile ricco di energia e ritmo. In questo nuovo spettacolo il cabaret si unisce al repertorio tradizionale della compagnia. L'invito alla giovane cantante, performer e coreografa Hlengiwe Lushaba e a Siphiwe Nkosi, attore e cantante affermato e noto in Sudafrica per i suoi ruoli televisivi, è in linea con questa filosofia: insieme ai ballerini di Via Katlehong Dance, hanno immaginato un cabaret vicino e lontano, "ricco di invenzioni e freschezza, colmo di immagini africane".

Manfredi Perego

2015-02-11

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio Borgna
coreografia
Manfredi Perego

danzatori
Andrea Dionisi
Maxime Freixas
Manfredi Perego




Dei Crinali narra un paesaggio che porta alla sospensione, alla ricaduta, al tentativo perenne di mutare, senza mettere nessuna parola fine alla sua esplorazione. I crinali sono orizzonti immaginari, letteralmente linee che congiungono i punti più alti di un rilievo montuoso. Il crinale è un orizzonte raggiungibile, l'osservi sempre dal basso; per tutta l'ascesa un paesaggio nega la vista di quello che sta al di là, il cielo si staglia sopra di esso, mette in moto l'immaginazione che spinge i passi. Percorri un paesaggio, mescolanza intensa con l'elemento, diventi parte di esso sino a quando non ti sorprenderai sospeso tra cielo e terra. Là sei sulla schiena terrestre, sul confine, cercherai un equilibrio tra due luoghi, su una sottile linea, punto di contatto percorribile tra gli elementi.

HelKa / Helder Seabra

2015-02-18

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
idezione, direzione e coreografia
Helder Seabra
creato con ed eseguito da
Ricardo Ambrózio
Sarah Baltzinger
Damien Fournier
Jeffrey Schoenaers
Julio Cesar Iglesias
drammaturgia
Lou Cope
musica originale eseguita dal vivo da
Maya’s Moving Castle



When the Birds Fly Low, the Wind Will Blow, del danzatore e coreografo portoghese Helder Seabra, è un viaggio incredibile di esplorazione e scoperta, una storia in cui si racconta che tornare indietro aiuta ad andare avanti. È una storia sull’amore, sulla perdita, sull’essere senza radici, sulla speranza… Su come possiamo aiutare il passato a trovare serenamente un posto nel presente e nel futuro. «Era un assolato pomeriggio d’estate e io stavo seduto sulla veranda di una vecchia casa in mezzo al bosco, in un angolo remoto del Portogallo settentrionale. Sopra di me un gran volteggiare di uccelli... Ho guardato la casa in cui mi trovavo, così salda, solida e immutabile e ho sentito forte l’assurda precarietà, la transitorietà e l’evanescenza dell’esistenza umana. Il contrasto fra l’essere “qui per sempre” e l’essere “solo di passaggio”. Così ho cominciato a inventare storie. Mi sono messo a pensare ai segreti che poteva nascondere quella casa. Al dolore e alla gioia che aveva visto. Ho immaginato un via vai di gente, per intere generazioni. Un circolare di energia, di persone da sole o insieme, a chiacchierare, condividere, bere, ballare, vivere, ricordare, fare esperienze e andare più lontano, fianco a fianco. E ho deciso di invitare qualcuno di loro a tornare».

Protein Dance / Luca Silvestrini

2015-02-20

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
ideato e diretto da
Luca Silvestrini
con
Jon Beney
Valentina Golfieri
Parsifal James Hurst
Sally Marie
Clemmie Sveaas
Stuart Waters




LOL (lots of love) è un’acuta, ironica e travolgente riflessione sulle relazioni umane al tempo di internet e della comunicazione virtuale. Con questa creazione, acclamata da pubblico e critica, Luca Silvestrini e la sua compagnia Protein raggiungono i vertici di un teatro-danza intenso e spiritoso, ispirato ai rapporti interpersonali e a situazioni ed esperienze della vita quotidiana. Davanti a tre gigantesche animazioni video raffiguranti persone di fronte a uno schermo, sei “cyber-anime” mettono elegantemente alla berlina il linguaggio della vita virtuale nella loro ricerca d’amore. Mentre parlano e danzano in velocità, si confrontano con lo sconcertante galateo della comunicazione online, fanno divertenti confessioni al pubblico e danzano l’equivalente fisico di un poke o di un tweet. Con l’animazione video di Rachel Davies e la musica originale di Andy Pink, questi elementi tracciano un corrosivo ritratto della nostra società Facebook-dipendente e una toccante rappresentazione dei bisogni umani.

Scottish Dance Theatre / Damien Jalet

2015-02-23

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
coreografia
Damien Jalet
assistente alla coreografia
Emilios Arapoglou

danzatori
Matthew Robinson
Naomi Murray
Artur Grabarczyk
Aya Steigman
Audrey Rogero
Amy Hollinshead
Christopher Radford
Francesco Ferrari



Creato da Damien Jalet con i danzatori dello Scottish Dance Theatre, YAMA è uno spettacolo maestoso, geniale e magnetico, un’escalation di pura energia. Con le scenografie del famoso artista visivo Jim Hodges, YAMA esplora la mitologia legata alle montagne ispirata ai riti pagani e animisti praticati intorno alle montagne di Tohoku, in Giappone. Damien Jalet è l’autore di alcune delle produzioni più acclamate degli ultimi 10 anni, fra cui Babel (Laurence Olivier Award 2011), produzioni con Akram Khan e Sidi Larbi Cherkaoui e un allestimento radicalmente nuovo di Bolero con Marina Abramovic’ all’Opéra di Parigi. La coreografia ipnotica di Jalet e lo straordinario talento dei danzatori dello Scottish Dance Theatre sono assolutamente da brivido.

Il lago dei cigni ovvero il canto

from 2015-03-06 to 2015-03-08

Teatro Brancaccio

Compagnia Balletto di Roma.

Lindsay Kemp - Kemp Dances

2015-03-13

Teatro Brancaccio


Le chant du rossignol - Carmina Burana

from 2015-02-14 to 2015-02-20

Teatro dell'Opera

Di I. Stravinskij - Carl Orff, con R. Sarabia, A. Tsygankova, G. Straccamore, dirige David Coleman.

Ailey, Limòn

from 2015-04-09 to 2015-04-16

Teatro dell'Opera

Di D. Ellington, Henry Purcell, con C. Brown, K. Foote, G. Straccamore, dirige D. Levi.

Mummenschanz

from 2015-05-08 to 2015-05-17

Teatro Olimpico


Aterballetto

from 2015-05-05 to 2015-05-06

Teatro Olimpico


Il vestito di Marlene

from 2015-04-01 to 2015-04-02

Teatro Olimpico


Gloria Campaner, Gotra Ballet

2015-03-31

Teatro Olimpico


Fiesta Argentina

from 2015-03-10 to 2015-03-22

Teatro Olimpico


Tango Bar - La Milonga

from 2014-09-21 to 2015-02-22

CentroTango Argentino

ll Centro del Tango Argentino diretto da Eliana Montanari e Ali Namazi, è il primo centro in Italia interamente dedicato alla musica e alla danza di Buenos Aires, un'Associazione culturale che dal 1990 mette in campo energie, iniziative e passione per diffondere la cultura del Tango Argentino con la Prima scuola stabile, nella quale si sono formate centinaia di amatori e professionisti. Ogni domenica dalle 19.00 fino a dopo la mezzanotte c'è il il Tango bar, con ballerini ospiti, musicisti e musica da vivo, incontro per gli appassionati e vera ''Milonga'' per tutti coloro che a Roma, desiderano ballare il Tango Argentino..

Contemporary Tango

from 2015-04-21 to 2015-04-26

Teatro Quirino Vittorio Gassman

Regia di M. Zullo, scene di G. Maurizi, con Kledi Kadiu.
Tradizione e modernità si fondono in Contemporary Tango, racconto danzato di umane passioni dell'abbraccio sensuale di una musica eterna..

Indaco

from 2015-04-16 to 2015-04-19

Teatro Italia

Con C. Ledri, C. Fagioli (coreografie), compagnia Rbr Dance Company.

Aterballetto - Don Q. / Rossini Cards

from 2015-05-05 to 2015-05-06

Teatro Olimpico


hotel termini station rome


free wifi rome hotel
central Hotel Rome
First Class central hotel in Rome
. Ateneo Garden Palace ™ Hotel Address: Via dei Salentini 1/3, Rome, Italy.
Tel: +39 06/4440042. Fax: +39 06/4453621. City Zone of Rome : City Center Termini University La Sapienza San Lorenzo
GeoCoordinates +41° 53' 54.86", +12° 30' 40.25"